La teoria delle scelte del consumatore

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La teoria delle scelte del consumatore, a differenza di tante altre, è abbastanza recente.
Nata in periodo neoclassico, essa si basa su alcuni concetti fondamentali.Parte dal presupposto che ogni consumatore può soddisfare i propri desideri scegliendo principalmente in base al suo reddito. In parole più semplici, ogni scelta che un consumatore riesce a fare è vincolata dalle risorse a sua disposizione. Non possiamo spiegare la teoria delle scelte del consumatore senza prima far riferimento alle sue basi: il vincolo di bilancio e le preferenze.

26

Occorrente

  • Prima di mettere in atto la teoria delle scelte del consumatore, assicurarsi di sapere molto bene il vincolo di bilancio
36

La teoria

Cerchiamo adesso di semplificare la teoria. Consideriamo di avere davanti a noi tre differenti panieri composti ognuno da un particolare bene. Ad esempio: il paniere A contiene un cesto misto di pasta, il paniere B contiene un cesto misto di verdura ed il paniere C è costituito da un cesto misto di carne. In base al "vincolo del bilancio" il consumatore sa che può acquistare solamente un paniere e la scelta si baserà solo e soltanto sulle sue preferenze. Se, per esempio, nel paniere B vi sono più elementi rispetto agli altri due e considerando che hanno tutti e tre lo stesso prezzo, allora sarà sicuramente la scelta del consumatore.

46

Assioma di continuità

Possiamo affermare che le relazioni di preferenza hanno degli assiomi. Assioma di continuità: ad ogni paniere viene associata la sua utilità. Il consumatore sceglierà in base a ciò che gli è più utile.Assioma di transitività: considerando i panieri di sopra elencati, se il paniere A è preferito al paniere B e se il paniere B è preferito al paniere C, allora il paniere A è preferito al paniere C. Assioma di sazietà: un paniere è preferito ad un altro se possiede almeno un elemento in più. Quando si trova davanti a due beni diversi tra loro allora sceglierà quello che preferisce (relazione di preferenza), nel caso in cui, invece, la scelta è indifferente allora la preferenza sarà nulla (relazione di indifferenza).

Continua la lettura
56

Il "vincolo di bilancio"

Inoltre, prima di spiegare per bene la teoria, è doveroso sottolineare che utilizzeremo il termine "paniere" per riferirci alle varie combinazioni di beni che possono essere acquistate dal consumatore. Vediamo adesso dettagliatamente cosa si intende con vincolo di bilancio e con preferenze. Il "vincolo di bilancio" rappresenta il reddito (o somma) che il consumatore possiede e con il quale può acquistare tutti i beni che desidera. La somma che può spendere è fissa ed obbligatoria nel senso che non può essere superiore a ciò che il consumatore possiede in quel momento. Con il termine "preferenze" intendiamo l' interesse che il consumatore ha nello scegliere uno o più beni.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Imparare le basi per poter capire facilmente gli altri passaggi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Guida pratica sulla teoria delle stringhe

La teoria delle stringhe è uno studio riguardante la fisica: si tratta di una teoria ancora in fase di sviluppo, la quale si basa su due fondamentali principi che andremo ad enunciare nel prossimo passo. Iniziamo col dire che la teoria delle stringhe...
Università e Master

I numeri più strani della teoria delle stringhe

In fisica, la teoria delle stringhe ha completamente rivoluzionato il mondo scientifico grazie alle sue intuizioni innovative che sono ancora oggi oggetto di molteplici studi da parte di ricercatori in tutto il mondo. Il termine deriva dall'inglese "string"...
Università e Master

Appunti di marketing: la teoria della coda lunga

Il marketing e, più in generale, le discipline economiche si basano tutte su teorie e concetti chiave relativi al funzionamento del sistema economico in generale. Tali teorie, elaborate da economisti, Premi Nobel e professionisti del settore, oltre a...
Università e Master

Appunti: Teoria dei segnali

Molto spesso, gli argomenti più difficili da apprendere, sono quelli che presentano elementi che è molto difficile ricordare. Infatti, molti studenti, fanno ricorso all'uso di evidenziatori, sottolineando con colori forti le parti più importanti di...
Università e Master

Chimica: la teoria delle bande

La teoria delle bande riguarda il legame chimico presente nei metalli, elaborata in seguito alla teoria degli orbitali molecolari. Il legame metallico presenta un particolare interesse in quanto il reticolo cristallino di tali aggregati è tale da avere...
Università e Master

Erving Goffman: La teoria del frame

Quando percepiamo qualcosa, qualunque cosa, da una frase, a un concetto, a ciò che udiamo e sperimentiamo nella realtà, siamo proprio certi che la nostra percezione sia scevra da ogni influenza di tipo selettivo? Ovvero: prendiamo la realtà così come...
Università e Master

Teorema di Hartogs (teoria degli insiemi): dimostrazione

La matematica è una materia tanto affascinante quanto complessa. Una volta capita e compresi i suoi meccanismi studiarla risulterà molto più semplice, e in alcuni casi anche divertente. In questa guida parlerò di teoria degli insiemi, in particolare...
Università e Master

La teoria degli atti linguistici di Austin

Il titolo che abbiamo impostato a supporto della nostra guida, vi spiega già in partenza molto bene cosa andremo a trattare al suo interno. Nei quattro passi che seguiranno la breve introduzione, vi spiegheremo la teoria degli atti linguistici di Austin....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.