La poetica di Giosuè Carducci

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Giosuè Carducci nacque nel 1835 in Versilia. Durante gli studi condotti presso la Scuola Normale Superiore di Pisa, dove si laureò in Filosofia e Filologia, dette vita alla "Società degli Amici pedanti", che criticava il Romanticismo e sperava nel ritorno alla tradizione classica. Nel 1860, a soli venticinque anni, fu chiamato a ricoprire la cattedra di Letteratura italiana presso l'Università di Bologna. Carducci restò in questa città fino alla sua morte, avvenuta nel 1907. La sua poetica, particolarmente apprezzata all'epoca, fece raggiungere per la prima volta ad uno scrittore italiano il Premio Nobel per la Letteratura.

25

Cosa attribuisce Carducci alla poesia

Quella che resta immutata negli anni è la sua concezione della poesia come "arte" nel senso latino di ars, cioè tecnica, mestiere, opposta alla romantica "ispirazione". Carducci attribuisce alla poesia una missione civile ed educativa: celebrare i valori in cui si riconosce la collettività nazionale, fustigare il malcostume, mentre al ruolo del poeta dona la funzione di artefice, fabbro, da questo deriva quella che viene definita ''concezione fabbrile''. Proprio da quest'ultima nascono gli aspetti più interessanti del suo lavoro di storico e di critico letterario, che comprende una vasta mole di saggi.

35

Cosa comprendono le prose di Carducci

Oltre agli studi critici, le prose di Carducci comprendono alcuni discorsi celebrativi e una quantità di scritti d'occasione: prefazioni, autodifese, divagazioni, raccolti nel volumi di Confessioni e battaglie, in cui si manifesta la sua vene di polemista estroso ed energico. Il suo stile ha un robusto impianto classico, ma vi si muove con grande scioltezza. Egli infatti sa alternare con grande maestria i termini aulici con espressioni vivaci e colorite attinte al parlato.

Continua la lettura
45

Perché Carducci sceglie il classicismo

La scelta carducciana per il classicismo congloba in sé motivi letterari, culturali, etici e politici: è difesa della tradizione nazionale contro l'apertura romantica delle mode straniere; è una reazione al sentimentalismo tardo-romantico in nome di una concezione austera e virile della funzione della poesia; è attaccamento ai valori dell'antichità pagana, visti come adesione alla vita e autonomia dell'individuo, contro quelli del Medioevo cristiano, visti come oscurantismo e soggezione alle autorità. Con il passare del tempo, gli aspetti più estremi di queste posizioni si attenuano e gli interessi di Carducci si allargano alla grande letteratura europea, in particolare quella della prima età romantica, in cui lui stesso si cimenta con le opere: La leggenda di Teodorico e Jaufré Rudel.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Breve analisi di San Martino di Giosuè Carducci

La poesia San Martino è un'opera di Giosuè Carducci che fa parte della raccolta lirica Rime nuove. Questo abbozzo fu scritto nel 1883 dal poeta dopo aver trascorso un soggiorno a Roma. Di ritorno dal viaggio attraversa la Maremma, il luogo della...
Superiori

Il pianto antico di Carducci: parafrasi e commento

"Il pianto antico" è stato scritto nel 1871, e rappresenta un componimento della raccolta "Rime Nuove", scritto dal poeta e scrittore toscano Giosuè Carducci. Questa opera letteraria, in particolar modo costituisce la quarantaduesima, ed è stata pubblicata...
Superiori

Pirandello: La poetica

Luigi Pirandello costituisce un nome di spicco della storia della letteratura italiana la cui poetica comprende una vasta gamma di generi letterari, fra cui romanzi, novelle, opere teatrali, poesie e anche raccolte di saggi. Il suo pensiero ha senza dubbio...
Superiori

Letteratura: la poetica di Giovanni Pascoli

La poetica di Giovanni Pascoli riflette tutto il suo disagio nei confronti della vita, da cui emerge la sua fragilità di individuo, nonché una perenne insicurezza dalla quale cerca di evadere tramite la scrittura. Il modo migliore che escogita per sfuggire...
Superiori

Guida alla poetica di Giuseppe Ungaretti

Giuseppe Ungaretti è un poeta italiano dell’inizio del Novecento. Le sue opere sono molto importanti per lo studio della letteratura italiana in quanto è considerato il padre fondatore della corrente dell’ Ermetismo. In questa guida andremo ad approfondire...
Superiori

Letteratura: la poetica di Gabriele D'Annunzio

Gabriele D'Annunzio, nato Pescara nel 1863 e morto nel 1938 al Vittoriale, è considerato uno dei maggiori scrittori e poeti delle letteratura italiana. Egi infatti è uno dei più significativi esponenti del Decadentismo, perché è riuscito a interpretare...
Superiori

Breve guida alla poetica di Pascoli

Giovanni Pascoli è tra i poeti più importanti della letteratura italiana del Novecento. La sua poetica è conosciuta come le sue opere, in quanto rientra tra gli autori del novecento più studiati. Trattandosi di uno dei letterati più moderni, le sue...
Superiori

La poetica di Fabrizio De Andrè

“Dio ci salvi dal maledetto buon senso” se tutti fossero normali e se fossero dotati esclusivamente di buon senso non esisterebbero gli artisti e probabilmente neppure i bambini.Fabrizio De Andrè, cantautore contemporaneo si dedicò alle classi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.