latino: sintassi dei casi

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Il latino è una lingua molto antica che non viene più parlata oggi. Nonostante la sua importanza, in alcune scuole non viene studiato in quanto reputato una lingua "morta", al contrario è strutturato in modo minuzioso e ha la funzione di esercitare la logica e il ragionamento dei ragazzi con la sua traduzione. Vedremo la sintassi dei casi.

24

Consigli per gli studenti

Per imparare tutta la sintassi e non dimenticarla il giorno dopo, dovete ripeterla abitualmente e creare mappe concettuali organizzate. Iniziamo a vedere la sintassi di una delle lingue più antiche al mondo che a dato origine a molte lingue moderne.

34

Le funzioni

In particolare la sintassi dei casi studia le funzioni svolte dal sostantivo all' interno della frase. Questo può assumere il ruolo di soggetto, complemento e altro. Compito di questa parte del latino è indagare per l' appunto su questi ruoli giocati dai sostantivi in diverse proposizioni. Il nominativo è il primo caso latino che viene declinato, a questo appartengono i costrutti sintattici del doppio nominativo e del verbo "videor". L'accusativo il secondo caso, indica il complemento oggetto di una frase e di questo si studiano i verbi che sono retti da questo caso, i verbi impersonali e relativamente impersonali, il doppio accusativo e i complementi di età, di distanza e di estensione. Il genitivo indica invece il complemento di specificazione e regge i verbi di interesse come "interest e refert" e verbi di memoria, ma anche vari complementi come quello partitivo. Il dativo è il caso che corrisponde al complemento di termine, i suoi costrutti sintattici sono il doppio dativo, il dativo con complementi, aggettivi e verbi. L'ablativo è l' ultimo caso e corrisponde alla maggior parte dei complementi esistenti, non a caso, a lui appartengono costrutti sintattici tutti basati sui complementi, in particolare quelli di luogo, di agente, di argomento, di causa, di mezzo, di unione e quello strumentale.

Continua la lettura
44

La morfologia e la sintassi

Il latino va studiato dal punto di vista morfologico, sintattico e fonetico. Ogni singola struttura sintattica come la proposizione, ma anche le varie declinazioni, le coniugazioni dei verbi e la metrica è molto complicata e deve essere studiata e bene approfondita perché tantissime sono le particolarità. Tuttavia la parte più interessante è proprio la sintassi (dal greco syntaxis "ordine razionale, disposizione"). La sintassi studia gli elementi che compongono una proposizione, la correlazione che intercorre fra loro e il loro ruolo all' interno dell' ambito della frase.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come Organizzare Un Ripasso Di Sintassi Latina Durante Il Periodo Estivo

Il latino ha la fama di essere una delle materie più antipatiche per gli studenti. Per questo motivo raggiungere buoni risultati è abbastanza faticoso. Lo studio del latino non è però da tralasciare, aiuta a sviluppare il ragionamento e può essere...
Superiori

Come fare l'analisi del periodo in latino

Eccoci qui pronti a proporre ai nostri lettori, che a scuola studiano il latino, un argomento che in questa lingua, mai passata di moda e di tempo, riscuote molto interesse ed anche importanza. Stiamo parlando del come poter fare l'analisi del periodo...
Superiori

Trucchi per tradurre una versione di latino

Tradurre una versione di latino è un compito molto difficile per tutti. I trucchi elencanti di seguito sono utili sia per chi mira alla sufficienza che per chi vuole raggiungere ottimi risultati. Seguire questi trucchi con costanza è un ottimo metodo...
Superiori

Come tradurre al meglio le versioni di latino

La lingua latina è sostanzialmente diversa dall'italiano, soprattutto per quanto riguarda la sintassi.L'attività di traduzione da un linguaggio all'altro implica conoscenze lessicali, morfologiche, idiomatiche e sintattiche che a livello scolastico...
Superiori

Come costruire il doppio nominativo in Latino

Tra gli argomenti più insidiosi della grammatica latina, rientra sicuramente il costrutto del doppio nominativo. In questo caso, infatti, per strutturare la frase in senso compiuto, è necessario utilizzare un predicativo del soggetto che va coniugato...
Superiori

Come Comporre Una Proposizione Infinitiva In Latino

Uno dei costrutti più importanti da studiare per imparare al meglio la sintassi latina è sicuramente la proposizione infinitiva. Nelle proposizioni infinitive il predicato è costituito dal modo infinito. Una proposizione infinitiva può essere soggettiva...
Superiori

Proposizione interrogativa in latino

La proposizione interrogativa può terminare anche in lingua latina con il segno di punteggiatura? (punto di domanda). La proposizione interrogativa latina può essere diretta, se svolge il ruolo di proposizione principale, o indiretta, se invece occupa...
Superiori

Come tradurre i pronomi relativi dal latino

Il compito del pronome relativo, in italiano così come in tutte le lingue del mondo, è quello di mettere in relazione tra di loro due tipologie di proposizioni. Come tradurre correttamente i pronomi relativi dal latino? Vediamolo insieme all'interno...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.