Latino: usi dell'infinito semplice

Tramite: O2O 21/07/2021
Difficoltà: media
17

Introduzione

Nella lingua latina, esistono tre forme diverse di infinito: presente o semplice (come, ad esempio, Laudare), perfetto (come Laudavisse) e futuro (tra cui Laudaturus e um esse). L?infinito potrebbe svolgere una funzione sia verbale che nominale, all'interno di una proposizione: nel seguente dettagliato ed esplicativo tutorial che troverete esplicato nei passaggi successivi, vi illustrerò gli usi fondamentali dell?infinito semplice e vi aiuterò a riconoscerli abbastanza facilmente, secondo la particolare situazione. Vediamo dunque come procedere.

27

Occorrente

  • Libro di grammatica latina
  • Testo di analisi logica
  • Vocabolario di lingua latina
37

L'utilizzo dell'infinito semplice o presente

Con riferimento alle forme nominali dell'infinito semplice o presente, se quest'ultimo svolge il ruolo di sostantivo, esso potrebbe fungere da soggetto, predicato nominale e complemento oggetto: siccome viene considerato sempre come un neutro singolare, dovrete fare molta attenzione nel collegare gli eventuali aggettivi o predicati nominali. L?infinito fungente da soggetto si trova: con i verbi impersonali (interest, opus est, nocesse est, ecc.), in una frase del tipo "Confidere decet" (Avere fiducia è conveniente); con sum e un aggettivo neutro (come "Bonum est discere", che significa "E? bene apprendere". L?infinito semplice esercita il ruolo di predicato nominale, quando il verbo sum ha per oggetto un pronome oppure un altro infinito (ad esempio, "Vivere est cogitare", ossia "Vivere è pensare"). L'infinito viene utilizzato come complemento oggetto con i verbi modali (possum, soleo, ecc.), che si trovano nella frase "Possum bene vivere" (Posso vivere bene).

47

L'utilizzo dell'infinito come verbo principale

Nel corso di una determinata narrazione, potrebbe succedere che venga utilizzato l?infinito come verbo principale, allo scopo d'impartire un'enfasi maggiore e più drammaticità alle vicende descritte. Precisamente, si parla di infinito storico (detto anche descrittivo oppure narrativo), il quale si identifica semplicemente poiché è indipendente ed ha un soggetto al nominativo: generalmente, esso viene tradotto come un imperfetto, indicando un'azione duratura avvenuta nel passato (come "Catilina saepe hostem ferire", ovvero "Catilina spesso feriva un nemico"). L'infinito semplice viene impiegato con l?accusativo anche sia nelle esclamazioni che nelle interrogazioni e serve per indicare una sensazione di meraviglia, sdegno e sorpresa (come nelle frasi "Esse quemquam tanta audacia praeditum", che significa "Possibile che vi sia qualcuno dotato di tanta audacia" e "Me incepto desistere victam?", ossia "Rinunciare, vinta, alla mia iniziativa?").

Continua la lettura
57

L'uso dell'infinito con le preposizioni

Nella lingua latina, la proposizione infinitiva si rende con l?accusativo e il verbo all'infinito: in italiano, essa può essere tradotta nella forma esplicita (che + indicativo o congiuntivo) oppure in quella implicita (di + infinito). L'infinito semplice viene utilizzato quando c'è contemporaneità con la proposizione basilare e l?infinito perfetto indica anteriorità, mentre quello futuro posteriorità: per comprendere meglio, considerate le frasi "Credo te aliquid audire" (Credo tu senta qualcosa), "Credo te aliquid audisse" (Credo tu abbia sentito qualcosa) e "Credo te aliquid esse auditurum" (Credo che sentirai qualcosa). Ci raccomandiamo di memorizzare attentamente le diverse funzioni dell?infinito semplice e vi consigliamo di esercitarvi nella traduzione: attraverso un?adeguata preparazione, riuscirete sicuramente a riconoscere in modo facile le funzioni dell'infinito all'interno di una frase.

