La propagazione e la riflessione della luce

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Se siamo degli amanti dei moltissimi fenomeni naturali e ci piacerebbe riuscire a comprendere i meccanismi che portano alla loro formazione, potremo provare a consultare le numerosissime guide pubblicate sul web e redatte dai vari esperti in questo campo scientifico. In questo modo potremo facilmente riuscire a comprendere tutto ciò che succede intorno a noi, semplicemente eseguendo un ricerca su un qualsiasi motore di ricerca e consultando la guida relativa all'evento di nostro interesse. Nei passi successivi, in particolare, vedremo di spiegare in termini molto semplici tutto ciò che riguarda la propagazione e la riflessione della luce. La luce, quando non incontra nessun ostacolo, si propaga in linea retta e, passando da un mezzo trasparente ad un altro, i propri raggi vengono riflessi e rifratti e talvolta si scindono in differenti colori (come capita, ad esempio, quando si forma il meraviglioso arcobaleno).

25

Occorrente

  • Leggere con attenzione la guida.
35

La riflessione della luce

La riflessione della luce si ha quando essa incide sulla superficie di una qualunque sostanza ed una sua parte ritorna indietro, mentre l'altra porzione penetra nel materiale. Se la superficie è scabra oppure rugosa, la luce riflessa viene diffusa in tutte le direzioni e si parla appunto di "riflessione diffusa" (un esempio è dato dalla carta su cui si scrive o legge): essa rende visibili gli oggetti non illuminati direttamente. Se la superficie è molto liscia, invece, la luce riflessa viene inviata in una direzione ben definita e questo fenomeno è chiamato "riflessione speculare".

45

La riflettanza

Il termine riflettanza viene utilizzato per indicare la frazione di energia luminosa che viene riflessa da un determinato materiale: i metalli possiedono solitamente elevati fattori di riflettanza ed il migliore tra essi è l’argento, mentre quelli delle superfici di vetro pulito sono molto bassi. La luce viene riflessa da una superficie piana sotto un angolo uguale a quello della luce incidente. Gli angoli d'incidenza e riflessione, generalmente, sono misurati come quelli formati dai raggi luminosi e dalla normale, ovvero una linea tracciata perpendicolarmente allo spazio nel punto d'incidenza. Pertanto, la legge della riflessione stabilisce che l’angolo di incidenza è pari a quello di riflessione.

Continua la lettura
55

Le superfici curve

Se la superficie è incurvata, invece, può ancora essere pensata come formata da molteplici superfici elementari piane molto piccole. Il cammino di ciascun raggio di luce che colpisce uno spazio curvo, quindi, può ancora essere determinato dalla legge della riflessione: quest'ultima sta alla base del calcolo delle caratteristiche per la formazione dell'immagine degli specchi curvi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Appunti di ingegneria: le linee di trasmissione

In ingegneria per campo elettrotecnico ed elettronico per linea di trasmissione si intende il componente elettronico atto a trasportare segnali (parliamo dunque di elettronica) e energia (in questo caso in elettrotecnica) organizzandoli su grandi distanze....
Università e Master

Come usare la carta di Smith

In elettronica ed in ingegneria elettrica, la carta di Smith è un apparecchio grafico, cioè un nomogramma, che ci consente di effettuare il calcolo di una funzione. Essa ci consente di decifrare problematiche in materia di circuiti di adattamento o...
Superiori

Ottica: la dispersione della luce

La luce che si propaga attraverso un sistema ottico può essere attenuata mediante l'assorbimento, la riflessione e la dispersione. Se noi mandiamo su un prisma un fascio di luce bianca, osserveremo che all'uscita, il fascio è composto nei vari colori...
Superiori

Il pianto antico di Carducci: parafrasi e commento

"Il pianto antico" è stato scritto nel 1871, e rappresenta un componimento della raccolta "Rime Nuove", scritto dal poeta e scrittore toscano Giosuè Carducci. Questa opera letteraria, in particolar modo costituisce la quarantaduesima, ed è stata pubblicata...
Superiori

Guida a "L'Infinito" di Leopardi

Nella guida che andremo a sviluppare a breve nei prossimi passi, ci occuperemo di poesia. Nello specifico, il poeta che tratteremo sarà Giacomo Leopardi, con la sua fantastica composizione intitolata "L'Infinito". Questa poesia è una delle più conosciute,...
Superiori

Fisica: come spiegare il fenomeno del miraggio

Sentendo la parola miraggio ci vengono subito in mente le oasi del deserto! In realtà non serve andare così lontano per assistere a questo fenomeno ottico, perché nelle giornate molto calde e afose si manifesta anche in città. I giochi di luce e di...
Elementari e Medie

Come scrivere una poesia sull'amicizia

L'amicizia è uno dei sentimenti più forti e nobili. Spesso in passato veniva decantata e romanzata, ma anche oggi molti hanno l'esigenza di fissare su carta questo sentimento. Scrivere una poesia non è semplice e tanto meno sull'amicizia, per cui nella...
Superiori

Commento e analisi di "Canto notturno" di Leopardi

Il "Canto notturno di un pastore errante dell'Asia" è considerato l'ultimo del filone dei canti pisano-recanatesi, composto tra l'ottobre del 1829 e l'aprile del 1830. Esso rappresenta uno dei momenti chiave dello sviluppo del pensiero di leopardi. Rimaniamo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.