Le 5 declinazioni latine

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Il latino è una lingua flessiva, in cui le parti variabili del discorso sono soggette a mutamento nelle desinenze che indicano la funzione di ogni parola all’interno della frase. Se la radice di un vocabolo ne esprime il significato base, la desinenza dà informazioni grammaticali, indicando numero, genere e funzione logica. Quando la flessione riguarda nomi, pronomi e aggettivi si parla di declinazione. Le declinazioni latine sono 5, eccole.

27

Occorrente

  • Libro di grammatica latina, studio e memorizzazione
37

Prima declinazione

Se in italiano la funzione logica di una parola nella frase viene specificata con l’uso dell’articolo, della preposizione articolata e attraverso una differente posizione, in latino essa è espressa da sei casi diretti o obliqui: il nominativo, il genitivo, il dativo, l’accusativo, il vocativo e l’ablativo, solo poche volte accompagnati da preposizioni. Il nominativo è il caso del soggetto e del nome del predicato, il genitivo del complemento di specificazione, il dativo esprime principalmente il complemento di termine, l’accusativo il complemento oggetto, il vocativo il complemento di vocazione, l’ablativo i complementi di allontanamento e origine, di mezzo e strumentali, di causa. D’agente, di luogo e numerosi altri.  La prima declinazione si caratterizza per l’uscita in –a del nominativo singolare, e in –ae del genitivo singolare. Comprende principalmente nomi di genere femminile, pochi nomi maschili e nessun nome neutro, presenta alcune particolarità e un elenco di pluraia tantum.

47

Seconda declinazione

La seconda declinazione comprende molti nomi maschili e neutri, pochi nomi femminili. Ha la particolarità di avere il nominativo singolare con la desinenza in –us per la maggior parte dei nomi maschili e dei pochi femminili, in -er o -ir per alcuni maschili come puer e vir, in –um per i neutri. Tutti al genitivo singolare escono in –i. Le desinenze dei nomi in –us al singolare. Nei nomi in –er e –ir nominativo e vocativo singolare hanno le terminazioni particolari, appunto in –er e –ir, mentre tutto il resto è uguale ai nomi in –us.

Continua la lettura
57

Terza declinazione

La terza declinazione è molto eterogenea e comprende la maggior parte dei sostantivi maschili, femminili e neutri. Ha varie terminazioni al nominativo singolare e sempre la desinenza –is al genitivo singolare. I nomi si dividono in tre gruppi.

67

Quarta e quinta declinazione

Della quarta declinazione fanno parte sostantivi maschili e femminili che escono in -us e sostantivi di genere neutro che, invece terminano al nominativo singolare con -u. L'ultima declinazione, infine, comprende nomi femminili e solo due maschili (dies e meridies).

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per il riconoscimento dei casi occorre sapere anche la forma di accento apposto sulla vocale della desinenza

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come declinare correttamente gli aggettivi della prima classe latina

Dopo aver visto tutte le declinazioni latine, possiamo passare alla flessione degli aggettivi. Se abbiamo imparato bene le declinazioni, non dovremo avere particolari problemi. In ogni caso è sempre bene per lo meno dare una ripassata almeno alle prime...
Superiori

Come tradurre una versione di latino

Il latino è una materia molto importante, la quale può apparire odiosa perché spesso si incontrano difficoltà nel fare le traduzioni. Per risolvere questo problema basta leggere attentamente questa guida e la versione non sembrerà mai più un ostacolo...
Superiori

I consigli per imparare a tradurre il latino

Una tra le materie che parecchi studenti trovano difficoltoso imparare è il latino. La maggiore causa di tale difficoltà, è sicuramente da ricercare nel fatto che è una lingua poco parlata e quindi non esercitata abitualmente. Come per qualunque dottrina...
Superiori

Come fare la divisione in sillabe in latino

-Qual è il senso di studiare una lingua "morta"?- Questa è la domanda che si pone la maggior parte degli studenti quando si trovano alle prese con lo studio della lingua latina. Questa, infatti, è una lingua molto antica che, col passare del tempo,...
Superiori

L'accusativo latino: guida al suo utilizzo

La grammatica latina è abbastanza particolare e il suo studio può, a volte, risultare di difficile comprensione. Tra le prime cose che si imparano vi sono i casi e le declinazioni. Proprio dei cosiddetti "casi" fa parte l'accusativo, insieme a nominativo,...
Superiori

Le 5 cose da sapere per andare bene in latino

Il latino è una delle materie più odiate e più temute dagli studenti delle scuole superiori. Tendenzialmente considerata una lingua morta e incomprensibile, questa materia è in realtà più facile di quello che sembra. Ci sono però almeno 5 cose...
Superiori

Come Declinare Correttamente Gli Aggettivi Della Seconda Classe Latina

La principale differenza tra la grammatica italiana e quella latina consiste nella presenza delle declinazioni. In latino, così come i nomi, anche gli aggettivi si declinano. Tuttavia mentre i primi si dividono in cinque gruppi, i secondi si classificano...
Superiori

Come studiare il greco

Studiare le lingue antiche, come il latino e il greco, può sembrare davvero superfluo per chi vive nel terzo millennio, ma come ogni cosa, la sua conoscenza ha una ragione. In genere lo studio di queste discipline si spiega con il fatto, che molte delle...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.