Le principali cause della seconda guerra mondiale

Tramite: O2O 03/06/2015
Difficoltà: media
17

Introduzione

Gli anni che intercorrono tra il 1939 e il 1945 vedono il contesto mondiale macchiarsi delle indelebili tracce del conflitto più grande nella storia dell'uomo.  Nel testo che segue troverete una breve rassegna delle cinque principali cause che hanno condotto il cammino dell'umanità verso il tragico scenario.  Molteplici sono state infatti le conflittualità politiche che hanno portato le nazioni europee ed extraeuropee alla seconda guerra mondiale.  
Fondamentale nell'accendere gli scontri bellici fu la questione di Danzica e le mire espansionistiche di Adolf Hitler sul cosiddetto corridoio polacco, che avrebbe permesso l'unificazione della Prussia Occidentale con la Prussia Orientale.  Tuttavia le questioni profonde alla base della guerra sono da ricercare anche in altri fattori geopolitici più profondi.

27

Il desiderio di riscatto della Germania

Uno dei fondamentali moventi del conflitto mondiale è da ricercare nel desiderio della Germania di riscattarsi dopo la sconfitta inflitta dalle forze alleate durante la Prima Guerra Mondiale, con il conseguente obbligo imposto dalla comunità internazionale, verso la nazione tedesca, di cedere l'Alsazia e la Lorena alla Francia, nonché rinunciare al prezioso bacino carbonifero della Saar.

37

La voglia di espansione tedesca

Un secondo movente, sempre collegato con le smanie di conquista della nazione guidata dal dittatore Adolf Hitler, è da ricercare nelle mire imperialistiche della Germania nazista che mette mano al riarmo per la conquista del cosiddetto spazio vitale, annettendo l'Austria e occupando la Cecoslovacchia.
Francia e Inghilterra sottovalutarono il pericolo, in quella fase, l'Italia restò invece a guardare, colpevole delle politiche dettate dallo stato fascista.

Continua la lettura
47

L'asse Roma-Berlino

La dittatura nazista non è l'unico elemento di ombra che offusca il secondo quarto del secolo scorso, in Italia un altro dittatore affianca e sostiene infatti i piani di Hitler, è Benito Mussolini, il quale stringerà prima l'asse Roma-Berlino, che confluirà poco dopo nell'alleanza italo-tedesca definita Patto d'Acciaio.

57

L'Italia contro il resto d'Europa

La politica estera italiana vive inoltre in quegli anni un forte contrasto con Francia e l'Inghilterra.  Nel primo caso è la contesa dei territori di Nizza, Savoia e della Corsica ad alimentare i contrasti, mentre nel secondo caso è la politica coloniale del duce ad alimentare le tensioni.

67

Lo scacchiere si complica

L'ascesa di potere sempre maggiore da parte della Germania provoca le sempre maggiori preoccupazioni nelle altre nazioni europee, che tentano di portare la Russia a condividere una politica estera di contenimento del folle dittatore.  La scelta delle potenze alleate viene però battuta sul tempo dall'accordo stretto tra Hitler e Stalin che sancisce la non aggressione tra le due nazioni.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Prima Guerra Mondiale Riassunto

La Prima Guerra Mondiale ha segnato il corso del secolo scorso, cambiando inesorabilmente il mondo e influenzando per diretta conseguenza anche la società attuale. È stata la prima guerra che ha visto l'utilizzo di nuove armi e ad alto sterminio come...
Elementari e Medie

Come fare una tesina sulla Prima Guerra Mondiale

La Prima Guerra Mondiale è uno degli argomenti più trattati durante il percorso scolastico, soprattutto nell'ambito delle scuole medie, molto spesso agli studenti viene chiesto di fare ricerche o progetti riguardanti questo importante periodo storico.N....
Elementari e Medie

Le fasi più importanti della Prima Guerra Mondiale

La prima guerra mondiale iniziò nel 1914, dopo l'assassinio dell'Arciduca Francesco Ferdinando, e durò fino al 1918. Durante il conflitto, Germania, Austria-Ungheria, Bulgaria e l'Impero Ottomano (le Potenze Centrali) combatterono contro Gran Bretagna,...
Elementari e Medie

Le cause della prima guerra di Indipendenza

Tutti i moti rivoluzionari durante il corso del 1848 sconvolsero pesantemente tutta la penisola oltre che l'Europa scatenando un frastuono generale che sconvolse causando un moto ampissimo fatto di terre, cultura, religioni e società diverse tra loro...
Elementari e Medie

Storia: la seconda guerra balcanica

La seconda guerra balcanica fu combattuta nel 1913 tra la Bulgaria con i suoi alleati nella prima guerra balcanica (Serbia, Grecia e Montenegro, dall'altra), e la Romania con l'Impero Ottomano. Il conflitto scoppiò quando la Bulgaria, insoddisfatta della...
Elementari e Medie

Le cause della Rivoluzione Americana

La rivoluzione americana è quel famoso conflitto noto anche come guerra di indipendenza che permise appunto l'indipendenza alle 13 colonie americane che all'epoca si trovavano sotto il dominio del Regno di Gran Bretagna. Il conflitto ebbe una durata...
Elementari e Medie

Storia: la guerra franco-spagnola

La guerra franco-spagnola (1635-1659) è stata un conflitto militare provocato dal coinvolgimento della Francia nella Guerra dei Trent'anni: dopo che gli alleati tedeschi della Svezia vennero obbligati a chiedere conto al Sacro Romano Impero, il cardinale...
Elementari e Medie

La seconda guerra d'indipendenza nel 1859

Lo Stato Italiano è il risultato di tre Guerre d'Indipendenza.Ma per la definizione degli attuali confini si è dovuto attendere la fine della prima guerra mondiale.Trentino e Venezia Giulia sono entrati a far parte dell'Italia solamente in seguito ai...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.