La teoria dell'evoluzione

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Animali e pianti sono organismi viventi, suddivisi in ordini e in famiglie. La loro classificazione è possibile perché esistono le specie che raggruppano gli essere viventi, in modo più o meno omogeneo. Tramite la teoria dell'evoluzione della specie, riusciremo a spiegare come avviene la differenziazione tra gli organismi. Oltre a questa teoria però ne esiste un'altra con diverso pensiero. Vediamole entrambe.

24

La teoria creazionista

Come abbiamo precedentemente detto, esistono due teorie che ci spiegano l'enorme variabilità dehli esseri viventi presenti sulla nostra terra: quella creazionista e quella evolutiva. La teoria creazionista, chiamata anche fissista o fissismo della specie, sostiene che le specie attualmente viventi sul nostro pianeta siano state tutte create da Dio nel momento della creazione e rimaste immutate nel tempo.

34

La teoria evolutiva

La teoria evolutiva invece, sostiene che le specie abbiano avuto origine da antichi progenitori primitivi, i quali si sono successivamente diversificati in maniera progressiva. Secondo questacteoria dunque le specie si sono sviluppate nel tempo. Il primo scienziato che ha formulato questa teoria è stato l'inglese Charles Darwin. Con l'Origine della specie, pubblicata nel 1859, Darwin cercò di mettere nero su bianco il suo pensiero riguardo all'evoluzione graduale degli esseri viventi. Questa teoria fornisce alcune risposte a molte domande riguardanti le specie e le classificazioni degli esseri viventi sulla Terra. In poche parole, questa teoria sostiene che tra tutti gli esseri viventi ci siano dei legami di parentela e che ogni specie derivi da una precedente, a seguito di vari processi di cambiamento. Viene definita teoria e ciò potrebbe far pensare che si tratti di una semplice raccolta di ipotesi. Occorre, tuttavia, precisare che dal punto di vista scientifico una teoria si basa su una serie di concetti collegati tra loro in maniera coerente.

Continua la lettura
44

Cosa è veramente l'evoluzione

Il modo migliore per capire cos'è l'evoluzione è quello di guardarsi intorno e riflettere. Proviamo a comprendere il tutto con un esempio pratico, ovvero quello di due fratelli. Entrambi appartengono alla medesima specie (quella dell'Homo Sapiens), hanno lo stesso sesso ma non sono uguali. Dal punto di vista biologico, possiamo dire che i due fratelli presentano un fenotipo diverso tra loro. Il termine fenotipo deriva dal greco phainein ("apparire") e týpos ("impronta"). Il fenotipo è, dunque, tutto ciò che di caratteristico si può osservare in qualsiasi organismo vivente, da contrapporre al termine di genotipo. Quest'ultimo, invece, si riferisce al patrimonio genetico di un individuo, con tutte quelle informazioni contenute nel DNA. I fratelli, quindi, non presentano stessi fenotipi (hanno un aspetto differente) in quanto i loro genotipi sono diversi tra loro.
È bene chiarire che possono esistere due individui con lo stesso patrimonio genetico. È il caso dei gemelli, o di un albero che nasce grazie al trapianto di un ramo di un altro albero. In entrambi, diremo che il genotipo è lo stesso.
Proseguendo con l'esempio precedente, supponiamo che due gemelli abbiano ereditato entrambi la tendenza ad ingrassare. Se, però, uno dei due mangia in misura minore, il suo peso risulterà sempre inferiore rispetto a quello del gemello che mangia di più. Quindi, si ereditano gli stessi caratteri ma ognuno può svilupparli o meno.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Storia ed evoluzione della lingua italiana

La lingua italiana, come tutti già sapranno, deriva dal latino, che a sua volta fa parte del ceppo indoeuropeo e appartenente a popoli che approdarono nella nostra penisola circa duemila anni prima di Cristo. Dopo essere riuscito a soppiantare dialetti...
Superiori

Chimica: la teoria degli orbitali di valenza

In chimica il legame di valenza (VB) rappresenta due teorie di base: insieme orbitale (MO) e teoria molecolare; queste teorie sono state sviluppate per utilizzare i metodi della meccanica quantistica per spiegare il legame chimico. Il legame si concentra...
Superiori

Appunti di teoria degli insiemi

La guida che svilupperemo nei passi che seguiranno avrà come tematica fondante gli insiemi. Come indicato ampiamente nel titolo che accompagna la guida, vi offriremo alcuni appunti di teoria degli insiemi. Cominciamo le nostre argomentazioni su questa...
Superiori

Appunti sulla teoria della relatività

Avete dubbi sulla teoria della relatività e non sapete come risolverli? Non temete, in questo tutorial vi forniremo dei brevi appunti a riguardo.Prima di introdurre l’argomento, dovete avere chiaro il concetto di teoria della relatività. Il principio...
Superiori

Appunti di chimica: la teoria cinetica della materia

Gli stati di aggregazione sono proprietà macroscopiche della materia che possono essere colte dai nostri sensi senza l'aiuto di strumenti. Esse trovano la loro spiegazione, come sempre in chimica, al livello nanoscopico. La teoria che interpreta gli...
Superiori

Scienze: la teoria della tettonica a zolle

Nel 1967 venne formulata la teoria della tettonica a zolle e perfezionata l'anno successivo a opera di D. P. Mckanzie, R. L. Parker e J. Morgan. Si suppone l'esistenza di otto placche principali e di altre secondarie (microplacche) che si muovono con...
Superiori

Appunti di chimica: la teoria degli orbitali molecolari

Nel campo della chimica, la teoria degli orbitali molecolari permette di stabilire i legami che intercorrono tra le molecole e di determinarne la struttura molecolare. E’ bene ricordare che, nella meccanica quantistica, esistono due diversi principi...
Superiori

Platone: la teoria delle idee

Platone, nato ad Atene nel 428 a. C/ 427 a. C e morto nel 348 a. C/ 347 a. C., è uno dei filosofi greci più importanti ed insieme al suo maestro Socrate ed al suo allievo Aristotele hanno gettato le basi del pensiero filosofico dell’Occidente. Le...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.