Latino: come riconoscere e tradurre le proposizioni consecutive

tramite: O2O
Difficoltà: media
19

Introduzione

La grammatica latina è uno degli scogli principali per gli studenti dei licei. Appena si inizia con i vari complementi è molto difficile tenere tutto bene a mente. Ma quando si passa all'analisi del periodo la situazione si complica ulteriormente. In realtà destreggiarsi con le traduzioni non è poi così complicato. Basta conoscere bene le regole e riconoscere le diverse proposizioni diventa abbastanza fattibile, quasi semplice. In questa guida vedremo come riconoscere e quindi tradurre le proposizioni consecutive dal latino all'italiano.

29

Occorrente

  • vocabolario latino-italiano
  • pregresse conoscenze sulle declinazioni, verbi e analisi logica e del periodo
39

Prima di proseguire è bene avere ben chiaro quali sono le proposizioni consecutive in italiano. Come per l'analisi logica, anche nell'analisi del periodo possiamo individuare le funzioni delle diverse proposizioni. In particolare, le consecutive indicano una conseguenza di quanto si dice nella reggente. Per capire meglio, prendiamo la frase: "Marco è tanto buono che tutti lo amano". Gli elementi che indroducono la consecutiva sono "tanto" e "che". Il primo, l'avverbio di quantità, appartiene alla reggente. La congiunzione "che", invece, appartiene alla consecutiva. In italiano il verbo delle consecutive è al modo indicativo presente, imperfetto o passato remoto.

49

Vediamo ora come si presentano le preposizioni consecutive in latino. La congiunzione che le introduce è "ut" se è positiva o "ut non" se è negativa. Gli avverbi della reggente, detti anche espressioni correlative, possono essere diversi. Abbiamo "ita" e "sic", che significano semplicemente così. Poi ci sono "tam" seguito da aggettivo o avverbio, "tanto" seguito da un comparativo o "tantum" seguito dal verbo. Più rari "(usque) adeo" o "usque eo", seguiti da un genitivo oppure "totiens" o "eiusmodi" da soli. Si possono trovare anche alcuni pronomi, come "is, ea, id" oppure "talis, tale". Infine possiamo trovare anche "tantus, a, um" oppure "tot" e "tam multi". Il verbo delle preposizioni consecutive in latino è al congiuntivo presente, imperfetto o perfetto ed non segue la consecutio temporum.

Continua la lettura
59

Ora che abbiamo ben chiara la teoria, vediamo come si procede. Dopo aver sottolineato tutti i verbi, cerchiamo le congiunzioni che introducono le diverse subordinate. Quando incontriamo "ut" o "ut non" dobbiamo controllare subito due cose. La prima è il verbo che segue, quindi controllare che sia al congiuntivo presente, imperfetto o perfetto. Poi vedere se nella principale c'è una delle espressioni correlative. Quest'ultimo elemento, purtroppo, non è sempre presente, ma si può comunque intuire dal significato della frase. Il rischio è di confondere le consecutive con le finali. Se abbiamo "ut non" siamo certi che è una consecutiva. Se abbiamo il congiuntivo imperfetto siamo altrettanto certi che si tratta di una consecutiva. Se abbiamo "ut" con il congiuntivo presente e imperfetto, invece, possiamo avere una finale o una consecutiva. Se nella principale c'è un'espressione correlativa sarà sicuramente una consecutiva. Se non c'è probabilmente è una finale, ma a seconda del senso potrebbe essere una consecutiva.

69

Una volta riconosciute, tradurre le consecutive diventa abbastanza semplice. Traduciamo letteralmente l'espressione correlativa, come ce la restituisce il vocabolario. La congiunzione "ut" si traduce con la congiunzione "che" e il verbo da congiuntivo diventa indicativo. Il presente e l'imperfetto mantengono lo stesso tempo anche in italiano, il perfetto latino diventa passato prossimo o passato remoto. Possiamo lasciare la consecutiva implicita quando il soggetto è lo stesso della reggente. In questo caso si traduce con "da" seguito dal verbo all'infinito: presente se in latino c'è il presente o l'imperfetto, passato se c'è il perfetto.

79

Attenzione ad alcune particolarità. Quando la negazione nelle proposizioni consecutive si trova nei nomi, aggettivi o avverbi, non c'è mai "ut non" ma solo "ut". Se la reggente è negativa, le consecutive possono essere introdotte da "quin" al posto di "ut". Infine, esistono anche le proposizioni consecutive relative. In questo caso la consecutiva non è introdotta da "ut" ma dal pronome relativo "qui, quae, quod".

89

Guarda il video

99

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Quando traduci, sottolinea tutti i verbi e poi cerca le parole che introducono i diversi tipi di subordinata
  • Ricordiamoci che "tantus, a, um" significa "tanto grande" e non "tanto"
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come Formare Le Proposizioni Relative In Latino

Il latino è una lingua molto antica, che si è diffusa in quasi tutte le regioni del Mediterraneo grazie all'espansione dell'Impero Romano. Tuttavia, anche se oggi non è più parlata, viene comunque insegnata al liceo classico per aiutare gli studenti...
Superiori

Come Costruire Le Proposizioni Con "Cum Congiuntivo" In Latino

Il latino come si dice comunemente è una lingua morta, perché, come suggeriva una illustre linguista, morti sono coloro che la parlavano, ma non perché sia morta la lingua in sé. Ma In realtà noi studiamo documenti scritti in latino. E questo è...
Superiori

Grammatica latina: la proposizione finale

Nello studio della grammatica latina, come in quella italiana, che da essa deriva, si debbono affrontare particolari aspetti della frase come le proposizioni. Esse possono essere di vario genere, ma qui ci concentreremo principalmente sulla proposizione...
Superiori

Come costruire le proposizioni causali in Latino

La proposizione causale rappresenta una subordinata che esprime la causa dell'azione della sua reggente. In latino questa deve essere necessariamente differenziata in due tipi: una è la proposizione causale oggettiva, mentre l'altra è quella soggettiva....
Superiori

Latino: proposizioni concessive e avversative

La guida che andremo a sviluppare all'interno dei tre passi che seguiranno questa brevissima introduzione, sarà dedicata a una lingua straniera classica: il latino. Come potrete facilmente comprendere tramite la lettura del titolo che abbiamo impostato...
Superiori

Come Comporre Una Proposizione Infinitiva In Latino

Uno dei costrutti più importanti da studiare per imparare al meglio la sintassi latina è sicuramente la proposizione infinitiva. Nelle proposizioni infinitive il predicato è costituito dal modo infinito. Una proposizione infinitiva può essere soggettiva...
Superiori

Come riconoscere e tradurre l'ablativo assoluto latino

L'ablativo assoluto è, per tanti studenti, un costrutto latino di solito ostico. Non si riesce spesso a riconoscere e perciò anche la sua traduzione diventa difficile. La maggior parte delle volte, soggetto e predicato infatti non sono insieme, ma sono...
Superiori

Come costruire le proposizioni temporali in Latino

La lingua latina viene definita una "lingua morta", ma viene tutt'ora studiata nei licei classici, scientifici, linguistici e così via. Per studiare questa lingua, è assolutamente necessaria una buona forza di volontà e molto entusiasmo, non trattandosi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.