Le migliori scuse per saltare un'interrogazione

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

Quello scolastico è uno dei periodi che segnano di più la nostra vita. Esso viene caratterizzato da momenti davvero unici che ci segneranno per sempre. Senza ombra di di dubbio, una volta terminati gli studi scolastici, ritornare con la nostra mente ai ricordi dei compagni di classe, dei compiti e persino delle interrogazioni ci fa fa vivere un po' di malinconia. Esistono degli stratagemmi che ci consentono comunque di evitare in maniera scaltra e furba le interrogazioni tanto odiate dagli studenti. Lo scopo di questa guida è quello proprio di illustrare in maniera semplice ed efficace le migliori scuse per saltare un'interrogazione. Chiaramente quelle esposte sono scuse che possono essere utili solo qualche volta. Poiché ovviamente studiare e soprattutto affrontare un'interrogazione è inevitabile.

24

Le prime scuse sono ideate per attori, quindi sono per persone che riescono a mantenere il sangue freddo. Una delle scuse più usate, ma che nessuno può controbattere, sono quelle riguardanti la famiglia. Quindi spiegate che un vostro familiare si è sentito male, naturalmente evitate di dire che è morto, magari spiegate che è stato fatto e voi siete andati a trovarlo per assisterlo.

34

Poi c'è la scusa del mal di testa, che certe volte può sembrare banale, ma se viene ben architettato magari diventa una buona risorsa a vostro vantaggio. Cominciate a far finta di sentirvi male magari l'ora prima e chiedete al professore di essere accompagnato in infermeria. Ovviamente il professore a fine dell'ora parlerà con il suo collega e spiegherà la situazione al suo collega. Magari ritornate in classe a metà dell'ora successiva è raccontate che soffrite di un forte mal di testa e chiedete se potete andare a casa. Usate il trucco di chiedere se potete andare a casa solo se siete a fine giornata, così il professore vi darà: "Ma sei proprio sicuro?, manca solo mezzora o un'ora alla fine?". Voi spiegate che allora preferite aspettare un po', nel caso sarà vostra premura avvertirlo appena non ce la facciate più.

Continua la lettura
44

Se la vostra interrogazione sarà nella prima o l'ultima ora, ovviamente saltate una delle due ore. Questa tecnica si consiglia di utilizzarla solo se non è un' abitudine o in caso di emergenza, altrimenti verrete scoperti. Naturalmente potete non andare a scuola, ma perderete tutta la giornata.
Non utilizzate la scusa di farvi venire a chiamare da un vostro amico, dicendo: "Professoressa buongiorno, la prof. Bianchi ha chiesto di Rossi che gli deve chiedere una cosa per un progetto".
Ovviamente dopo la Professoressa bianchi parlerà con la vostra e scoprirà la "furbata".

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

5 scuse plausibili per evitare l'interrogazione

La cosa più temuta per ogni studente sono, oltre ai compiti in classe, le interrogazioni. Soprattutto con l' avvicinarsi dei consigli di classe o alla fine del semestre il pericolo è sempre imminente. Se esse sono programmate non c' è nulla da...
Superiori

Le migliori scuse per non andare a scuola

Tutti, almeno una volta nella nostra carriera scolastica, abbiamo tentato di marinare la scuola. Per certi ragazzi, l'obbligo della frequenza a lungo andare può essere monotono e causa di una piccola ribellione interna. Ma non solo, il fatto stesso di...
Superiori

Le migliori scuse per giustificare un ritardo a scuola

Se arrivate spesso in ritardo a scuola e non avete più scuse da inventare con i professori e con i compagni, eccovi una breve ed efficace guida che vi illustrerà quali sono le migliori scuse per giustificare il vostro ritardo a scuola. Spesso, molte...
Superiori

10 modi per rimandare un'interrogazione

Avete un'interrogazione, non siete preparati e siete costretti ad andare a scuola? Sicuramente in quei momenti pensate a delle scuse, quindi dei modi, per cercare di evitare e rimandare un'interrogazione, nella speranza che questo possa funzionare e che...
Superiori

Idee per rimandare un'interrogazione

Quante volte durante l'anno scolastico vi è successo di non studiare abbastanza ed essere impreparati in vista di un'interrogazione? Sicuramente questa non è una delle situazioni migliori che possano capitare, ma difficilmente si riesce ad essere...
Superiori

Come affrontare un'interrogazione scolastica

In questo articolo vogliamo aiutarvi a capire in che modo è possibile prepararsi ad un'interrogazione scolastica. Questo tutorial infatti indicherà a tutti gli scolari il metodo giusto ed idoneo per affrontare al meglio un'interrogazione. Sappiamo che...
Superiori

10 consigli per l'interrogazione perfetta

Una delle cose che terrorizza di più un qualsiasi studente è l'interrogazione. Quanti studenti non sono andati a scuola per paura di prendere brutti voti a causa di un'interrogazione? Per superare questa paura, cercheremo di darvi 10 consigli utili...
Superiori

Le 5 frasi da non dire mai prima di un'interrogazione

Il periodo scolastico è uno dei più belli e al contempo più brutti della vita di ogni persona. Durante questo periodo ci si può godere la spensieratezza della giovinezza. Sicuramente molti di noi hanno passato molto tempo sui libri, cercando di prepararsi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.