Le crociate: date e avvenimenti principali

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Le crociate cristiane rappresentarono uno degli eventi più memorabili dell'intera epoca medievale.
Come accade per ogni grande evento storico, anche per le crociate il movente scatenante fu la concomitanza di più fattori, di natura religiosa innanzitutto come dimostrano le prime due crociate fortemente volute dai vari pontefici per la conquista della terra santa minacciata dagli "infedeli" musulmani, ma anche sociale e politica, come dimostrano quasi tutte quelle successive alla seconda, nate dalla volontà dei vari sovrani europei di ottenere maggior prestigio e vantaggi territoriali.

Tenendo in considerazione le principali cronologie possiamo contare dieci crociate ufficiali la cui difficile risoluzione avrebbe prolungato la loro fine di oltre tre secoli, distribuendosi in un arco temporale che va dal X al XII secolo.

Ma passiamo ad esaminare meglio le crociate: date e avvenimenti principali.

27

L'origine religiosa delle prime 3 crociate

Le crociate nacquero in origine come guerre di religione. L'invito del pontefice Urbano II a recare aiuto alla chiesa orientale (minacciata dagli infedeli) unito anche alla richiesta d'aiuto dell'imperatore bizantino Alessio contro i turchi porterà all'avvio della prima crociata (1096) guidata dal duca Goffredo di Buglione che, dopo cinque settimane d'assedio - nel 1099 - riuscì a conquistare Gerusalemme.

La seconda crociata (1147- 1149) fu la prima ad essere guidata da regnanti europei accompagnati dai rispettivi cavalieri ma non senza l'appoggio della chiesa cristiana. Ebbe inizio dopo l'assedio di alcune importanti città allora sotto il dominio selgiuchide per terminare con la sconfitta degli eserciti cristiani da parte delle stesse truppe dei turchi selgiuchidi.

Il clamore della sconfitta portò a mobilitare una terza crociata (1189-1192) nota come "crociata dei re" con cui il sovrano inglese Riccardo Cuor di leone appoggiato da altri sovrani cristiani riuscì a strappare molte città ai turchi fra cui Acri e Giaffa, tranne Gerusalemme che rimaneva nelle mani del condottiero turco noto come Saladino.

37

La quarta crociata e la nascita di un nuovo impero

Il debole assedio della città santa da parte dei cavalieri cristiani spinse il nuovo pontefice Innocenzo III a bandire nel 1202 una nuova crociata contro la dinastia curdo-musulmana degli Ayyubidi che allora dominava in terra santa. Quella nuova crociata però intaccava gli interessi commerciali di Venezia che dagi scambi commerciali con quelle zone traeva enormi profitti. Fu allora che il doge veneziano Enrico Dandolo approfittando della indigenza degli eserciti crociati propose loro di riportare la città di Trieste e altre istriote sotto il dominio veneto in cambio del suo aiuto finanziario.

Venezia avrebbe continuato a servirsi dei crociati per i propri scopi: invece di portarli sul suolo egiziano, gli eserciti crociati vennero condotti dai veneziani a Costantinopoli, dietro il pretesto di volerne fare l'avamposto dell'attacco musulmano. Dopo una serie di atroci massacri nel 1203 si ebbe la conquista di costantinopoli e la fondazione dell'impero latino in terra santa.

Continua la lettura
47

La quinta, la sesta, e la settima crociata

Fra le crociate "di mezzo" va ricordata la quinta (1217-1221) iniziata con un patto fra i crociati e il sultano selgiuchide: mentre i crociati si sarebbero diretti a sud, le truppe del sultano avrebbero mosso, invece, le loro forze verso le zone siriane, con un attacco su due fronti. Ma a seguito delle numerose devastazioni cristiane il sultano, intenzionato a punire la violazione dei patti originari, aprì le dighe del Nilo, la cui piena mise fine ad ogni avanzata.

Dopo otto anni di tregua la sesta crociata (1125-1247) riprese con la scomunica dell'imperatore di Svevia Federico II (per aver differito di troppo l'impresa ed esser venuto a patti con il sultano) e il successivo scontro con le truppe pontificie. Fra tutte le crociate la sesta fu la sola a terminare diplomaticamente con un accordo pacifico, a prova della grande apertura culturale dell'imperatore e del suo filoislamismo.


