La prosa filosofica di Seneca

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Seneca è noto come uno dei più importanti prosatori filosofici romani, insieme anche a Cicerone. Fu un personaggio complesso, la cui vita fu segnata da molte contraddizioni. Nacque in una ricca famiglia di rango equestre a Cordòba, in Spagna nel 4 a.C. Venne educato ed istruito presso le scuole di retorica a Roma, insieme a Papirio Fabiano, Attalo e Sozione. Intraprese il cursus honorum per volere del padre e successivamente venne nominato precettore di Nerone, per poi diventarne consigliere. Il suo rapporto con gli imperatori non fu mai facile, ma Seneca cercò di educare Nerone per farlo diventare un imperatore esemplare. Nel 62, però, ormai insofferente per i comportamenti del sovrano, decise di abbandonare la vita pubblica e si dedicò interamente agli studi. Nel 65, dopo che venne ritenuto complice nella congiura pisoniana, decise di togliersi la vita. In Seneca trova un grande esponente la prosa filosofica, espressa attraverso i dialoghi, lettere e trattati, che analizzeremo più nello specifico nei passi che seguono. La prosa dell'autore riflette il gusto linguistico del tempo nell'andamento spesso irregolare del periodo fondato sulle antitesi e su un lessico astratto, ricco di termini di forte valore connotativo, mentre dal punto di vista del contenuto filosofico sono forti le contaminazioni tra il pensiero dello stoicismo antico e quello epicureo, che tende a prevalere nelle Epistole ad Lucilium.

27

Occorrente

  • Manuale di letteratura latina
  • Epistolae ad Lucilium
  • Dialogi
  • Tragedie
37

I Dialoghi

È un gruppo di dieci opere di argomento filosofico costituito da ben 12 libri. Rispetto a Platone e Cicerone, l'autore parla sempre in prima persona e l'interlocutore è la persona a cui viene dedicata l'opera. Nel caso di Seneca si tratta sempre di un interlocutore fattizio. Nei dialoghi di Cicerone, invece, sia l'ambientazione che i personaggi sono definiti. Il filosofo spagnolo nei Dialoghi tratta temi importanti della filosofia ellenistica, come la felicità, la fugacità del tempo, la serenità, ma anche temi vicini alla sensibilità romana, quali lo spazio da dedicare al tempo libero e il profilo del potere, temi ripresi anche nelle Epistulae ad Lucilium. In quest opera la prosa risente dell'impostazione diatribica, caratterizzata da una struttura vivace e discorsiva, dalla tendenza a rivolgersi al destinatario e da continue interruzioni da parte di un interlocutore fittizio. Tra i Dialogi vi sono anche quelli di genere consolatorio, scritti appunto per consolare qualcuno per la perdita di una persona cara; e anche i dialoghi trattati, tra cui il De Ira, in cui critica questo sentimento inutile e pericoloso; il De Brevitate Vitae, in cui Seneca ritiene che gli uomini non facciano bene a lamentarsi della brevità della vita, poiché sono portati a sprecare il tempo a loro disposizione. Tra i dialoghi più importanti vi sono poi il De Vita Beata, in cui Seneca dice che la felicità consiste nella vita secondo ragione e in cui risponde alle polemiche di chi lo accusava; il De tranquillitate Animi dedicata ad Anneo Sereno, qui il filosofo immagina che l'amico gli chieda un consiglio per potergli indicare alcuni rimedi per raggiungere la tranquillità dell'animo; il De Otio in cui viene affrontato il problema di una vita attiva o contemplativa; il De Providentia, in cui risponde a Lucilio che gli chiede perché le persone buone siano colpite dai mali; ed infine il De Constantia Sapientis, in cui viene esplicata la tesi stoica.

47

Epistulae ad Lucilium

È l'opera filosofica più importante di Seneca, poiché, in essa, il filosofo esprime la sua visione della vita. Si tratta di una raccolta di lettere scritte dopo il ritiro dalla vita politica e indirizzate a Lucilio. Seneca si presenta come un uomo che ha sprecato la sua vita in occupazioni, invece di dedicarsi esclusivamente allo studio. L'atteggiamento che viene adottato è quello di un consigliere e maestro; Seneca, infatti, vuole aiutare Lucilio a raggiungere quella sapienza che nemmeno lui ha saputo ottenere nel corso della sua vita. Sono tutte epistole letterarie che dovevano essere pubblicate, ma nonostante questo, non si tratta di lettere fittizie. Il riferimento personale ad avvenimenti e a circostanze della vita quotidiana sottolinea la funzione morale dell'opera che è quella di offrire degli insegnamenti. Il tono utilizzato è un tono colloquiale, assimilato al sermo cotidianus. Non c'è uno schema particolare con cui la materia viene esposta, ma mentre le prime lettere sono più semplici, le ultime offrono insegnamenti più complessi; a segnalare un progresso intellettuale e morale di chi le riceve. Seneca, nelle lettere, esorta l'amico anche ad abbandonare la politica per perseguire lo studio, l'arricchimento personale e la sapientia. Un'ultima cosa che Lucilio e ogni altro filosofo dovrebbe fare è liberarsi dalla paura della morte. Chi ha paura della morte, secondo Seneca, finisce solo per ribellarsi alla natura.

