Le repubbliche marinare: appunti

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

A partire dal secolo XI, in Italia iniziarono a svilupparsi le cosiddette "repubbliche marinare", che promossero la nascita di alcuni Stati molto influenti.
Della riapertura degli scambi marittimi, avvenuti dopo l'anno mille, si avvantaggiarono in soprattutto le quattro città marinare di Amalfi, Pisa, Genova e Venezia. Il successo economico, politico e militare di queste città trova la sua spiegazione nella loro privilegiata posizione geografica, affacciate sul mare. Per spiegare la loro complessa storia, ecco di seguito alcuni fondamentali appunti sulle repubbliche marinare.

25

Queste quattro città si svincolarono lentamente dalla sottomissione a Bisanzio o ai feudatari, costituendosi come nuovi governi autonomi mercantili. Ne conseguì che la principale classe sociale era formata da mercanti che presero la guida delle città. Amalfi costituì un proprio parlamento ma la sua autonomia fu breve perché ben presto la repubblica amalfitana venne assoggettata al dominio dei Normanni.

35

La città di Pisa invece raggiunse la sua autonomia dal dominio saraceno grazie al'alleanza stretta con un'altra repubblica marinara, quella di Genova.
Dopo la cacciata dei saraceni, Pisa raggiunse il suo apice quando riuscì a intrecciare degli importanti accordi commerciali con i paesi del Levante. La sua gloria, tuttavia, fu di breve durata perché ben presto entrò in conflitto proprio con Genova. Il motivo della discordia fu la fruizione delle isole sottratte ai musulmani. Pisa in un primo momento sconfisse Genova, ma quest'ultima ebbe la meglio nella battaglia navale della Meloria, nel 1284.

Continua la lettura
45

Anche Genova subì gli attacchi saraceni dei quali si liberò prontamente e diede il via ad un governo autonomo. Dopo la famosa battaglia della Meloria, in cui sbaragliò l'ex alleata Pisa, Genova ottenne la superiorità navale nel Mediterraneo e nel Tirreno. Il suo potere, però, non era gradito a Venezia, un'altra fra le più importanti repubbliche marinare. Iniziarono, quindi, accesi scontri fra le due città che provocarono il decadimento di Genova. Nel 1298 Genova riuscì ad annientare la flotta veneziana ma la guerra di Chioggia determinò il predominio di Venezia su tutto il Mediterraneo.

55

Venezia fu fondata tra il V e il VI secolo dalla popolazione che si rifugiò nella laguna per proteggersi dalle invasioni barbariche. Questa posizione privilegiata consentì ai veneziani di specializzarsi nel commercio marittimo, diventando presto un'importante potenza militare.
Venezia, conquistò le città costiere di Dalmazia e Istria e diventò talmente potente da suscitare le invidie di Genova. La rivalità fra le due repubbliche marinare, tuttavia, segnò il tracollo di Genova e la supremazia di Venezia. La città veneta, dopo essersi distinta nelle Crociate, affermò la sua supremazia e divenne la più importante fra le repubbliche marinare.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Il medioevo in Europa: appunti

Per molto tempo il Medioevo è stato considerato un periodo buio della storia europeo, tormentato da guerre, epidemie e regresso scientifico: in realtà, quanto questa affermazione sia sbagliata lo dimostra il fatto che, proprio durante il Medioevo, si...
Superiori

Prendere appunti: consigli per farlo al meglio

Prendere appunti è necessario in moltissime situazioni della vita quotidiana. Molti iniziano a prendere appunti fra i banchi di scuola, ma sicuramente non si finisce di prenderli lì. Anche nella vita lavorativa si può avere infatti l'esigenza di prendere...
Superiori

Prendere appunti: i peggiori errori

A scuola spesso, nella maggior parte delle materie, si prendono appunti in varie maniere: più o meno alla rinfusa, preparando una scaletta, in modo ordinato oppure con un metodo preciso. Spesso questo dipende dalla persona stessa, la quale ascolta la...
Superiori

Come organizzare un quaderno di appunti

Generalmente tutto comincia con gli appunti. Il capo che ci spiega il lavoro da fare; l'analista che tiene una conferenza sul nostro settore di mercato; i nostri collaboratori più stretti; riuniti intorno ad un tavolo per una riunione. Nonostante oggi...
Superiori

Come prendere buoni appunti a lezione

Un buon metodo di studio è essenziale per un andamento scolastico ottimale. A supportare lo studio, però, è necessario avere altrettanto buoni strumenti che facilitino il lavoro a casa. Oltre al libro di testo, che non tutti i professori seguono alla...
Superiori

5 consigli per riordinare gli appunti

Affrontare al meglio le scuole superiori, sia che si tratti di un liceo o di un istituto professionale, significa non solo imparare, e mettere in pratica, un metodo di studio adeguato, ma anche saper sviluppare delle doti organizzative e gestionali che...
Superiori

5 consigli per schematizzare gli appunti

Schematizzare gli appunti è un’operazione estremamente importante ed efficace. Una volta acquisita la giusta metodologia, si può risparmiare tempo nell'acquisizione dei concetti. Scrivere correttamente gli appunti, infatti, permette di migliorare...
Superiori

Come prendere appunti durante una spiegazione.

Molto spesso per gli studenti, seguire le ore di lezione scolastiche è molto importante per risparmiarsi del tempo prezioso a casa. Infatti, con un buon apprendimento, i compiti pomeridiani saranno molto più fluidi, considerando che metà del lavoro...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.