Le caratteristiche dei deserti

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

I deserti possono essere di vario tipo e a seconda della tipologia cambiano anche le sue caratteristiche fisiche. I deserti caldi sono principalmente composti da sabbia che con l'azione dei venti creano le classiche dune. I deserti freddi invece si presentano come delle zone principalmente rocciose. Infine i deserti polari sono composti da ghiaccio. Di seguito vi illustreremo alcune caratteristiche dei deserti.

26

Popolazioni

La caratteristica comune a tutti i tipi di deserto è che a causa delle difficili condizioni climatiche difficilmente si può vivere in questi luoghi e quindi scarseggiano gli insediamenti umani. Tuttavia esistono alcune popolazioni che vivono vicino le oasi, o popolazioni che commerciano tappeti, gioielli e sale e per farlo attraversano i deserti. Alcune di queste popolazioni nomadi che attraversano il deserto del Sahara sono i Tuareg, detti uomini blu dal colore dei turbanti che indossano.

36

Venti

Anche i venti sono caratteristici dei deserti. Nel deserto del Sahara ci sono in particolare dei venti importantissimi che sono l'Harmattan, il Ghibli e il Khamsin. I venti sono anche la causa della formazione delle dune e delle tempeste di sabbia nei deserti sabbiosi
.

Continua la lettura
46

Escursione termica

Un fattore tipico dei deserti, sia di quelli freddi che di quelli caldi è l'escursione termica. Questa non è altro che un elevata differenza di temperatura tra la massima e la minima temperatura. Nei deserti caldi l'escursione termica si verifica tra il giorno e la notte. Nei deserti freddi invece si verifica tra la stagione fredda e quella calda.

56

Animali e piante

Gli animali tipici di tutti i deserti sono i cammelli (ha due gobbe e vive nei deserti freddi dell'Asia), i dromedari (ha una sola gobba ed è presente nei deserti caldi), le tarantole, i serpenti e scorpioni.
In tutti i deserti la scarsa presenza di acqua e quindi di terreno fertile rende quasi impossibile la vita alla flora. Le uniche piante che riescono a sopravvivere in queste zone sono piante con un ciclo vitale brevissimo, dette piante effimere oppure le piante succulente conosciute più comunemente come piante grasse. Grazie all'accumulo di acqua nelle loro foglie, queste ultime piante riescono a sopravvivere lunghi periodi senza acqua.

66

Oasi

Le oasi, che vuol dire stazione, sono delle aree in mezzo al deserto. Possono essere più o meno estese e normalmente sono collocate in zone con avvallamenti del terreno in cui vi è presenza di acqua. Questa presenza idrica permette la vita alle piante e anche all'uomo. Ecco perché le popolazioni sedentarie che vivono nel deserto, scelgono sempre le zone limitrofe alle oasi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Geografia: i deserti degli Stati Uniti d'America

Data la grande vastità del territorio statunitense possiamo trovare al suo interno delle aree desertiche o semi-desertiche. Principalmente queste aree sono collocate nella zona sud-occidentale. In questa guida, sostanzialmente, ci concentreremo proprio...
Elementari e Medie

I deserti più grandi del mondo

Se dovessero chiederci quale sia il deserto più grande del mondo, istintivamente la nostra mente correrebbe al famosissimo deserto del Sahara, situato nel Nord Africa, nell’immaginario collettivo il deserto per antonomasia. In realtà, nella lista...
Elementari e Medie

Le caratteristiche dei liquidi

I liquidi fanno parte di uno degli stati della materia, insieme ai gas e ai solidi. Ognuno di loro possiede delle specifiche caratteristiche, che si riferiscono alla possibilità dei loro atomi di spostarsi, di trasformarsi in altri stati della materia,...
Elementari e Medie

Le caratteristiche del metodo Montessori

Maria Montessori fu una scienziata, pedagogista ed educatrice. Sviluppò un metodo educativo che porta il suo nome. Il metodo Montessori è tuttora in uso in oltre 20000 scuole di tutto il mondo. Accompagna i bambini dalla loro nascita fino al compimento...
Elementari e Medie

5 caratteristiche dell’Homo Erectus

Nell'antropogenesi, ovvero nella storia dell'evoluzione umana, vediamo l'Homo Erectus come l'uomo anatomicamente moderno che circa 2 milioni di anni fa cominciò la sua diffusione in tutto il mondo migrando in tutti i vari continenti in cerca di condizioni...
Elementari e Medie

Le caratteristiche del suono: il timbro

Per riuscire a comprendere la nascita del suono è opportuno tener presente il seguente esperimento. Se si alza la zona centrale di un elastico tenendolo ben disteso e poi si lascia esso subisce un'oscillazione veloce. Queste oscillazioni non sono altro...
Elementari e Medie

Scuola primaria: le caratteristiche del mito

Nella scuola primaria, racconti quali il mito e la leggenda, vengono spiegati attraverso quelle che sono le loro caratteristiche e differenze. In questo articolo esamineremo da vicino il mito (in greco, mythos), inteso come quella parte fantastica di...
Elementari e Medie

5 caratteristiche dell’Homo Habilis

L' Homo Habilis inizia a prendere la definizione di uomo proprio per delle determinante caratteristiche che lo contraddistinguono dai loro predecessori. Per chi affronta questa tipologia di studio deve sapere quali sono le varie differenze evolutive dell'uomo....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.