Le figure retoriche più diffuse

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Il linguaggio umano non serve soltanto per informare e comunicare, ma anche per evocare, impressionare ed emozionare.
È come se le parole fossero dei colori o delle note, attraverso la loro sapiente combinazione, infatti, è possibile costruire dei capolavori, non sotto forma di dipinti e melodie ma di avvincenti romanzi e suggestivi versi poetici.
In questa dimensione artistica del linguaggio, hanno un ruolo fondamentale le cosiddette “figure retoriche” ossia delle forme di espressione linguistica che hanno lo scopo di deviare il discorso in un certo senso, creando un effetto che ha un particolare impatto su chi legge o ascolta. Possiamo nello specifico distinguere: le figure di significato, le figure di pensiero e le figure di parola.
Scopriamo attraverso questa guida quali sono le più diffuse figure retoriche….

24

Figure retoriche di significato

Le figure retoriche di significato sono quelle in cui viene traslato il significato di una parola o di un’espressione verso altre, tra le più comuni: la metafora e l’eufemismo.
La metafora sostituisce parole o concetti che hanno una somiglianza con il significato della parola sostituita. Ad esempio, “ È una persona d’oro” per esprimere il concetto del gran valore della persona (di grande valore è anche l’oro).
L’eufemismo, serve per “ammorbidire” un concetto o un’espressione troppo dura. Ad esempio “Quella persona si è spenta”, per dire che è deceduta.

34

Figure retoriche di parola

Le figure retoriche di parola, sono quelle collegate direttamente ad un’espressione linguistica, tra le più diffuse: l’anafora e l’onomatopea.
Si parla di anafora quando si ripete una o più parole all'inizio di un testo per far comprendere un concetto. Un esempio, una poesia di Giovanni Pascoli: “Sentivo il cullare del mare, sentivo un fru fru tra le fratte; sentivo nel cuore un sussulto”.
L’onomatopea, invece, è la riproduzione di un suono per indicare un concetto che lo ricordi: un esempio è il miagolare del gatto (la parola miagolare contiene il verso stesso del gatto, miao).

Continua la lettura
44

Figure retoriche di pensiero

Le figure retoriche di pensiero, infine, riguardano direttamente i concetti e le idee che si vogliono esprimere, tra le più note: l’antitesi e l’ossimoro.
L’antitesi consiste nell’accostare due frasi, oppure parole, di senso opposto all’interno di un discorso. Un esempio: “Buoni si nasce, cattivi si diventa”.
L’ossimoro è una forma di antitesi e consiste nell’associare parole tra loro opposte e incompatibili, ad esempio: “Il rumore del silenzio” oppure “La dotta ignoranza”.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Figure retoriche di suono

Quando si legge un testo, tanto più se si tratta di un testo in versi, non è importante solo quello che c'è scritto, ma anche come è scritto: no, non sto parlando di aulicità o correttezza grammaticale delle parole utilizzate, ma della loro musicalità....
Elementari e Medie

Figure retoriche: che cosa sono e come usarle

Il retore romano Marco Fabio Quintiliano intendeva le figure retoriche come degli scarti rispetto al linguaggio comune. D'altro canto, non possiamo non convenire con Gérard Genette, secondo il quale il linguaggio comune è così zeppo di deviazioni che...
Superiori

Antologia: la poesia

"Non leggiamo o scriviamo poesie perché è carino. Noi leggiamo e scriviamo poesie perché siamo membri della razza umana". Così dice ai suoi allievi il professor Keating nel "L'Attimo fuggente", esprimendo quel bisogno di poesia che è insito nell'essere...
Superiori

Come riconoscere un'epifora

La lingua italiana conta numerose regole grammaticali. Tra queste si riscontrano le figure retoriche. Per non fare confusione, si distinguono forme espressive sintattiche, sonore e di significato. L'epifora, desitio, reversio, conversio o epistrofe, appartiene...
Superiori

Come individuare un ossimoro

Il discorso è ricco di figure retoriche, artifici stilistici inseriti all'interno del discorso, che servono a creare un particolare effetto comunicativo ed emotivo. L'aggettivo "retorico" si riferisce infatti alla "ars oratoria", ovvero all'arte del...
Superiori

Come Individuare Un'Anafora

La lingua italiana è composta da una grammatica abbastanza complessa, ricca di studi e di approfondimenti che solo pochi riescono a conoscere. Le figure retoriche ad esempio, vengono spesso studiate con leggerezza, ma è importante capirne il senso e...
Superiori

Come Individuare Un'Allitterazione

Con il termine allitterazione ci si riferisce a quella figura retorica che viene utilizzata in letteratura con la finalità di realizzare un effetto fonosimbolico. Questo si persegue attraverso la ripetizione, in una frase oppure in una strofa, di alcune...
Superiori

Come svolgere l'analisi di un testo poetico

Svolgere l'analisi di un testo poetico è un esercizio che viene richiesto a partire dalle scuole medie, e a livelli più complessi ce lo si trova d'avanti anche alle scuole superiori, tant'è che alcune prove degli esami di maturità si basano proprio...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.