Latino: verbi anomali

Tramite: O2O
Difficoltà: difficile
110

Introduzione

Nella lingua latina possiamo trovare un certo numero di verbi che non appartengono alla cosiddetta coniugazione regolare a causa di alcune anomalie nella flessione. Le anomalie possono riguardare i temi per la formazione dei tempi fondamentali o i mutamenti fonetici. Tali verbi sono: sum (io sono); fero (io porto); fio (io divento); volo, nolo, malo (io voglio, io non voglio, io preferisco); edo (io mangio), eo (io vado). Attraverso questa guida vi illustrerò i verbi anomali in latino.

210

Occorrente

  • Manuale di grammatica latina
  • Dizionario di latino cartaceo
  • Dizionario latino online
310

Il verbo SUM e i suoi composti

Il verbo sum, come già specificato nell'introduzione, non segue la coniugazione regolare. Esso manca del supino, del gerundio, del gerundivo e del participio presente. Come nella lingua italiana questo verbo può fungere da copula, da predicato verbale o da ausiliare. Il suo paradigma è il seguente: sum, es, fui, esse. A prima vista notiamo che la coniugazione è irregolare e comprende due differenti radici verbali. La radice es- serve per formare il presente e i tempi che da esso derivano. La radice fu- è legata al perfetto e ai suoi derivati. I composti di sum si ottengono aggiungendo una preposizione al verbo. Tra i tanti ricordiamo: ab-sum (sono lontano), ad-sum (sono presente), pos-sum (posso - pot + sum), prae-sum (sono a capo).

410

Il verbo FERO e i suoi composti

Anche il paradigma del verbo fero "io porto" (fero, fers, tuli, latum, ferre) è irregolare. Le radici differenti sono tre. La prima è fer- ed è legata al tempo presente e i tempi da esso derivati, tul- serve per il perfetto, lat- per il supino. Anche il verbo fero conta numerosi composti, la cui coniugazione rimane invariata rispetto al verbo semplice. Tra i più usati ricordiamo: af-fero (io apporto), de-fero (io porto giù), in-fero (io porto dentro), prae-fero (io preferisco), pro-fero (io riferisco), trans-fero (io trasferisco).

Continua la lettura
510

Il verbo VOLO e i composti NOLO e MALO

Le forme atematiche del verbo volo (io voglio) e dei suoi composti nolo (io non voglio) e malo (io preferisco) riguardano solo il sistema del presente. I paradigmi sono i seguenti: volo, vis, volui, velle / nolo, non vis, nolui, nolle / malo, mavis, malui, malle. La flessione di volo è essenzialmente basata sull'alternanza vocalica vol-/vel-; il tema vi- si incontra solo nella seconda persona singolare del presente indicativo. I tre verbi sono privi di gerundio e gerundivo. Soltanto nolo possiede l'imperativo. Il sistema del perfetto non è soggetto a anomalie.

610

Il verbo EO e i suoi composti

Il verbo eo (io vado), il cui paradigma completo è eo, is, ivi, itum, ire, è caratterizzato, al presente, dalla quasi totale atematicità di tutti i suoi tempi. Il tema del presente è e- davanti a vocale, i- (lunga) davanti a consonante, i- (breve) nel supino. Nel tema del perfetto (iv-) troviamo di norma le forme sincopate, dovute alla caduta della -v- intervocalica. Anche eo ha dato origine ad altrettanti composti che si coniugano come il verbo semplice. Tra i tanti: ab-eo (io vado via), ex-eo (io esco), ob-eo (io vado verso), red-eo (io ritorno).

710

Il verbo FIO

Il verbo fio (fio, fis, factus sum, fieri) è semi-deponente. La sua flessione è costruita sul tema fi- per il sistema dell'infectum, su quello del supino di facio per il sistema del perfectum, ed è infine integrata con forme del verbo sum. La compresenza delle radici fi- e fac- e delle forme derivate del verbo sum è all'origine dei tre diversi significati di fieri: essere fatto, diventare, accadere.

810

Il verbo EDO

Il verbo edo (edo, edis, edi, esum, edere) significa "io mangio". I temi di questo verbo sono due: ed- e es-; le desinenze sono identiche a quelle del verbo sum con l'unica eccezione relativa alla diversa quantità della vocale della radice, breve in sum, lunga in edo.

910

Guarda il video

1010

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Ripassare le regole generali dei verbi in latino con relativi paradigmi.
  • Annotare il paradigma di ciascun verbo anomalo per memorizzarne più velocemente i vari temi.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come memorizzare i verbi latini

Uno dei principali ostacoli che si frappongono alla comprensione del latino ed al suo studio, soprattutto per gli studenti "alle prime armi", cioè per coloro che , iscritti al primo anno dei licei, affrontano questa lingua per la prima volta, è costituito,...
Superiori

Come utilizzare i paradagmi dei verbi latini

I verbi latino sono un argomento difficile da imparare, soprattutto se abbiamo una conoscenza non ben approfondita della grammatica italiana. Magari con un po' di pratica riusciamo a riconoscere i verbi quando li troviamo in latino. Ma quando dobbiamo...
Superiori

Come Costruire La Proposizione Completiva Volitiva In Latino

Il latino è la lingua madre degli italiani, difatti l'italiano deriva appunto dal latino; tuttora oggi, alcuni termini sono riportati nella nostra lingua. La grammatica è abbastanza complessa e presenta perlopiù gli stessi termini di quella italiana....
Superiori

Come formare un paradigma latino

La grammatica latina, così come quella italiana è molto vasta e presenta determinate terminologie che vengono utilizzate per uno studio più approfondito della grammatica e della sintassi. Nell'analisi logica, il soggetto, il complemento oggetto e il...
Superiori

Come tradurre le versioni di latino

La versione di latino, è da sempre il disagio apparente, che mette in crisi migliaia di studenti del liceo. La traduzione dal latino, infatti, non è per niente semplice se non si utilizza uno schema di lavoro ben preciso e non si possiede una buona...
Superiori

Grammatica: guida ai verbi servili e fraseologici

La grammatica italiana è sicuramente una di quelle più ricche di casi particolari ed eccezioni: tale ricchezza è data dal fatto che l'italiano, oltre ad essere una lingua neolatina, cioè derivata dal latino, si è arricchito nel corso dei secoli di...
Superiori

Le 5 cose da sapere per andare bene in latino

Il latino è una delle materie più odiate e più temute dagli studenti delle scuole superiori. Tendenzialmente considerata una lingua morta e incomprensibile, questa materia è in realtà più facile di quello che sembra. Ci sono però almeno 5 cose...
Superiori

Il dativo latino: guida al suo utilizzo

Nella lingua latina, i casi sono sei e si distinguono in diretti ed indiretti: nominativo, accusativo e vocativo fanno parte della prima categoria mentre genitivo, dativo ed ablativo fanno parte della seconda. Il dativo è il caso del complemento di termine...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.