Le conseguenze della seconda guerra d'indipendenza italiana

tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Nel diciannovesimo secolo l'Italia era stata divisa in diversi stati, che erano in competizione tra loro da oltre mille anni. I francesi, gli austriaci e gli spagnoli avevano dominato in Italia in periodi diversi; all'inizio delle guerre rivoluzionarie i francesi e gli austriaci controllavano la Lombardia e la Toscana, mentre i rami della famiglia borbonica governavano a Parma, a Modena e a Napoli. Gran parte dell'Italia centrale era governata dal Papa, che aveva formato lo Stato Pontificio. Infine il nord-ovest dell'Italia e la Sardegna erano governati dai Savoia, che avevano formato il Regno di Piemonte-Sardegna. In questa lista saranno descritte le conseguenze della seconda guerra d'indipendenza italiana.

28

Scissioni

Durante le guerre napoleoniche e dal 1806 fino alla fine delle guerre, l'Italia fu divisa in due parti: a nord c'era il Regno d'Italia, con Napoleone come re mentre a sud c'era il Maresciallo Murat che governava a Napoli.
Dopo la definitiva sconfitta di Napoleone, lo status quo prebellico fu quasi restaurato. I Borboni ritornarono a Napoli, la Casa Savoia in Piemonte-Sardegna e gli Asburgo in Lombardia. Gli stati pontifici furono restaurati. L'indipendenza veneziana, che era stata conclusa da Napoleone, non fu ripristinata e il Veneto divenne parte della Lombardia asburgica. Nuovi sovrani asburgici subentrarono in Toscana, a Parma e a Modena.

38

Rivolte

L'Italia non si stabilì sotto lo status quo restaurato e una serie di rivoluzioni scoppiarono in tutto il paese, per raggiungere due obiettivi: imporre un governo costituzionale e espellere i governanti stranieri. I due obiettivi alla fine si fusero e dalla metà del diciannovesimo secolo; la maggior parte dei rivoluzionari italiani divennero liberali, in quanto volevano uno Stato italiano unito senza governanti stranieri e senza regole costituzionali.
Ci fu quindi una serie di rivolte in tutta l'Italia negli anni tra la fine delle guerre napoleoniche e la Seconda Guerra d'Indipendenza. Napoli sorse nel 1820, il Piemonte nel 1821 Parma, Modena e lo stato pontificio nel 1830. Ognuna di queste rivolte fu abbattuta con l'aiuto delle truppe austriache.

Continua la lettura
48

Rivoluzioni

Nel 1848 scoppiarono rivoluzioni in gran parte dell'Europa, compresa l'Italia; questa volta i rivoluzionari ebbero il sostegno del re Carlo Alberto I di Piemonte-Sardegna, che dichiarò guerra all'Austria. Carlo Alberto fu sconfitto nelle campagne nel 1848 e nel 1849 e abdicò. Gli succedette il figlio Vittorio Emanuele II; anche le rivolte a Venezia e Roma furono messe giù.
Una delle poche rivolte riuscite nel 1848 fu in Francia, dove i Borboni restaurati furono rovesciati e Luigi Napoleone Bonaparte divenne Presidente della Seconda Repubblica Francese. Louis-Napoleone effettivamente aveva combattuto in Italia durante le rivolte degli anni '30 e si considerava pro-italiano. La nuova repubblica ebbe vita breve e fu rovesciata dal suo stesso presidente nel 1851.

58

Isolamento

Nel 1852 fu incoronato Napoleone III nuovo imperatore. Una seconda figura significativa entrò in scena nel 1852: Camillo Benso, conte di Cavour divenne primo ministro del Piemonte-Sardegna.
L'Austria fu isolata nel 1859. I russi avevano contribuito a ripristinare l'autorità austriaca dopo le ribellioni del 1849, ma gli austriaci non avevano appoggiato il russo durante la guerra di Crimea (1854-1856). I russi non erano quindi interessati ad aiutare nuovamente l'Austria nel 1859. L'Austria era ancora un potere importante in Germania. La Confederazione tedesca non divenne un fattore nella guerra fino a dopo Solferino, quando la minaccia dell'intervento prussiano fu uno dei fattori che contribuirono a convincere Napoleone III a porre fine alla guerra.

