La prima guerra mondiale in pillole

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Difficile ridurla a poche righe, ma vediamo come raccontare la Prima Guerra Mondiale in pillole. La Grande Guerra infiammò l'Europa e non solo tra il 1914 e il 1918. Le premesse del sanguinoso conflitto vanno viste nella corsa agli armamenti che, tra la fine dell'Ottocento e l'inizio del Novecento, vide contrapporsi soprattutto l'Impero Tedesco, l'Inghilterra e la Francia, tutte intente, nel secolo precedente, ad assicurarsi un adeguato equipaggiamento bellico finalizzato al predominio commerciale e coloniale. Tale clima di tensione sfociò nella nascita di alleanze difensive tra gli Stati: la Triplice Alleanza, costituita, nel 1882 a scopo difensivo da Germania, Austria-Ungheria e Italia, dall'altro una serie di trattati bilaterali: la Francia stipulò una duplice alleanza con la Russia nel 1894 e una intesa cordiale con l'Inghilterra nel 1904; l'Inghilterra si alleò nel 1902 col Giappone e stipulò una intesa con la Russia nel 1907. Completa il quadro il trattato tra Russia e Giappone, a garanzia dell'indipendenza della Corea, risalente al 1898.

24

È nell'ottica di questo quadro di alleanze che l'omicidio dell'arciduca austriaco Francesco Ferdinando a Sarajevo nel 1914 e la conseguente dichiarazione di guerra dell'Austria-Ungheria alla Serbia provocarono una sorta di effetto domino che in breve trascinò l'Europa e parte del mondo extraeuropeo nella guerra: l'Austria invase la Serbia, la Germania invase il neutrale Belgio sperando di penetrare in profondità in territorio francese.
Sul fronte orientale, l'Austria soffrì alcune rovinose sconfitte in Galizia, mentre la Germania, dopo un avvio fallimentare, operò una sostituzione ai vertici delle forze armate che si rivelò vincente.
L'entrata in guerra della Turchia, nell'ottobre del 1914, apre nuovi fronti di scontro: contro la Russia nel Caucaso e contro l'Inghilterra nei possedimenti coloniali di questa in Medio Oriente e nel Golfo Persico.

34

Nel 1915, l'Italia entra in guerra: lacerata internamente da un dibattito pubblico che contrapponeva interventisti e neutralisti decise di intervenire nel conflitto in seguito a garanzie di grandi vantaggi territoriali offerte dall'Intesa e siglate nel cosiddetto Patto di Londra. L'entrata in guerra dell'Italia provocò l'apertura di un ulteriore fronte lungo l'arco alpino. Il 1917 è un anno di svolta con lo scoppio della Rivoluzione Russa. Dopo le proteste provocate dalle condizioni miserevoli della popolazione civile e dell'esercito, ci fu la presa del potere da parte dei bolscevichi nel novembre del 1917. Lenin, leader bolscevico, prese il potere e instaurò un regime di tipo comunista. Subito dopo avviò difficili trattative di pace con gli imperi centrali che culminarono con il trattato di Brest-Litovsk, a fronte del quale la Russia si ritirava dal conflitto e subiva consistenti perdite territoriali a favore di Germania e Austria.

Continua la lettura
44

Nell'ottobre del 1917, una massiccia offensiva austro-tedesca sfondò le linee italiane a Caporetto e penetrò in profondità in territorio friulano e veneto subendo una battuta d'arresto sulla linea del Piave.
Gli Imperi centrali non poterono giovare effettivamente della sconfitta russa sul fronte orientale poiché nell'aprile precedente anche gli Stati Uniti d'America erano entrati in guerra. Per motivi logistici, tuttavia, gli americani poterono sbarcare in Europa solo agli inizi del 1918, quando la situazione sembrava volgere a favore degli Imperi Centrali. L'arrivo delle truppe fresche e la riorganizzazione delle forze dell'Intesa permise, nel corso del 1918 di avviare delle decisive controffensive sul fronte occidentale. I tedeschi furono costretti a ritirarsi verso il Belgio. Nel contempo, sul fronte italiano, il 23 ottobre, l'offensiva italiana guidata dal generale Armando Diaz, provoca la sconfitta degli austriaci a Vittorio Veneto e la conseguenze firma dell'armistizio il 29 ottobre. Il 30 ottobre si arrende anche l'Impero Ottomano e una forza di occupazione alleata si insediò a Istanbul. La situazione della Germania era più complessa: il 2 ottobre i primi moti rivoluzionari, provocati dai soldati stanchi del conflitto, iniziarono a infiammare il Paese, contagiando anche la popolazione civile che era ormai ridotta in condizioni miserevoli. L'unica soluzione era lasciare ai rivoluzionari il compito di trattare la resa che di fatto avvenne l'11 novembre 1918.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Conseguenze della seconda guerra mondiale

Come ben sappiamo la seconda guerra mondiale fu uno dei periodi più bui, se non il più buio, della storia dell'umanità. Coinvolse non solo stati europei quali Italia, Germania, Inghilterra, Francia ma anche gli Stati Uniti, Cina, il Giappone e la Russia....
Superiori

Conseguenze della prima guerra mondiale

La prima guerra mondiale scoppiò nel 1914 e vide coinvolti l'Impero Tedesco, l'Impero Austro-ungarico e l'Impero Ottomano contro Impero Russo, il Regno di Serbia, l'Impero britannico, l'Impero Giapponese, il Regno d'Italia, gli Stati Uniti e altri stati...
Superiori

Appunti di Storia: la fine della prima guerra mondiale

In questa guida illustreremo gli Appunti di Storia inerenti la fine della prima guerra mondiale. La prima guerra mondiale finì nel 1918. I cambiamenti territoriali e politici impressi da questo primo conflitto segnarono in maniera determinante le nazioni...
Superiori

Le cause della Prima Guerra Mondiale

La pace e la spensieratezza della bella époque purtroppo si basavano su un equilibrio politico instabile. Numerosi motivi di rivalità creavano divergenze tra le grandi potenze europee. I popoli dei grandi imperi etnici, erano in tumulto, perché desideravano...
Superiori

Il Nazismo in pillole

Con i suoi 55 milioni di morti, la Seconda Guerra Mondiale viene definita come il più grande conflitto armato della storia. Le cause che la scatenarono furono molteplici, ma la principale fu senza dubbio l'aggressiva politica espansionistica di Hitler,...
Superiori

Le cause della Guerra Fredda

Con il termine Guerra Fredda si indica un forte stato di tensione, e non una guerra armata come molti erroneamente pensano. Questo stato di tensione si venne a creare tra Stati Uniti e l’ormai ex URSS nel periodo immediatamente successivo alla II Guerra...
Superiori

La Rivoluzione Russa in pillole

La storia è un argomento piuttosto vasto e complesso da studiare, molti aspetti e periodi sono tutt'oggi ancora molto sconosciuti o del tutto ignorati. È un po' il caso della rivoluzione Russa, che se pur conosciuta come fatti storici, non viene mai...
Superiori

Storia: le origini della guerra fredda

Nel periodo seguente alla fine del secondo conflitto mondiale, per quasi 50 anni, la situazione politica generale venne fortemente compressa dallo scontro tra i paesi a regime comunista, guidati dall'Unione Sovietica e l'Occidente, capeggiato invece dagli...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.