La psicoanalisi di Freud

Tramite: O2O 17/03/2018
Difficoltà: media
17

Introduzione

La psicoanalisi è una teoria formulata da Sigmund Freud.
Freud era uno studioso e filosofo viennese, vissuto tra la seconda metà dell'Ottocento e la prima metà del Novecento.
La psicoanalisi si basa, in particolare, sullo studio dell' inconscio umano e si occupa di dare spiegazione a tutti i comportamenti partendo dall' analisi dei pensieri più nascosti e delle esperienze passate delle persone.
In particolare questi studi sono stati molto significativi per quanto riguarda anche la scienza e la medicina moderna, poiché hanno dato una spiegazione a comportamenti che un tempo non trovavano giustificazioni ma venivano considerate talvolta delle "devianze".

27

Il flusso di coscienza

Uno dei metodi utilizzati da Freud con i suoi pazienti era il flusso di coscienza.
In particolare il paziente veniva fatto sdraiare su un lettino e gli veniva detto di parlare liberamente.
Il paziente così, dando sfogo al suo inconscio, dava vita a un racconto che procedeva tramite associazioni.
Con questo metodo si potevano capire le esperienze più importanti del passato o quelle che invece erano state rimosse, facendo emergere così le paure e i sentimenti più profondi della persona e giungendo alla comprensione dei suoi comportamenti e delle sue emozioni.

37

Interpretazione dei sogni

Un altro metodo della psicoanalisi utilizzato da Freud era l'interpretazione dei sogni.
Freud pensava infatti che è proprio quando sogniamo che il nostro inconscio emerge, poiché la persona non è sottoposta a nessun vincolo comportamentale
Dunque, analizzandone i sogni era possibile comprendere a fondo la persona proprio perché durante il sonno il suo essere emerge così com'è.

Continua la lettura
47

Il sesso

Un altro aspetto importante da tenere presente, è lo studio che Freud compie sul ruolo che il sesso ricopre nella vita dell'uomo.
In particolare egli parla di due comportamenti intrinsechi nell'inconscio umano che prendono il nome di "complesso di Edipo" per i maschi e "complesso di Elettra" per le femmine.
Questo comportamento indica il rapporto che si crea tra madre e figlio e padre e figlia: il bambino infatti tenderà a schierarsi contro il genitore dello stesso sesso poiché vede in lui una sorta di nemico, in quanto proverà un senso di competizione nei suoi confronti.

57

Conscio, Preconscio e Inconscio

Secondo la psicoanalisi freudiana, una delle geografia della psiche è la divisione in tre parti della personalità di una persona, ben distinte tra loro che prendono il nome di conscio, preconscio e inconscio in ordine, partendo dalla più conoscibile alle meno decifrabile.

67

Es, Io e Super-io

La seconda visione geografica della personalità di Freud è la divisione in Es, Io e Super-io. L' Es è la parte meno razionale dell'uomo, dominata dagli istinti e dagli impulsi, mentre invece il Super-io è la parte che si manifesta in mezzo agli altri uomini e deve attenersi ai loro codici e all'etica della società. L'Io invece si occupa di creare un equilibrio tra Es e Super-io.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Vita e opere di Umberto Saba

Umberto Saba nasce nel 1883 in una Trieste, appartenente ancora all'impero austro-ungarico e non all'Italia (ciò avverrà nel 1918, alla fine della prima guerra mondiale). Questa città da una parte è sostanzialmente estranea alle tendenze delle avanguardie...
Superiori

Le avanguardie artistiche del '900

Nel XX secolo si caratterizzano una serie di mutamenti socio-economici. È un periodo storico molto vario, nel quale la prima e la seconda guerra mondiale, nonché la rivoluzione industriale, hanno lasciato segni indelebili. In questa atmosfera di cambiamento...
Superiori

Breve guida a La coscienza di Zeno di Italo Svevo

La Coscienza di Zeno è l'opera più conosciuta di Italo Svevo. Pubblicata nel 1923, non ebbe inizialmente grande successo a causa delle condizioni storiche e culturali di quell'epoca. L'insuccesso fu anche causato dalle novità che l'opera stessa riportava:...
Superiori

L'origine della tragedia greca

Quando si parla di tragedia greca, sono tre gli autori principali che anche chi non conosce approfonditamente l'argomento è portato a citare: Eschilo, Sofocle ed Euripide. Ma la tragedia greca è un fenomeno incredibilmente più ampio, che abbraccia...
Superiori

Breve analisi di "Una vita" di Italo Svevo

"Una Vita" è il primo romanzo di Italo Svevo. Il vero nome dell'autore, in realtà, è Aaron Hector Schmitz, il quale - rispecchiando in pieno la crisi identitaria italiana e occidentale dell'Occidente, sceglie di utilizzare lo pseudonimo, appunto, di...
Superiori

Greco: la tragedia di Sofocle

Insieme ad Eschilo ed Euripide, Sofocle è l'unico autore tragico greco di cui si siano conservate opere intere. Visse ad Atene nel V secolo a. C., epoca cruciale per la democrazia della polis attica, e fu protagonista non soltanto sulle scene ma anche...
Superiori

Pirandello: La poetica

Luigi Pirandello costituisce un nome di spicco della storia della letteratura italiana la cui poetica comprende una vasta gamma di generi letterari, fra cui romanzi, novelle, opere teatrali, poesie e anche raccolte di saggi. Il suo pensiero ha senza dubbio...
Superiori

La figura dell'inetto in Svevo

Il filo conduttore che connette tutti i romanzi di Svevo è il tema dell'inettitudine, incapacità di vivere pienamente, che si configura come malattia da cui i protagonisti sveviani sono affetti. Il male di vivere è un tema persistente, che accomuna...