Le peggiori epidemie della storia

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Sviluppatesi soprattutto in passato, ma anche al giorno d'oggi, le epidemie nella storia dell'uomo sono state davvero tantissime. Alcune di queste, però, sono state nettamente peggiori di altre tanto da aver portato alla morte di decine di milioni di uomini ed a notevoli conseguenze anche sul piano storico. Ecco l'elenco delle peggiori epidemie della storia.

26

La peste di Giustiniano

La peste di Giustiniano ebbe luogo nei territori dell'impero bizantino e, più in particolare, nella città di Costantinopoli, negli anni 541-542. La causa della pandemia fu un batterio conosciuto come Yersinia Pestis che arrivò ad uccidere nella sola Costantinopoli ben 5.000-10.000 persone ogni giorno. Questa epidemia influenzò anche la Guerra Gotica, dando agli Ostrogoti la possibilità di rinforzarsi. Il totale delle vittime fu di 100.000.000 morti, numero che rende questa epidemia la peggiore nella storia.

36

La peste nera

La peste nera è, sicuramente, tra le epidemie con la più grande espansione territoriale: si diffuse, infatti, in tutta Europa e in parte dell'Asia mietendo ben 75 milioni di vittime ovvero un terzo della popolazione dell'epoca. Durò all'incirca cinque anni: dal 1348 al 1353. La scarsa igiene, le guerre ed i roditori favorirono la diffusione del batterio. Fu soprannominata "nera" a causa della sua virulenza.

Continua la lettura
46

L' A.I.D.S.

L'A. I. D. S. È l'epidemia più diffusa ai giorni nostri. Il virus (HIV) interferisce con il sistema immunitario della persona abbattendone le difese: in tal modo si è molto più suscettibili alle infezioni. La malattia ha provocato fino ad ora ben 39.000.000 di morti ed è, per lo più, diffusa nelle nazioni in via di sviluppo e tra gli indigenti di tutto il pianeta. L'Africa subsahariana, il Sud Africa, la Nigeria e l'India sono, infatti, i paesi più colpiti al mondo.

56

L'influenza spagnola

L'influenza spagnola si diffuse in Europa nel 1918-1920 a seguito dello sbarco delle truppe americane. Fu denominata spagnola perché inizialmente furono solo i giornali spagnoli a parlarne. A provocarla fu il virus dell'influenza A H1N1. Il numero delle vittime è ancora incerto, a causa della sovrapposizione dell'epidemia con la Prima Guerra Mondiale, ma si stimano almeno venti milioni di morti.

66

Il colera

Il colera si diffuse in Europa durante il 1800, a seguito degli intensi scambi commerciali tra l'Inghilterra e l'India. Durante quel secolo, ma anche nel 1900, le pandemie furono cicliche e la più forte fu la sesta che uccise un milione e cinquecentomila persone. Gran parte dei porti italiani si difesero istituendo cordoni sanitari marittimi e la quarantena per le imbarcazioni provenienti da zone sospette.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

La fine dell'Impero Romano d'Occidente

L'anno in cui si fa risalire la fine dell' Impero Romano d'Occidente è il 476 d. C. In quell'anno, infatti, Odoacre, che era il generale a capo delle milizie germaniche dell'Impero, depose l'ultimo imperatore romano d'Occidente, Romolo Augusto. Per comodità...
Superiori

Il medioevo in Europa: appunti

Per molto tempo il Medioevo è stato considerato un periodo buio della storia europeo, tormentato da guerre, epidemie e regresso scientifico: in realtà, quanto questa affermazione sia sbagliata lo dimostra il fatto che, proprio durante il Medioevo, si...
Superiori

I peggiori disatri aerei della storia

Secondo le statistiche la probabilità di perdere la vita durante un incidente aereo è molto più bassa rispetto alla probabilità di perderla durante un incidente in macchina. Questo principalmente perché un viaggio in aereo per la maggior parte della...
Superiori

La rivoluzione francese

La rivoluzione francese è stato un evento storico molto importante perché, oltre a cambiare le sorti della Francia del 18° secolo, influenzò il pensiero e i movimenti rivoluzionari nell'intero continente europeo. Dal 1789 al 1795 il terzo stato e...
Elementari e Medie

Storia: le Signorie in Italia

Tra la metà del 200 e gli inizi del 300 si assiste ad un fenomeno di grande importanza in Italia, il passaggio dalle istituzioni comunali al governo di un solo signore. Tutto questo succede con modalità e tempi diversi sul piano nazionale. La signoria...
Università e Master

Appunti di Diritto sanitario

Quasi tutte le scoperte scientifiche che vengono fatte oggi, sono costrette ad adeguarsi a quelle che sono le regole del diritto sanitario. Il diritto sanitario è considerato una disciplina fondamentale nel campo sanitario e, soprattutto, è in continua...
Università e Master

Appunti di igiene zootecnica

Tutti gli studenti iscritti all'università nella facoltà di Agraria incontrano, durante il loro percorso di studi, la zootecnica, disciplina che si occupa della produzione e dell'allevamento degli animali. Una delle parti di notevole importanza è lo...
Superiori

Prendere appunti: i peggiori errori

A scuola spesso, nella maggior parte delle materie, si prendono appunti in varie maniere: più o meno alla rinfusa, preparando una scaletta, in modo ordinato oppure con un metodo preciso. Spesso questo dipende dalla persona stessa, la quale ascolta la...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.