Continua la lettura
57

Le Tragedie

Tra la prosa filosofica di Seneca vi sono infine le Tragedie: un corpus di dieci tragedie, tra cui nove mitologiche e una Pretesta, di ambientazione romana. Queste sono state scritte molto probabilmente quando Seneca si trovava a fianco dell'imperatore Nerone. Infatti, tramite i suoi scritti, Seneca mirava a mostrare al principe quali potevano essere gli effetti deleteri di un potere dispotico e delle passioni umane. Esse venivano lette davanti ad un pubblico selezionato; gli imperatori, infatti, non permettevano questo tipo di descrizione dei sovrani. Per quanto riguarda lo stile, viene utilizzato un tono magniloquente e declamatorio; c'è molta enfasi ed esuberanza espressiva. Tra le varie tragedie scritte da Seneca vi è quella che racconta la storia di Medea, protagonista furiosa con il marito che l'aveva tradita, la quale decide di ammazzarne l'amante; poi c'è la storia di Fedra, innamorata di Ippolito, il quale venne incolpato dalla stessa di averla violentata; la storia di Tieste, un altro uomo infuriato con il fratello che aveva sedotto la moglie e per questo decise di cucinare i suoi figli e farglieli mangiare. Come vediamo si tratta di vicende che sottolineano l'effetto negativo degli impulsi umani; questi dovrebbero sempre essere limitati dalla ragione.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per comprendere lo stile di Seneca è necessario conoscere molto bene il contesto storico in cui il filosofo scrive. Concentratevi sul carattere dell'imperatore Nerone e sul modo in cui lo stesso esercitava il proprio potere. Si tratta di un periodo molto difficile per la storia romana, e per questo molti autori esprimevano la propria insofferenza attraverso le opere.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Storia dell'arte: le caratteristiche del barocco

Di etimologia tuttora incerta, il termine Barocco è stato a lungo usato in senso spregiativo per indicare un qualcosa di ridondante, eccessivo e stravagante, tanto che tutt'ora, nell'uso comune, può essere utilizzato a questo scopo. Entra nella storiografia...
Superiori

Edgar Allan Poe: vita e opere

Edgar Allan Poe è stato uno scrittore e poeta statunitense. Famoso per le sue opere in prosa ed in versi, Poe si è validamente espresso anche come critico letterario, saggista, editore e giornalista. A lui vengono attribuite le invenzioni del romanzo...
Superiori

Le 5 cose da sapere per andare bene in latino

Il latino è una delle materie più odiate e più temute dagli studenti delle scuole superiori. Tendenzialmente considerata una lingua morta e incomprensibile, questa materia è in realtà più facile di quello che sembra. Ci sono però almeno 5 cose...
Superiori

Come Individuare Un Omoteleuto

Questa guida è chiaramente interessante per tutti gli amanti della buona letteratura. Proseguite nella lettura per apprendere al meglio i consigli per individuare un omoteleuto all'interno di un testo letterario o bozzetto. La definizione di omoteleuto...
Superiori

Come individuare un asindeto

Con il termine asindeto si fa riferimento a una figura sintattica che mira ad ottenere un determinato ritmo tramite la coordinazione tra più termini o tra varie proposizioni autonome ma intrinsecamente coerenti tra loro: l'asindeto permette il raggiungimento...
Superiori

Filosofia: il pensiero di Eraclito

Eraclito nacque a Efeso, nel 535 a. C. Di nobili origini, si dedicò per tutta la vita alla contemplazione filosofica, conferendole una concezione di stampo elitario e squisitamente razionale. I principali aspetti della filosofia di Eraclito sono racchiusi...
Superiori

Come individuare un chiasmo

A scuola si possono spesso trovare molte difficoltà in alcune materie. La matematica, la fisica, la filosofia, la storia, ognuno ha la sua nemesi. In letteratura, una disciplina che spesso affascina molti, uno scoglio importante si trova quando, nell'analisi...
Superiori

Confronto tra Platone e Aristotele

La contrapposizione tra questi due immensi filosofi è mirabilmente rappresentata nel dipinto "La scuola di Atene" (1509-10) di Raffaello Sanzio. Platone è raffigurato con il braccio sollevato mentre punta il dito al cielo, indicando quel mondo delle...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.