Le cause della Prima Guerra Mondiale

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

La pace e la spensieratezza della bella époque purtroppo si basavano su un equilibrio politico instabile. Numerosi motivi di rivalità creavano divergenze tra le grandi potenze europee. I popoli dei grandi imperi etnici, erano in tumulto, perché desideravano liberarsi della loro egemonia. Questo portò allo sgretolarsi di quegli equilibri così fragili ed in seguito al grande conflitto vero e proprio. Le cause principali della prima guerra mondiale furono numerose. Causa occasionale fu l'eccidio di Sarajevo avvenuto il 28 giugno del 1924 con il quale l'arciduca d'Austria, Francesco Ferdinando, e la moglie vennero uccisi per mano di uno studente irredentista serbo. Ma le vere motivazioni alla base del conflitto furono il contrasto austro-russo, quello franco-tedesco, quello anglo-tedesco e gli irredentistimi. Con questa guida, conosceremo le cause della prima guerra mondiale.

25

Va tenuto presente che la causa generata dal contrasto austro-russo era dovuta all'egemonia nei Balcani, territorio che aveva già scatenato conflitti che avevano portato la vittoria dell'Austria nel Congresso di Berlino nel 1848, all'annessione, da parte dell'Austria, della Bosnia e dell'Erzegovina nel 1908, la costruzione di una grande Serbia ad opera della Russia durante le due guerre dei Balcani, motivi per cui l'Austria si vide bloccare la strada verso l'Egeo.
Le controverise alla base contrasto franco-tedesco erano legate ad avvenimenti regressi ovvero alla vittoria prussiana del 1870, al desiderio della revanche francese ed agli interventi tedeschi sulla questione marocchina. Il contrato anglo-tedesco si formò in seguito alla crescente potenza, sia economica che politica, che la Germania aveva sempre più nel mondo. Mentre la causa legata agli irredentismi ovvero al desiderio del popolo di creare la propria unità territoriale, ebbe come base l'ambizione dell'Italia di aspirare a Trento e Trieste, quella della Serbia nei confronti della Bosnia e dell'Erzegozina e quella della Romania che mirava alla Transilvania e alla Bessarabia.

35

L'aggressiva politica estera della Germania dell'imperatore Guglielmo II preoccupava molto i Paesi europei. Dopo che nel 1890 Bismarck perse la fiducia del sovrano, venne sostituito dal kaiser, che s'impegnò nella conquista di un impero coloniale in Africa e in Asia, mettendosi contro Francia e Inghilterra. La Francia desiderava riconquistare i territori perduti da Napoleone nel 1871, ma soprattutto di arrestare la grande corsa espansionistica della Germania. La Gran Bretagna si schierò con quest'ultima per salvaguardare i suoi interessi.

Continua la lettura
45

Questi erano i reali motivi, anche se il conflitto ebbe inizio con un altro pretesto. Il 28 giugno del 1914 a Sarajevo, il nazionalista serbo Gavrilo Princip, uccise a colpi di pistola l'arciduca Francesco Ferdinando e la sua consorte. L'Austria accusò il governo serbo della responsabilità dell'accaduto. L'imperatore assunse una posizione durissima e lanciò un ultimatum alla Serbia. Per riparare al lutto, l'imperatore chiese che fossero destituiti tutti i ministri e gli ufficiali che andavano contro il suo impero.

55

Se entro un mese questo non fosse accaduto, il sovrano avrebbe vendicato la morte di Ferdinando con le armi. Allo scadere dell'ultimatum, il 31 luglio1914, l'Austria dichiarò guerra alla Serbia, facendo scattare così il sistema delle alleanze. Affianco della Serbia vi erano Francia e Gran Bretagna nella Triplice Intesa, mentre con l'Austria si schierò la Germania e l'Italia nella Triplice Alleanza. Inizialmente l'Italia si dichiarò neutrale alla faccenda, ma in seguito barattò la sua entrata in guerra in cambio di ampliamenti territoriali. L'Italia nonostante facesse parte della Triplice Alleanza, proclamò la sua nuetralità, sostentendo che il trattato di alleanza aveva scopo difensivo e non offensivo, a differenza dell'Austria che ne aveva causato il conflitto. Inoltre, sottolineò che il trattato medesimo dichiarava che, se l'Austria o l'Italia fossero state obbligate a mutare la propria situazione prima dell'evento, avrebbero dovuto stipulare degli accordi sul principio del reciproco compenso, mentre l'Austria aveva proclamato la guerra all'insaputa dell'Italia. Questa guerra mobilitò circa 70 milioni di uomini, di cui la maggior parte europei. Questa è stato uno dei più brevi conflitti della storia anche se il più sanguinario infatti, vi furono 9 milioni di militari morti e 6 milioni di civili.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Conseguenze della seconda guerra mondiale

Come ben sappiamo la seconda guerra mondiale fu uno dei periodi più bui, se non il più buio, della storia dell'umanità. Coinvolse non solo stati europei quali Italia, Germania, Inghilterra, Francia ma anche gli Stati Uniti, Cina, il Giappone e la Russia....
Superiori

Conseguenze della prima guerra mondiale

La prima guerra mondiale scoppiò nel 1914 e vide coinvolti l'Impero Tedesco, l'Impero Austro-ungarico e l'Impero Ottomano contro Impero Russo, il Regno di Serbia, l'Impero britannico, l'Impero Giapponese, il Regno d'Italia, gli Stati Uniti e altri stati...
Superiori

Appunti di Storia: la fine della prima guerra mondiale

In questa guida illustreremo gli Appunti di Storia inerenti la fine della prima guerra mondiale. La prima guerra mondiale finì nel 1918. I cambiamenti territoriali e politici impressi da questo primo conflitto segnarono in maniera determinante le nazioni...
Superiori

la seconda guerra mondiale in pillole

In questa breve guida vi illustrerò brevemente la Seconda Guerra Mondiale, dividendo i fatti di primaria importanza in pillole, affrontando le diverse tematiche del conflitto e in particolare le politiche espansionistiche.Partiamo dal presupposto che...
Superiori

La prima guerra mondiale in pillole

Difficile ridurla a poche righe, ma vediamo come raccontare la Prima Guerra Mondiale in pillole. La Grande Guerra infiammò l'Europa e non solo tra il 1914 e il 1918. Le premesse del sanguinoso conflitto vanno viste nella corsa agli armamenti che, tra...
Superiori

Storia: la guerra dei Trent'anni

La guerra dei Trent'anni è stato uno dei momenti più caldi e difficili della storia europea. Questa guerra fu scatenata non solo da ragioni dinastiche e di potere ma anche da accese dispute religiose. Infatti nel XVI secolo la Riforma protestante aveva...
Superiori

Storia: le origini della guerra fredda

Nel periodo seguente alla fine del secondo conflitto mondiale, per quasi 50 anni, la situazione politica generale venne fortemente compressa dallo scontro tra i paesi a regime comunista, guidati dall'Unione Sovietica e l'Occidente, capeggiato invece dagli...
Superiori

Storia: la Guerra del Vietnam

Agli inizi degli anni '60 per il presidente John Kennedy, la preoccupazione principale era quella di non perdere il Vietnam come era successo con la Cina. Da anni gli Stati Uniti, lottavano contro l'espansione del Comunismo da parte dell'Unione Sovietica....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.