Le repubbliche marinare: appunti

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

A partire dal secolo XI, in Italia iniziarono a svilupparsi le cosiddette "repubbliche marinare", che promossero la nascita di alcuni Stati molto influenti.
Della riapertura degli scambi marittimi, avvenuti dopo l'anno mille, si avvantaggiarono in soprattutto le quattro città marinare di Amalfi, Pisa, Genova e Venezia. Il successo economico, politico e militare di queste città trova la sua spiegazione nella loro privilegiata posizione geografica, affacciate sul mare. Per spiegare la loro complessa storia, ecco di seguito alcuni fondamentali appunti sulle repubbliche marinare.

25

Queste quattro città si svincolarono lentamente dalla sottomissione a Bisanzio o ai feudatari, costituendosi come nuovi governi autonomi mercantili. Ne conseguì che la principale classe sociale era formata da mercanti che presero la guida delle città. Amalfi costituì un proprio parlamento ma la sua autonomia fu breve perché ben presto la repubblica amalfitana venne assoggettata al dominio dei Normanni.

35

La città di Pisa invece raggiunse la sua autonomia dal dominio saraceno grazie al'alleanza stretta con un'altra repubblica marinara, quella di Genova.
Dopo la cacciata dei saraceni, Pisa raggiunse il suo apice quando riuscì a intrecciare degli importanti accordi commerciali con i paesi del Levante. La sua gloria, tuttavia, fu di breve durata perché ben presto entrò in conflitto proprio con Genova. Il motivo della discordia fu la fruizione delle isole sottratte ai musulmani. Pisa in un primo momento sconfisse Genova, ma quest'ultima ebbe la meglio nella battaglia navale della Meloria, nel 1284.

Continua la lettura
45

Anche Genova subì gli attacchi saraceni dei quali si liberò prontamente e diede il via ad un governo autonomo. Dopo la famosa battaglia della Meloria, in cui sbaragliò l'ex alleata Pisa, Genova ottenne la superiorità navale nel Mediterraneo e nel Tirreno. Il suo potere, però, non era gradito a Venezia, un'altra fra le più importanti repubbliche marinare. Iniziarono, quindi, accesi scontri fra le due città che provocarono il decadimento di Genova. Nel 1298 Genova riuscì ad annientare la flotta veneziana ma la guerra di Chioggia determinò il predominio di Venezia su tutto il Mediterraneo.

55

Venezia fu fondata tra il V e il VI secolo dalla popolazione che si rifugiò nella laguna per proteggersi dalle invasioni barbariche. Questa posizione privilegiata consentì ai veneziani di specializzarsi nel commercio marittimo, diventando presto un'importante potenza militare.
Venezia, conquistò le città costiere di Dalmazia e Istria e diventò talmente potente da suscitare le invidie di Genova. La rivalità fra le due repubbliche marinare, tuttavia, segnò il tracollo di Genova e la supremazia di Venezia. La città veneta, dopo essersi distinta nelle Crociate, affermò la sua supremazia e divenne la più importante fra le repubbliche marinare.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Storia: le Signorie in Italia

Tra la metà del 200 e gli inizi del 300 si assiste ad un fenomeno di grande importanza in Italia, il passaggio dalle istituzioni comunali al governo di un solo signore. Tutto questo succede con modalità e tempi diversi sul piano nazionale. La signoria...
Superiori

Storia: la Battaglia di Lepanto

La Battaglia di Lepanto fu uno scontro della storia navale decisivo tra cristiani ed Ottomani che pose fine alle mire espansionistiche di questi ultimi. Si svolse nell'ottobre del 1571 in Grecia nelle acque di Lepanto, durante la guerra di Cipro, e vide...
Lingue

Come fare il comparativo in russo

Il russo è una lingua di origine slava, parlata non soltanto in Russia, ma anche in diverse ex repubbliche dell'Unione Sovietica. Secondo studi recenti, si attesta che tale lingua viene parlata da quasi centottanta milioni di persone, e rappresenta il...
Elementari e Medie

Storia: l'Italia Medievale

La storia è ricca di riferimenti importanti, ognuno segna una tappa fondamentale per il proseguire dello sviluppo umano, sociale e industriale che ha portato a quel tipo di società che oggi chiamiamo moderna. Ma il processo di evoluzione è stato molto...
Superiori

L'Unità d'Italia in breve

L'Unità d'Italia non fu facile e, gli avvenimenti storici che portarono a questa unione, si protrassero per gran parte del 1800. Caduto Napoleone, si riunì il Congresso di Vienna (1814-1815) per dare all'Europa un nuovo assetto. Esso si propose di...
Lingue

Scuole di russo a Genova

Se decidiamo di imparare il russo dobbiamo sapere che è una lingua piuttosto difficile ma senza dubbio affascinante, con una grammatica e un alfabeto complicati soprattutto per la presenza di lettere e suoni diversi dai nostri. Per impararlo vi sono...
Superiori

Guida alla pittura barocca

A Roma nella seconda metà del XVII secolo ci fu una corrente pittorica nota come il "cortonismo". I pittori cortoneschi lavorarono specialmente come decoratori di ambienti, sviluppando i motivi stilistici elaborati da Pietro da Cortona. Tal genere pittorico...
Superiori

Storia: guelfi e ghibellini

I Guelfi e i Ghibellini, erano le due fazioni opposte nella politica italiana dal dodicesimo fino alla nascita delle Signorie nel quattordicesimo secolo. Le origini dei nomi risalgono alla lotta per la corona imperiale dopo la morte dell'imperatore Enrico...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.