Latino: le quattro coniugazioni

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Lo studio della lingua latina oggi è particolarmente diffuso in molte scuole d'Italia, in quanto è stata riconosciuta come la lingua ufficiale delle antiche civiltà ed è la lingua base delle moderne lingue. In questa guida analizzeremo le quattro coniugazioni latine fondamentali per tradurre e conoscere il contenuto dei reperti antichi. È bene sapere che la coniugazione del verbo latino consiste nella sua flessione, ovvero una modifica della sua parte finale. Basta aggiungere una desinenza al verbo tenendo conto della forma, del modo, del tempo, della persona e del numero. Le quattro coniugazioni si caratterizzano per l'uscita delle ultime due sillabe dell'infinito presente del verbo che termina in: -are per la prima coniugazione, -ere per la seconda, -ere per la terza e -ire per la quarta.

24

Tre elementi del verbo

Leggendo una frase dovete innanzitutto individuare il verbo che in genere si trova alla fine della frase, dopo dovete individuare a quale delle 4 coniugazioni appartiene sulla base della sua desinenza. Una volta aver individuato questo occorre distinguere tre elementi associati alla voce verbale, quali il tema verbale, il suffisso temporale e la desinenza. Il primo è la parte invariabile del verbo e da esso si formano tutti i tempi; il suffisso determina il tempo considerato, mentre la desinenza indica la persona ed è la parte finale del verbo.

34

Le forme attiva e passiva

Quando coniugate un verbo o ne individuate uno ricordatevi di indicare se esso si trovi nella sua forma attiva o passiva. Nella forma attiva il soggetto compie l'azione, mentre in quella passiva il soggetto la subisce. Inoltre quella attiva si divide in transitiva, se l'azione passa dal soggetto al complemento oggetto; intransitiva se resta sul soggetto. Alle forme verbali di base seguono altre derivate che vediamo nel passo successivo.

Continua la lettura
44

I tempi verbali derivati dai principali

Gli altri tempi sono l'imperfetto, il futuro e il gerundivo; quelli dell'azione compiuta derivano dal perfetto e sono il piuccheperfetto e il futuro anteriore; dal supino, infine, derivano il supino attivo e passivo, participio futuro, infinito futuro e perfetto passivo e participio perfetto. Così come per la lingua italiana, i modi verbali latini possono essere finiti o infiniti. I primi, detti anche personali, hanno nel singolare e nel plurale una loro desinenza. I secondi, anche detti impersonali, invece, presentano una forma unica per tutte le persone. Infine, come in italiano, in latino ha tre persone per ciascuno dei due numeri, ossia singolare o plurale.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come formare un paradigma latino

La grammatica latina, così come quella italiana è molto vasta e presenta determinate terminologie che vengono utilizzate per uno studio più approfondito della grammatica e della sintassi. Nell'analisi logica, il soggetto, il complemento oggetto e il...
Superiori

Come tradurre una versione di latino

Il latino è una materia molto importante, la quale può apparire odiosa perché spesso si incontrano difficoltà nel fare le traduzioni. Per risolvere questo problema basta leggere attentamente questa guida e la versione non sembrerà mai più un ostacolo...
Superiori

Come affrontare una versione di latino

Tradurre una versione di latino non è sicuramente l'operazione più semplice da compiere: tuttavia, seguendo alcune tappe in modo rigoroso, potrete riuscire ad affrontare in modo sereno ed arrivare ad una traslitterazione molto fedele nella lingua. È...
Superiori

Perifrastica attiva in latino

Gli studenti del liceo sono tenuti a imparare diverse lingue, che al'inizio sembrano molto difficili. Una di queste è il latino, che spesso viene considerata lingua "morta" ed è caratterizzata dalla presenza di numerose regole da seguire. Se sei già...
Superiori

Come coniugare i verbi deponenti in Latino

Mentre in italiano i verbi sono o di forma attiva (es. Io lodo) o di forma passiva (es. Io sono lodato), in latino esistono anche verbi di forma passiva, ma di significato attivo: i verbi deponenti. I grammatici li hanno chiamati così pensando erroneamente...
Superiori

latino: sintassi dei casi

Il latino è una lingua molto antica che non viene più parlata oggi. Nonostante la sua importanza, in alcune scuole non viene studiato in quanto reputato una lingua "morta", al contrario è strutturato in modo minuzioso e ha la funzione di esercitare...
Superiori

Trucchi per tradurre una versione di latino

Tradurre una versione di latino è un compito molto difficile per tutti. I trucchi elencanti di seguito sono utili sia per chi mira alla sufficienza che per chi vuole raggiungere ottimi risultati. Seguire questi trucchi con costanza è un ottimo metodo...
Superiori

Come tradurre le versioni di latino

La versione di latino, è da sempre il disagio apparente, che mette in crisi migliaia di studenti del liceo. La traduzione dal latino, infatti, non è per niente semplice se non si utilizza uno schema di lavoro ben preciso e non si possiede una buona...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.