Le 5 cose da sapere per andare bene in latino

Tramite: O2O 27/10/2017
Difficoltà: media
17

Introduzione

Il latino è una delle materie più odiate e più temute dagli studenti delle scuole superiori. Tendenzialmente considerata una lingua morta e incomprensibile, questa materia è in realtà più facile di quello che sembra. Ci sono però almeno 5 cose che è assolutamente indispensabile sapere a menadito per (sperare di) andare bene in latino.

27

Le declinazioni

Le declinazioni sono l'ABC del latino, è di vitale importanza saperle alla perfezione per mettere le basi di una sufficienza alla prossima verifica. Non ricordarle o fare confusione con i casi, infatti, significa attribuire alle parole la funzione sbagliata e trasformare, ad esempio, il soggetto nel complemento oggetto, o viceversa. Purtroppo le declinazioni richiedono uno studio mnemonico, non c'è, insomma, nulla da capire, vanno imparate a memoria come l'Ave Maria. Anzi, meglio.

37

I tempi verbali

Come le declinazioni, i verbi fanno parte delle basi del latino. Sbagliare il tempo (o il modo) verbale in una versione è un errore comune, ma a volte evitabile. Certo, i modi e i tempi verbali sono molto più numerosi e complessi delle declinazioni, ma altrettanto indispensabili. Anche questi, purtroppo, richiedono uno studio mnemonico.

Continua la lettura
47

Gli aggettivi

Può capitare, mentre si traduce, di associare un aggettivo al nome errato. Questo causa chiaramente fraintendimenti più o meno gravi e per evitarli è bene ricordare che gli aggettivi, in latino, concordano con il nome a cui si riferiscono in numero, genere e caso. Gli aggettivi, tuttavia, non sono tutti uguali: ci sono gli aggettivi della prima classe, che escono in -us (maschile singolare), -a (femminile singolare, -um (neutro singolare) e seguono la prima e la seconda declinazione, e gli aggettivi della seconda classe, che possono avere una, due, o tre uscite e seguono la terza declinazione. Diverso è il caso dei pronomi. Ad esempio, il pronome relativo concorda con il nome a cui si riferisce in genere e numero, ma non necessariamente nel caso.

57

I "gusti" dell'autore

Declinazioni, verbi, aggettivi e pronomi sono l'ossatura della vostra grammatica, ma conoscerli non sempre basta a tradurre correttamente. Infatti, a volte può essere utile conoscere anche i vizi stilistici dell'autore che avete davanti, in modo da sapere che cosa vi aspetta. Ad esempio, se vi state misurando con una versione di Tacito, vi aiuterà tenere presente che Tacito sottintende sempre il verbo essere (e anche altri verbi). Oppure, se il vostro brano è di Seneca, vi sarà d'aiuto sapere che Seneca usa spesso espressioni proverbiali, che non sempre possono essere tradotte alla lettera.

67

Il dizionario

Spesso sottovalutato, il dizionario di latino può essere uno strumento preziosissimo. Ogni dizionario, infatti, contiene, oltre ai vari significati della parola che state cercando, numerosi esempi tratti da autori diversi. Cercando bene, se siete fortunati e avete la pazienza di leggere tutta la colonnina, potreste trovare una parte della frase che state traducendo (soprattutto se si tratta di autori molto noti), un aiuto non indifferente in caso di crisi davanti a una versione.

77

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Trucchi per tradurre una versione di latino

Tradurre una versione di latino è un compito molto difficile per tutti. I trucchi elencanti di seguito sono utili sia per chi mira alla sufficienza che per chi vuole raggiungere ottimi risultati. Seguire questi trucchi con costanza è un ottimo metodo...
Superiori

Perifrastica attiva in latino

Gli studenti del liceo sono tenuti a imparare diverse lingue, che al'inizio sembrano molto difficili. Una di queste è il latino, che spesso viene considerata lingua "morta" ed è caratterizzata dalla presenza di numerose regole da seguire. Se sei già...
Superiori

Come Fare La Lettura Metrica Dell'Esametro Latino

Nella letteratura latina, ma anche nella poesia e nella satira, la forma metrica più utilizzata è quella dell'esametro, tanto che questo tipo di verso può essere considerato, come il saturnio, il verso cardine del latino, e con esso sono state scritte...
Superiori

Come affrontare una versione di latino

Tradurre una versione di latino non è sicuramente l'operazione più semplice da compiere: tuttavia, seguendo alcune tappe in modo rigoroso, potrete riuscire ad affrontare in modo sereno ed arrivare ad una traslitterazione molto fedele nella lingua. È...
Superiori

Come tradurre il supino in latino

Quando osserviamo un paradigma di un verbo in latino, oltre a trovare la forma della prima persona del presente indicativo, la seconda dello stesso tempo, la prima del perfetto e l'infinito del verbo, troviamo anche un nome verbale denominato supino....
Superiori

Come leggere in metrica un testo latino

Il latino viene considerato una lingua morta, eppure il suo studio, oltre ad essere molto interessante e affascinante, riesce ad aprire la mente come nessuna altra materia. Non per questo il liceo classico è ancora considerato una delle scuole migliori...
Superiori

Come tradurre i pronomi relativi dal latino

Tradurre i pronomi relativi dal latino all'italiano è un gioco da ragazzi! Basta soltanto un po' di impegno nell'analisi del giusto "caso" latino e un pizzico di pazienza nell'applicazione del complemento corrispondente. Vediamo dunque, nella guida che...
Superiori

5 regole per non sbagliare la versione di latino

Quando si comincia a frequentare un liceo ci si trova di fronte ad una serie di ostacoli e difficoltà che preoccupano i più piccoli: una di queste è la lingua latina e il suo studio che per molti risulta faticoso e pesante. In realtà il latino, contrariamente...