68

Pianificazioni

Nel gennaio del 1858, le speranze di Cavour sembravano schiacciate fin quando Felice Orsini, un seguace rivoluzionario repubblicano di Giuseppe Mazzini, tentò di assassinare Napoleone III. Napoleone e Cavour condussero diversi mesi di negoziati segreti, prima di incontrarsi a Plombières il 21 luglio 1858.
L'accordo di Plombières pose le basi per la prossima guerra. Cavour e Napoleone acconsentirono ad un'alleanza difensiva. Nel centro Italia, Napoleone propose la formazione di un nuovo regno nell'Italia centrale che includesse la Toscana, la Romagna e le Legazioni Papali. Il Papa sarebbe rimasto con l'Umbria, le Marche e l'area intorno a Roma. I preparativi continuarono all'inizio del 1859, sotto la copertura di un matrimonio tra il principe Jérôme Napoleon e Clothilde, figlia di Vittorio Emanuele II. Allo stesso tempo, gli ufficiali francesi visitarono il Piemonte e i due stati iniziarono a pianificare la guerra.

78

Manipolazione

Alla fine della Seconda Guerra di Indipendenza Italiana tutta l'Italia, oltre a Roma e il Veneto, si era unita per formare un nuovo Regno d'Italia, sotto Vittorio Emanuele II di Piemonte e I d'Italia. Questo non era stato un processo regolare. Dopo la fine della fase franco-austriaca della guerra, il Piemonte aveva conquistato la Lombardia. Durante l'inverno del 1859-60 Cavour riuscì a manipolare gli eventi e il 15 aprile 1860 i popoli di Parma, Modena, Toscana, Romagna e Legazioni Papali votarono per unirsi al Piemonte.

88

Governo di emergenza

La fondazione ufficiale del Regno d'Italia avvenne all'inizio del 1861. Nel febbraio del 1861 fu formato un governo di emergenza e un parlamento italiano si riunì a Torino. Il 17 marzo 1861 questo parlamento proclamò la formazione del regno unito d'Italia, con Vittorio Emanuele I come primo re. Cavour non sopravvisse a lungo per godersi il suo trionfo, morendo inaspettatamente il 17 marzo 1861. Mancava così la sua guida durante gli sforzi per annettere Roma e Venezia, sebbene entrambe le aree si unissero all'Italia entro un decennio.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Storia: la prima guerra d'indipendenza in Italia

1848. La storia della prima guerra d'indipendenza in Italia inizia con l'insurrezione dei democratici e repubblicani italiani, a seguito della notizia della caduta di Metternich e dei fatti di Vienna. Venezia si ribellò agli austriaci il 17 marzo, Milano...
Superiori

Le conseguenze della guerra fredda

La guerra fredda è stato uno degli eventi più rilevanti e importanti del XX secolo, così rilevanti che gli effetti si fanno sentire ancora oggi.. Al termine della seconda guerra mondiale, le nazioni erano divise in due blocchi principali: il mondo...
Superiori

Conseguenze della prima guerra mondiale

La prima guerra mondiale scoppiò nel 1914 e vide coinvolti l'Impero Tedesco, l'Impero Austro-ungarico e l'Impero Ottomano contro Impero Russo, il Regno di Serbia, l'Impero britannico, l'Impero Giapponese, il Regno d'Italia, gli Stati Uniti e altri stati...
Superiori

Conseguenze della seconda guerra mondiale

Come ben sappiamo la seconda guerra mondiale fu uno dei periodi più bui, se non il più buio, della storia dell'umanità. Coinvolse non solo stati europei quali Italia, Germania, Inghilterra, Francia ma anche gli Stati Uniti, Cina, il Giappone e la Russia....
Superiori

Le guerre d'Indipendenza: guida

La guida che svilupperemo, si occuperà di storia. Per essere più specifici, andremo a parlare di guerra, spostandoci indietro nel tempo fino all'ottocento, per trovare le guerre d'indipendenza. Cominciamo questo percorso interessante. Con l'espressione...
Superiori

Storia: Gandhi e l'indipendenza dell'India

Il ventesimo secolo è stato sicuramente uno dei crocevia più importanti di tutta la storia dell'umanità, per via degli eventi storico-politici che l'hanno caratterizzato e anche per tutti i grandissimi cambiamenti sociali ed economici. Il Novecento...
Superiori

Storia: il movimento d'indipendenza indiano

Il movimento d'indipendenza indiano comprendeva le attività e le idee volte a porre fine alla Compagnia Inglese delle Indie Orientali, conosciuta anche come Raj Britannico. Il movimento indipendentista ha visto diverse agitazioni a livello nazionale...
Superiori

La prima guerra mondiale in pillole

Difficile ridurla a poche righe, ma vediamo come raccontare la Prima Guerra Mondiale in pillole. La Grande Guerra infiammò l'Europa e non solo tra il 1914 e il 1918. Le premesse del sanguinoso conflitto vanno viste nella corsa agli armamenti che, tra...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.