La settima crociata (1248-1268) fu guidata invece dal nuovo re francese, che inizialmente forte della presa di alcune città, dopo una serie di resistenze indebolite dallo scoppio di alcune epidemie si vide costretto a ritornare in patria, ma solo dopo la cattura e la successiva liberazione.

57

L'ottava crociata e la distruzione del sogno cristiano

In genere l'ottava crociata - iniziata nel 1270 - diretta contro i domini musulmani nel continente africano al fine di convertire i sovrani tunisini è considerata da alcuni come l'ultima in assoluto.
Allo scoppio di nuove ondate di epidemie di tifo e peste le truppe dei regnanti cristiani furono decimate; cessano dunque le ulteriori offensive da parte dei cristiani, costretti a far ritorno in Europa.

Prima di far definitivamente ritorno in patria, tuttavia il sovrano francese Carlo d'Angiò fu costretto a sottoscrivere un trattato di pace con il califfo tunisino in cambio del quale ricevette importanti possedimenti terrieri.

67

Il fallimento delle ultime due crociate

Mentre la nona crociata voluta sempre dal re francese - nel 1270 - condusse a una serie di patteggiamenti e tregue con il sultano mamelucco che riconobbero inoltre il libero accesso dei pellegrini in terra santa, la decima e ultima, iniziata nel 1365 e passata alla storia con il nome di "crociata alessandrina", fu voluta dal sovrano cipriota Pietro I di Lusignano che era intenzionato a prendere possesso ufficiale della terra santa su cui vantava un titolo puramente nominale, mentre di fatto era ancora nelle mani dei musulmani.
Con l'appoggio del pontefice e di alcune flotte veneziane riuscì a penetrare nel porto egiziano di Alessandria saccheggiando anche la città di Tripoli.

Tuttavia i nuovi tentativi espansionistici del sovrano non ricevettero l'appoggio degli alleati, costringendolo ad una tregua con il sultano egiziano al fine di non intaccare gli interessi commerciali dell'occidente cristiano.

77

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Come memorizzare le date di storia

Studiare gli avvenimenti storici può essere molto impegnativo, poiché bisogna legare dei fatti storici ben precisi collocandoli in un periodo temporale ben dettagliato. E spesso accade proprio di non ricordare bene le date, soprattutto se sono abbastanza...
Elementari e Medie

I principali strumenti a percussione

Se siamo amanti della musica e ci piacerebbe approfondire le nostre conoscenze musicali magari studiando i vari strumenti esistenti, potremo provare a ricercare su internet delle semplici guide, redatte da esperti in questo settore, che ci forniranno...
Elementari e Medie

Le principali pianure italiane

Le pianure italiane si differenziano molto tra di loro, in relazione alla loro origine. Le pianure strutturali sono così chiamate poiché sono nate dal sollevamento di alcuni fondali marini, mentre invece le pianure alluvionali derivano dall'avanzamento...
Elementari e Medie

Appunti di geografia: le principali isole italiane

L'Italia è un paese ricco di posti belli da vedere, e anche pieno di piccole isole abitate, dove è possibile trascorrere molto tempo in rilassatezza. Conoscerle potrebbe farci venire voglia di visitarle ed esplorare le meraviglie che possono offrirci....
Elementari e Medie

I principali monti d'Europa

L’Europa rientra tra i 7 continenti del pianeta. Quest'affermazione non viene però condivisa da tutti i testi di geografia. In ogni caso, accanto a fiumi, laghi e pianure che ne hanno permesso la popolazione, si contano diversi monti importanti, dalle...
Elementari e Medie

Le principali figure piane

Per la maggior parte di bambini e ragazzini, la matematica e la geometria possono dimostrarsi particolarmente impegnative! Ma cari genitori, non abbattetevi! Alle volte basta solo un po' di impegno e di semplificazione dei contenuti, che tutto può diventare...
Elementari e Medie

I personaggi principali di Oliver Twist

Oliver Twist è il romanzo di Charles Dickens, che narra la storia di Oliver, un ragazzino orfano, indifeso e maltrattato nel romanzo. Il protagonista si presenta innocente moralmente e anche molto sensibile. In questa lista saranno illustrati quali sono...
Elementari e Medie

I principali fiumi della Lombardia

La Lombardia è una tra le più belle regioni d'Italia, con la sua ricca vegetazione e la presenza di numerose risorse idriche che danno vita a paesaggi veramente suggestivi.Meta battuta e ideale per tutti gli amanti della montagna e della quiete, è...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.