la seconda guerra mondiale in pillole

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

In questa breve guida vi illustrerò brevemente la Seconda Guerra Mondiale, dividendo i fatti di primaria importanza in pillole, affrontando le diverse tematiche del conflitto e in particolare le politiche espansionistiche.
Partiamo dal presupposto che di fatto Hitler potè iniziare la guerra soltanto dopo il patto di non aggressione con L'UNIONE SOVIETICA.
Questo successo diplomatico aveva infatti messo Hitler al riparo da sorprese militari sul versante orientale, e l’aveva convinto ad accelerare i tempi, dando così inizio alla sua politica di espansione.

26

Così il primo settembre del 1939 i carri armati tedeschi invasero la Polonia da occidente.
Nonostante l'opposizione dei Polacchi, nel giro di un mese il i tedeschi occuparono tutto il territorio. Le forze armate tedesche riuscirono ad avere successo grazie principalmente ad una forte copertura aerea e un massiccio utilizzo di mezzi corazzati, utili alla cosiddetta guerra lampo. L'invasione della Polonia però smosse la Francia e la Gran Bretagna, che dichiararono guerra alla Germania il 3 settembre.
In Italia Mussolini decise di rimanere neutrale e non entrare nel conflitto, almeno per il momento.
Nel frattempo l'URSS occupava alcune aree della Polonia orientale.

36

La Francia, che stava preparando le sue armate per il conflitto imminente, non aveva ancora fatto i conti con la strategia militare nazista.
Nella primavera del 1940 infatti Hitler rivolse le sue forze a settentrione, occupando prima Danimarca e Norvegia e in seguito attaccando direttamente gli anglo-francesi.
Nel maggio del 1940 come prima mossa i nazisti invasero Belgio, Lussemburgo e Olanda, creandosi lo spazio giusto per poter attaccare la Francia da nord.
Quando i nazisti entrarono a Parigi il 14 Giugno i francesi furono costretti a firmare un armistizio, lasciando Hitler padrone del campo.
Le truppe naziste avevano sconfitto l'esercito francese, quello che alla fine della Prima guerra mondiale era considerato il più forte d'Europa.

Continua la lettura
46

A questo punto Mussolini, capendo di poter trarre qualcosa dalla sua unione con Hitler esperando in una guerra lampo, attaccò la Francia sulle Alpi poco prima della caduta di Parigi (10 giugno).
Tuttavia le truppe italiane non erano all'altezza di una vera e propria guerra, infatti le campagne militari italiane mostravano gravi insuccessi sia in Africa che in Grecia, dove solo l'intervento tedesco evitò il tracollo.
L'Europa è quasi totalmente sotto il dominio nazista, anche se la battaglia d'Inghilterra nel 1940, vede il fallimento del tentativo tedesco di conquista della Gran Bretagna.
Nel giugno del 1941 con "l'operazione barbarossa" la Germania attacca l'URSS, ma questa offensiva sarà destinata a fallire a causa del freddo e delle condizioni ostili del territorio nemico. Intanto la politica nazista continua ad intensificare le deportazioni degli oppositori politici e soprattutto degli ebrei nei cosiddetti lager, i campi di lavoro e di sterminio di massa.

56

La svolta della guerra è data dall'esito di tre battaglie :
- Sconfitta alle isole di Midway da parte degli USA che bloccano l'avanzata giapponese;
- Sconfitta a El Alamein, in Egitto, da parte dei nazifascisti che son costretti a fare retro front dall'occupazione del fronte nordafricano;
- Battaglia decisiva di Stalingrado, dove la popolazione e l'Armata Rossa resistono eroicamente a un lungo assedio e costringono i nazisti a ritirarsi.

Nel frattempo, nel 1943, in Italia lo sbarco anglo-americano in Sicilia provoca la caduta di Mussolini.
Il nuovo governo provvisorio con Badoglio a capo firma l'armistizio con USA e Germania (8 settembre) tuttavia l'Italia è ancora invasa dai Nazisti, che vengono scacciati dopo vari mesi dagli anglo americani che entrano in Italia dal sud.

66

Il nazismo crolla nel 1944.
A giugno le truppe anglo-americane sbarcano in Normandia, iniziando la rapida operazione della Francia; le truppe sovietiche avanzano rapidamente sul fronte orientale, stringendo la Germania in una morsa.
La resa nazifascista avviene nell'aprile del 1945: Hitler si suicida mentre l'Armata Rossa entra a Berlino, Mussolini viene arrestato e fucilato dai partigiani.
Il Giappone resiste ancora per qualche mese, fino a quando in agosto le bombe atomiche sganciate su Hiroshima e Nagasaki lo costringono alla resa.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Conseguenze della seconda guerra mondiale

Come ben sappiamo la seconda guerra mondiale fu uno dei periodi più bui, se non il più buio, della storia dell'umanità. Coinvolse non solo stati europei quali Italia, Germania, Inghilterra, Francia ma anche gli Stati Uniti, Cina, il Giappone e la Russia....
Superiori

Conseguenze della prima guerra mondiale

La prima guerra mondiale scoppiò nel 1914 e vide coinvolti l'Impero Tedesco, l'Impero Austro-ungarico e l'Impero Ottomano contro Impero Russo, il Regno di Serbia, l'Impero britannico, l'Impero Giapponese, il Regno d'Italia, gli Stati Uniti e altri stati...
Superiori

Appunti di Storia: la fine della prima guerra mondiale

In questa guida illustreremo gli Appunti di Storia inerenti la fine della prima guerra mondiale. La prima guerra mondiale finì nel 1918. I cambiamenti territoriali e politici impressi da questo primo conflitto segnarono in maniera determinante le nazioni...
Superiori

Le cause della Prima Guerra Mondiale

La pace e la spensieratezza della bella époque purtroppo si basavano su un equilibrio politico instabile. Numerosi motivi di rivalità creavano divergenze tra le grandi potenze europee. I popoli dei grandi imperi etnici, erano in tumulto, perché desideravano...
Superiori

Il Nazismo in pillole

Con i suoi 55 milioni di morti, la Seconda Guerra Mondiale viene definita come il più grande conflitto armato della storia. Le cause che la scatenarono furono molteplici, ma la principale fu senza dubbio l'aggressiva politica espansionistica di Hitler,...
Superiori

Le cause della Guerra Fredda

Con il termine Guerra Fredda si indica un forte stato di tensione, e non una guerra armata come molti erroneamente pensano. Questo stato di tensione si venne a creare tra Stati Uniti e l’ormai ex URSS nel periodo immediatamente successivo alla II Guerra...
Superiori

La Rivoluzione Russa in pillole

La storia è un argomento piuttosto vasto e complesso da studiare, molti aspetti e periodi sono tutt'oggi ancora molto sconosciuti o del tutto ignorati. È un po' il caso della rivoluzione Russa, che se pur conosciuta come fatti storici, non viene mai...
Superiori

Storia: le origini della guerra fredda

Nel periodo seguente alla fine del secondo conflitto mondiale, per quasi 50 anni, la situazione politica generale venne fortemente compressa dallo scontro tra i paesi a regime comunista, guidati dall'Unione Sovietica e l'Occidente, capeggiato invece dagli...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.