67

L'equivalenza tra infinito latino e italiano

Possiamo in conclusione affermare che l?infinito in latino equivale all?infinito in italiano (esprime quindi un?azione che non fa riferimento ad un soggetto preciso). Pur tuttavia, qualora l'infinito fosse accompagnato da una determinazione che funga da predicato nominale e che è specificamente riferibile all'infinito e non ad un termine particolare, quest'ultima si mette in accusativo. In più c'è da aggiungere che, nelle proposizioni principali, soprattutto nel caso in cui gli eventi narrati acquisiscano i connotati di drammaticità, si utilizza l'infinito storico (o narrativo o descrittivo), in sostituzione del verbo di modo finito. In pratica, questo si utilizza in sostituzione dell'imperfetto o, in casi più rari, del perfetto. Nella lingua italiana si traduce quasi sempre con l'imperfetto indicativo. Questo perché esprime un'azione che ha una funzione di tipo durativo. E ciò lo si riconosce in modo molto agevole, in quanto dispone di un soggetto espresso al nominativo e che riusulta essere indipendente, vale a dire, che non è retto da nessun verbo, sia esso espresso, oppure sottinteso.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Uno studio aprofondito della grammatica ed un continuo esercizio di traduzione sono essenziali per riconoscere le funzioni dell’infinito semplice, all'interno di una proposizione
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come tradurre le proposizioni infinitive in latino

Nella lingua latina, l'infinito viene usato come forma verbale oltre ad essere riconosciuto come soggetto o oggetto di un'intera proporzione, che, a seconda della funzione grammaticale che occupa, viene denominata "soggettiva" o "oggettiva". Tuttavia,...
Superiori

Come formare un paradigma latino

La grammatica italiana è di certo molto complessa, caratterizzata da desinenze diverse a seconda del genere e del numero, nonché in base all'immensa varietà di tempi verbali. Per quanto riguarda la grammatica latina, dalla quale discende quella italiana,...
Superiori

Come tradurre il supino in latino

Quando osserviamo un paradigma di un verbo in latino, oltre a trovare la forma della prima persona del presente indicativo, la seconda dello stesso tempo, la prima del perfetto e l'infinito del verbo, troviamo anche un nome verbale denominato supino....
Superiori

Come coniugare i verbi deponenti in Latino

Spesso, per chi studia la lingua latina, sarà capitato di incontrare sul suo cammino i verbi deponenti e di avere difficoltà a riconoscerli o semplicemente a tradurli nel temibili versioni. Ma che cosa sono? Semplicemente sono quei verbi che, anche...
Superiori

Come Costruire La Proposizione Completiva Volitiva In Latino

Il latino è la lingua madre degli italiani, difatti l'italiano deriva appunto dal latino; tuttora oggi, alcuni termini sono riportati nella nostra lingua. La grammatica è abbastanza complessa e presenta perlopiù gli stessi termini di quella italiana....
Superiori

Latino: le quattro coniugazioni

Lo studio della lingua latina oggi è particolarmente diffuso in molte scuole d'Italia, in quanto è stata riconosciuta come la lingua ufficiale delle antiche civiltà ed è la lingua base delle moderne lingue. In questa guida analizzeremo le quattro...
Superiori

Come costruire il doppio nominativo in Latino

Tra gli argomenti più insidiosi della grammatica latina, rientra sicuramente il costrutto del doppio nominativo. In questo caso, infatti, per strutturare la frase in senso compiuto, è necessario utilizzare un predicativo del soggetto che va coniugato...
Superiori

Come Formare Le Proposizioni Relative In Latino

Il latino è una lingua molto antica, che si è diffusa in quasi tutte le regioni del Mediterraneo grazie all'espansione dell'Impero Romano. Tuttavia, anche se oggi non è più parlata, viene comunque insegnata al liceo classico per aiutare gli studenti...