Le migliori scuse per non andare a scuola

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Tutti, almeno una volta nella nostra carriera scolastica, abbiamo tentato di marinare la scuola. Per certi ragazzi, l'obbligo della frequenza a lungo andare può essere monotono e causa di una piccola ribellione interna. Ma non solo, il fatto stesso di rompere anche quella sorta di equilibrio che li obbliga a comportarsi in una certa maniera, può diventare la causa scatenante del non voler andare a scuola. Questo periodo di crisi può essere passeggero quindi durare qualche giorno o diventare davvero cronico e prendere il sopravvento. Nella seguente guida vedremo quali sono le scuse migliori che in genere vengono adottate per non andare a scuola.

25

Tutta la classe resta a casa

Le scuse incominciano con "oggi abbiamo un paio di ore vuote in quanto manca un professore, tutta la classe ha deciso di rimanere a casa io praticamente sarei solo". Sembra più una lunga trama di un racconto, ma in realtà si tratta di una scusa che i ragazzi amano adottare molto più spesso di quello che si possa pensare. Forse nel lungo repertorio potrebbe essere quella che da migliori risultati, infatti sono pochi i genitori che magari si prendono la briga di accertarsi se questa notizia sia vera o frutto solamente di un'innata fantasia. I ragazzi ormai sanno perfettamente come si comporta i propri genitori e sanno fino a dove si possono realmente spingere.

35

Resto a casa per studiare per una verifica

Vi è poi un'altra scusa, che odora di bugia non appena le prime parole vengo pronunciate, ovvero "dopodomani ho una verifica davvero molto importante posso rimanere a casa così studio e mi preparo per prendere un bel voto?" Questa fra le tante davvero forse è la meno credibile di tutte, soprattutto se il ragazzo in questione apre i libri di rado, e quando lo fa è sicuramente perché ha ricevuto una sonora lavata di testa. Il repertorio naturalmente è ancora molto lungo, molte sono le carte ancora da giocare, una cosa è certa che i ragazzi di oggi non sanno che anche noi abbiamo usato le stesse tattiche a nostra volta e che ormai siamo navigati.

Continua la lettura
45

Non mi sento bene

Forse la scusa più classica che viene adoperata è quella "non mi sento troppo bene" la quale viene sostenuta da una faccia davvero mortificata e dolorante, occhi dolci e imploranti i quali cercano disperatamente aiuto e comprensione da parte del genitore che assiste alla scena. Poi si passa a quella magari un pochino più tecnica ovvero, "oggi è sciopero" una frase banalissima buttata lì al momento con la massima noncuranza possibile, in modo che, sempre il genitore che ascolta, non abbia di che pensarci su.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Le migliori scuse per saltare qualche giorno di scuola

Avete un'interrogazione e non vi sentite abbastanza preparati? Non avete voglia di andare a scuola perché pensate di prendere un brutto voto durante un compito? Per rimediare a questi problemi, in questa breve guida, vi elencheremo una vera e propria...
Superiori

Scuse originali per le assenze da scuola

A quale studente non è mai capitato, chi per un motivo chi per un altro, di voler saltare la scuola e prendersi un giorno di vacanza? Purtroppo, restare a casa non è poi così semplice. I ragazzi si trovano davanti l’esigenza di dover pensare ad una...
Superiori

Le migliori scuse per saltare un'interrogazione

Quello scolastico è uno dei periodi che segnano di più la nostra vita. Esso viene caratterizzato da momenti davvero unici che ci segneranno per sempre. Senza ombra di di dubbio, una volta terminati gli studi scolastici, ritornare con la nostra mente...
Superiori

5 scuse plausibili per evitare l'interrogazione

La cosa più temuta per ogni studente sono, oltre ai compiti in classe, le interrogazioni. Soprattutto con l' avvicinarsi dei consigli di classe o alla fine del semestre il pericolo è sempre imminente. Se esse sono programmate non c' è nulla da...
Superiori

5 consigli per non fare tardi a scuola

Alzarsi presto per andare a scuola. Essere puntuali. Che incubo! Quanti di voi non vorrebbero iniziare la scuola a mezzogiorno? E quanti invece hanno dovuto inventarsi mille scuse per giustificare i continui ritardi? Ecco allora che questa lista vi viene...
Superiori

Come comportarsi a scuola

La scuola è il luogo dove molti giovani passano buona parte della loro giornata. Un luogo di formazione, dove oltre ad imparare le nozioni delle varie discipline fanno tante nuove esperienze e creano legami con i con i loro compagni e insegnanti. Tutto...
Superiori

5 consigli per integrarsi in una nuova scuola

Integrarsi in una nuova scuola non è mai un passo facile, ma con un po' di lungimiranza e pazienza potete adattarvi molto in fretta nel nuovo ambiente scolastico. In questa guida vi offro 5 consigli per integrarsi in una nuova scuola. Seguiteli e vi...
Superiori

5 consigli per affrontare la scuola al meglio

Per tanti bambini e tanti ragazzi, la scuola rappresenta una vera e propria tortura! L'affrontano con scarso entusiasmo, come una forzatura. Molti bambini e ragazzi appaiono demotivati e disinteressati allo studio, alle attività curricolari e a tutte...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.