Le novelle di Verga

tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

Giovanni Verga, (1840-1922) è stato uno scrittore e drammaturgo italiano, riconosciuto come grande esponente di una corrente letteraria chiamata il Verismo. Lo scrittore, quindi, non ha più un ruolo chiave e partecipativo nel racconto, ma si pone al margine della descrizione come narratore regredito che rinuncia ai suoi pensieri e ai suoi giudizi per regredire appunto al livello sociale e culturale dei personaggi di cui intende parlare. La sua letteratura vede di base la scientificità e il senso di pessimismo dei naturalisti, senza alcuna speranza di miglioramento sociale. Egli è stato fortemente influenzato dal darwinismo sociale, una delle maggiori teorie di quell'epoca. In questo post, più nel dettaglio, vedremo le sue clebri opere: le novelle.

24

La prima raccolta di novelle è del 1879, si intitola ''Primavera e altri racconti''. Qui vi si parla come tema principale dell'amore per ciò che riguarda gli ambienti dell'alta borghesia milanese; e i racconti qui pubblicati, in realtà erano precedentemente usciti prima su alcune riviste. Poi c'è la raccolta dal nome ''Nedda'' è il primo esempio di pre verismo in cui viene descritta una Sicilia povera e umile.

34

Invece, con le novelle del 1880 ''Vita dei Campi '' e del 1883 ''Novelle rusticane'', inizia la vera e propria fase del verismo di Verga. Ancora una volta la protagonista è la classe sociale bassa ai quali fanno solo da contorno i nobili del paese. Verga ha l’occasione di parlare di quel paesaggio siciliano al quale è tanto legato e di addentrarsi nella descrizione della sconfitta di chi si vuole cimentare nella scalata sociale. Emerge chiaramente qui il pessimismo verghiano di cui “Rosso Malpelo”, “Jeli il pastore” e “Fantasticheria” sono solo alcuni esempi. Vi sono poi, in conclusione, “Drammi intimi” del 1884.

Continua la lettura
44

Nelle Novelle veriste, l’autore descrive in modo nudo e crudo le miserie umane dell’ambiente siciliano. L’ambiente aspro della sua terra natia si affianca alla profonda indagine della vita contadina dove i soggetti, già raccontati in alcuni romanzi contemporanei, sono descritti con uno stile più maturo e tagliente. Ma l’intensità delle emozioni e delle passioni umane rimangono le stesse: gelosia, vendetta, indifferenza, freddezza sono ancora i fili che reggono le trame dei racconti mentre il destino beffardo sogghigna alle spalle dei personaggi. Il narratore è di nuovo regredito e Verga stesso nella prefazione del “Cliclo di vinti” afferma che l’autore non deve prendere parte alla narrazione perché non ha diritto a giudicare o criticare ciò che accade.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Il Verismo di Giovanni Verga

Il nome di Giovanni Verga va spesso insieme ad un'altra parola, ovvero il "Verismo"; infatti egli è l'autore per eccellenza che aprì, in Italia la strada del verismo (corrente letteraria di fine Ottocento). Questo movimento letterario fu caratterizzato...
Superiori

Vita e opere di Giovanni Verga

Questo tutorial ha lo scopo di aiutare le persone a conoscere in modo più approfondito la vita e le opere di Giovanni Verga. Egli è stato il più grande esponente del verismo; nato a Catania nel 1840 è morto nella stessa città nel 1922. I suoi primi...
Superiori

Breve analisi de "I Malavoglia" di Verga

"I Malavoglia" è una delle opere maggiori di Giovanni Verga, uno dei maestri della narrativa novecentesca. Il romanzo è tutto imperniato sulla storia di una famiglia di pescatori siciliani, i Toscano (chiamati in paese "Malavoglia", da qui il titolo),...
Superiori

I principali esponenti del Verismo

Il verismo è un movimento letterario che si diffonde in Italia negli ultimi decenne dell'Ottocento e nei primi anni del Novecento.Il termine Verismo deriva dalla parola "vero"; secondo i veristi Io scrittore ha il compito di riprodurrela realtà in modo...
Superiori

Boccaccio: il Decamerone

La guida che svilupperemo nei passi che seguiranno, andrà a occuparsi di una delle opere più importanti della letteratura italiana: il Decamerone di Giovanni Boccaccio. Il Decamerone, conosciuto anche come Decameron, è una raccolta di 100 novelle scritta...
Superiori

Appunti di letteratura: la lettura del Decameron

Il Decameron è un'opera di Giovanni Boccaccio, scritta in volgare tra il 1349 e il 1351. In poche parole già si evince dal titolo di cosa si parlerà nell'opera, cioè si tratta di dieci giornate. Infatti Boccaccio per raccontare questa storia inventa...
Superiori

Appunti di letteratura italiana: il Verismo

Nella letteratura italiana, per Verismo si intende un movimento letterario sviluppatosi fra il 1875 ed il 1895. Ciò che caratterizza il verismo è la volontà - da parte degli autori - di raccontare la realtà in maniera fedele ed oggettiva fotografando...
Superiori

Come riassumere il Decameron in pochi punti

Scritto tra il 1349 e il 1351, il Decameron (o Decamerone) è un componimento in lingua volgare italiana scritto da Giovanni Boccaccio, uno dei più importanti scrittori e poeti della storia della letteratura italiana, nonché uno dei tre famosi trecentisti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.