La Terza Internazionale Comunista

Tramite: O2O 18/05/2018
Difficoltà: media
17

Introduzione

La Terza Internazionale Comunista denominata anche Comintern, era un'associazione di partiti comunisti nazionali fondata nel 1919. Sebbene il suo scopo dichiarato fosse la promozione della rivoluzione mondiale, il Comintern funzionò principalmente come un controllo sovietico sul movimento comunista internazionale. A seguire saranno riportate alcuni appunti sulla Terza Internazionale Comunista.

27

Nascita della Terza Internazionale Comunista

Il Comintern emerse dalla divisione della Seconda Internazionale socialista, sulla questione della prima guerra mondiale. La maggioranza dei partiti socialisti, compresa la "destra" dell'Internazionale, scelse di sostenere gli sforzi bellici dei rispettivi governi nazionali contro nemici che vedevano ostili agli scopi socialisti. La fazione "centrale" dell'Internazionale denigrò il nazionalismo della destra e cercò la riunificazione della seconda Internazionale, sotto la bandiera della pace mondiale. Il gruppo "di sinistra", guidato da Vladimir Lenin, respinse sia il nazionalismo che il pacifismo, esortando invece una spinta socialista a trasformare la guerra delle nazioni in una guerra di classe transnazionale.

37

Primo congresso del Comintern

Nel 1915 Lenin propose la creazione di una nuova Internazionale per promuovere "La guerra civile" attraverso la propaganda diretta ai soldati e ai lavoratori. Due anni più tardi, Lenin guidò il sequestro del potere bolscevico in Russia e nel 1919 fece il primo congresso del Comintern, a Mosca, specificamente per minare gli sforzi centristi in corso e per far rivivere la Seconda Internazionale. Solo 19 delegazioni e alcuni comunisti non russi che si trovavano a Mosca parteciparono al congresso. Il secondo congresso riunito a Mosca nel 1920, vide la partecipazione dei delegati provenienti da 37 paesi, lì Lenin stabilì le condizioni di ammissione all'Internazionale comunista. Questi prerequisiti per l'adesione al Comintern richiedevano a tutte le parti di modellare la loro struttura su linee disciplinate in conformità con il modello sovietico e di espellere socialisti moderati e pacifisti.

Continua la lettura
47

La struttura amministrativa del Comintern

La struttura amministrativa del Comintern assomigliava a quella del Partito comunista sovietico, con un comitato esecutivo. Il partito sovietico godeva di una rappresentanza sproporzionata negli organi amministrativi e la maggior parte dei comunisti stranieri si sentiva leale nei confronti del primo stato socialista del mondo. La consapevolezza che la rivoluzione mondiale non era imminente portò nel 1921 a una nuova politica di Comintern al fine di ottenere un ampio sostegno della classe operaia. Si dovevano formare "fronti uniti" di lavoratori per fare "richieste transitorie" sui regimi esistenti. Questa politica fu abbandonata nel 1923, quando l'ala sinistra del Comintern ottenne un controllo temporaneo. L'assalto di Joseph Stalin al gruppo di sinistra del suo partito, portò l'espulsione del primo presidente del Comintern, Grigory Y. Zinovyev, nel 1926 e un ulteriore riavvicinamento al socialismo moderato. La mossa di Stalin contro l'ala destra del suo partito portò ad un'altra svolta nella politica di Comintern. Nel 1928 il sesto congresso adottò una politica di "estrema sinistra" avanzata da Stalin.

57

Fine della Terza Internazionale Comunista

Al settimo e ultimo congresso del Comintern nel 1935, gli interessi nazionali sovietici dettarono un nuovo cambiamento di politica: per ottenere il favore del potenziale alleati contro la Germania, l'ardore rivoluzionario fu smorzato e la sconfitta del fascismo fu dichiarata l'obiettivo primario del Comintern. I comunisti dovevano unirsi a gruppi moderati socialisti e liberali in "fronti popolari" contro il fascismo. Ormai il Comintern veniva usato come strumento della politica estera sovietica. Il programma di fronte popolare terminò con la firma del patto di Stalin con Adolf Hitler nel 1939. Presto, tuttavia, la Germania e l'Unione Sovietica furono in guerra e nel 1943 Stalin sciolse ufficialmente il Comintern per placare le paure della comunista sovversione tra i suoi alleati. Dal punto di vista sovietico, Mosca era sicura della sua capacità di controllare i partiti comunisti stranieri e in ogni caso, gran parte dell'organizzazione Comintern fu preservata intatta all'interno del Comitato Centrale del Partito Comunista dell'Unione Sovietica. Nel 1947 Stalin istituì un nuovo centro di controllo internazionale chiamato Cominform, che durò fino al 1956.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come scrivere un racconto o un romanzo in terza persona

È probabile che ti venga richiesto di scrivere un racconto, o un breve romanzo, in terza persona. Questo artificio narrativo viene infatti usato dalla maggior parte degli autori: l'esposizione delle vicende riportate nell'opera dà vita ad una narrazione...
Superiori

Come semplificare un numero alla terza potenza

L'aritmetica non è affatto una materia semplice da capire, ma la sua importanza è tale che richiede uno sforzo che permetta di entrare nelle dinamiche dei calcoli. In particolar modo, la scomposizione di un numero è fondamentale quando si va ad affrontare...
Superiori

Storia: il Comunismo in Italia

Il Partito Comunista Italiano fu una delle maggiori fazioni che dominarono il panorama politico italiano del secondo dopoguerra. Ma che cos'è il Comunismo? Come e perché cambiò il modo di pensare degli italiani? Nella seguente guida potrete trovare...
Superiori

Conseguenze crollo muro di Berlino

9 Novembre 1989. È questa la data del crollo del muro di Berlino, giorno in cui il governo della Germania Est approva che i propri cittadini possano andare in visita a quelli dell' Ovest e di conseguenza l' apertura delle frontiere, dopo ben 28 anni...
Superiori

Le differenze tra socialismo e comunismo

Il comunismo e il socialismo sono nati entrambi nel contesto della rivoluzione industriale e in gran parte come risposta ad un periodo in cui gli imprenditori diventavano estremamente ricchi, sfruttando i loro lavoratori. Attraverso diversi processi,...
Superiori

Storia: la guerra fredda in breve

Esistono su internet dei riassunti di vari periodi della storia, che possono esserci di aiuto per riuscire a memorizzare i vari eventi accaduti. La storia è una materia molto importante sia per il nostro bagaglio culturale e sia perché, conoscendo...
Superiori

L'ottocento nella storia

La storia è un termine che ha sempre definito tutto quello che abbiamo vissuto nell'arco del tempo, ci ha sempre affascinato, storie, di guerra, di vita, di fantasia, ognuna ha interpretato il sentimento dell'epoca passata, facendoci vivere per un attimo...
Superiori

Storia: la Primavera di Praga

Con l'espressione "Primavera di Praga" si intende un periodo storico vissuto dalla Cecoslovacchia nell'immediato secondo dopoguerra. Dopo il conflitto bellico, infatti, la Cecoslovacchia entrò a far parte dell'URSS. Intorno al 1968 il politologo riformista...