La rappresentazione grafica dei fenomeni statistici

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Ecco qui un nuovo articolo, mediante il quale poter essere in grado di capire quale sia la rappresentazione dei fenomeni statistici, nella maniera più corretta e concreta. Rappresentare graficamente un fenomeno statistico, è utile sia per gli studi universitari sia per quelli superiori. Un bel grafico darà alla vostra relazione, tesi o compito in classe una marcia in più. L'importante, però, è saperli costruire correttamente. In questa guida vi mostrerò quali e quanti tipi di grafico esistono e la rappresentazione grafica dei fenomeni statistici corretta.
Mettiamoci subito all'opera e diamoci da fare, nella maniera più semplice possibile!
Buona lettura!

28

Occorrente

  • Carta
  • Penna
  • Righello
  • Programma per costruire grafici elettronici
38

Esistono diversi tipi di grafico. Per poter scegliere quello che più si adatta al vostro studio dovete basarvi su delle semplici regole. La prima è la natura del fenomeno da rappresentare. Il tipo di carattere che descrive il fenomeno. Il numero di caratteri coinvolti nel fenomeno. I modelli di grafico da cui poter scegliere, invece, sono: il diagramma a torta, il diagramma a barre, il diagramma a barre contigue e i diagramma cartesiano.

48

Il diagramma a torta è formato dal disegno di un cerchio, che rappresenta il totale delle unità statistiche. Viene suddiviso in settori di varia ampiezza, in base ai dati in vostro possesso. Questo tipo di diagramma è adatto quando si vuole ottenere, allo stesso tempo, una visione totale e parziale dei dati analizzati; così che si possa fare un confronto rapido tra le parti. Non è adatto a rappresentare fenomeni che hanno molteplici caratteri, in quanto i settori del cerchio non basterebbero e sarebbero poco visibili. In più non permette di analizzare una situazione sotto diverse sfaccettature. In questi casi il diagramma a barre è da preferire.

Continua la lettura
58

Nel diagramma a barre i dati vengono distribuiti in una serie di rettangoli, sistemati parallelamente fra loro. I rettangoli possono essere posti sia in verticale che in orizzontale. In verticale quando si vuole rappresentare la frequenza della modalità a cui il fenomeno si riferisce. In orizzontale. È ottimo per rappresentare caratteri che hanno numerose modalità. Anche per confrontare aspetti diversi sotto tutti i punti di vista.

68

Se il carattere che si analizza è ordinato potete utilizzare anche un diagramma a barre contigue. In cui le barre sono attaccate l'una all'altra e le modalità sono disposte in ordine crescente o decrescente, secondo i dati in vostro possesso. Se i dati sono di valore numerico l'utilizzo di un piano cartesiano è da preferire. All'asse delle ascisse corrisponde la modalità, a quello delle ordinate corrisponde la frequenza.
Ed ecco che ora finalmente potremo capire cos'è ed anche a cosa serve, la classica rappresentazione grafica!

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Ci vuole pratica
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

come realizzare un diagramma a coordinate polari

In questa guida vedremo come disegnare un diagramma a coordinate polari. Questo tipo di diagramma viene spesso utilizzato per esprimere un fenomeno e fa uso di circonferenze concentriche. Per realizzarlo bisogna avere semplicemente a disposizione un foglio...
Università e Master

Come tracciare un diagramma di Nichols

In questa guida vi spiegherò cos'è il diagramma di Nichols e come utilizzare tale strumento potente per analizzare un sistema di controllo in retroazione. Insieme ai diagrammi di Bode e di Nyquist, quello di Nichols è importantissimo per l'analisi...
Università e Master

Come realizzare un diagramma di Nichols in Matlab

Con il diagramma di Nichols viene rappresentata graficamente, su un piano cartesiano, la funzione di trasferimento G (s). E poiché si tratta di una rappresentazione non agevole per chi non ha conoscenze approfondite dell'argomento, oggi vi spiegheremo...
Università e Master

Come costruire il diagramma di Ishikawa

Il diagramma di Ishikawa è una rappresentazione grafica schematica utilizzata per lo più in campo economico-gestionale, che ha come scopo l'individuazione delle cause che generano un problema. Questo tipo di rappresentazione viene utilizzata in moltissimi...
Università e Master

Come utilizzare i grafici in economia

Gli economisti studiano i concetti e i fenomeni osservando numerose variabili economiche strettamente correlate tra loro, come il prezzo del mais e i costi per la sua produzione: quando i prezzi di questa pianta erbacea subiscono un incremento, i consumatori...
Università e Master

Come costruire il diagramma di Bruckner

In questa guida affronteremo un argomento ostico per molti studenti universitari, ovvero il diagramma di Bruckner, utile nell'analisi matematica e per la rappresentazione grafica dei volumi: ne potete osservare un esempio illustrato nell'immagine. La...
Università e Master

Come leggere il diagramma psicrometrico dell'aria umida

Le proprietà dell'aria indicate nel diagramma psicrometrico sono calcolate in base alla pressione atmosferica normale. Per gli altri tipi di pressione, le correzioni rilevanti devono essere applicate. Nel diagramma psicrometrico. L'entalpia totale dell'aria...
Superiori

Matematica: il criterio di Nyquist

Determinare la stabilità asintotica nella realtà di un sistema dinamico in retroazione, è possibile grazie al criterio di Nyquist, attuabile nel campo della matematica per quanto concerne la teoria dei sistemi. Secondo quanto si legge nell'enunciato...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.