La luce nella storia dell'arte

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La luce è vita. Quanto siamo fortunati di poter godere di questa immensa luce e, come volgere ogni tanto lo sguardo verso quelle persone meno fortunate di noi che non possono vedere e, quindi non rendersi conto ci quanta bellezza li circondi. Spesso è in grado di regalarci percezioni meravigliose, di verità, di conoscenza. Si pensi al buio: tutti abbiamo paura di non poter vedere qualcosa e spesso ci sentiamo come "costretti" e ansiosi. Ecco perché la luce in tante cose, come nell'arte, è rivelatrice dei nostri stati d'animo; ed è proprio per questo motivo che i grandi maestri usufruiscono del suo potere per evocare in noi sensazioni sempre diverse e la storia dell'arte è in grado di fornircene le prove. Vediamo insieme cosa ci suggerisce questa guida per quanto riguarda la luce nella storia dell'arte.

26

Tecnica del chiaroscuro

Una delle tecniche più conosciute per ottenere della gradazione di luce è il chiaroscuro, che si realizza mediante la sovrapposizione di tonalità più scure a tonalità più chiare. In pittura, come anche in architettura e scultura, questa tecnica è molto diffusa, al fine di creare un "gioco" di proporzioni. In realtà subì una decadenza nell'età bizantina e medievale, dove l'uso del simbolismo rifiutava qualsiasi tipo di rilievo.

36

La luce capace di esaltare qualsiasi opera d'arte

La luce è capace di esaltare i volumi e quando essa viene impiegata nella realizzazione di una scultura, sembra che quest'ultima prenda vita, eliminando così la sua "piattezza". Nel caso di una statua, la luce è capace di portare in evidenza il rapporto tra le sporgenze ed i tratti rientranti; nel caso di un rilievo, invece, la luce risalta solo le protuberanze. In architettura, mediante il controllo della luce si è in grado di bilanciare l'equilibrio stesso dell'opera e, soprattutto le sensazioni in generate dai colori che ne fanno parte.

Continua la lettura
46

Sfruttare al meglio le caratteristiche della luce

I pittori hanno sempre cercato di sfruttare al meglio le caratteristiche della luce; per tale ragione, molti di essi sono arrivati alla creazione di opere affascinanti, suggestive. Tra i maggiori pittori che hanno fatto della luce uno dei loro elementi inconfondibili troviamo Caravaggio e Leonardo da Vinci. In Caravaggio la luce conferisce tridimensionalità alle figure, mentre lo spazio circostante passa in secondo piano, non viene messo in evidenza e ciò risalta un aspetto negativo, poiché solo dove c'è luce vi è verità. In Leonardo da Vinci, invece, attraverso la tecnica del chiaroscuro, suo strumento indispensabile, vengono create penombre e delicate luminosità. Da Vinci mira a smussare i contorni più rigidi delle figure e a rendere lo spazio più profondo.

56

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Gli animali nella storia dell'arte

Gli animali hanno da sempre avuto un ruolo di primo piano nell'arte. Le raffigurazioni di animali sono sempre presenti in tutti i periodi storici ed hanno dei significati differenti. Infatti si va dalla semplice raffigurazione della natura in modo classico,...
Superiori

Appunti sul realismo nella storia dell'arte

In storia dell'arte, il periodo del realismo rappresenta il momento in cui gli artisti si lasciano alle spalle i canoni romantici per abbracciare l'idea della bellezza del mondo esattamente per come lo si vede. Mentre nel periodo romantico si cercavano...
Superiori

Storia dell'arte: la decorazione delle catacombe

I popoli del mondo antico mediterraneo, soprattutto i primi cristiani, crearono una serie di cunicoli sotterranei e gallerie, utilizzate per la sepoltura dei loro cari. Di gran lunga il gruppo più importante si trova a Roma e soprattutto nei dintorni,...
Superiori

Storia dell'arte: le caratteristiche del barocco

Di etimologia tuttora incerta, il termine Barocco è stato a lungo usato in senso spregiativo per indicare un qualcosa di ridondante, eccessivo e stravagante, tanto che tutt'ora, nell'uso comune, può essere utilizzato a questo scopo. Entra nella storiografia...
Superiori

Appunti di storia dell'arte: il rinascimento

I periodi che caratterizzano la storia culturale in generale sia in Italia che in Europa sono diversi, e comprendono fasi di vitale importanza quali ad esempio Umanesimo, Risorgimento, Rinascimento. Proprio del Rinascimento andremo a parlare in questa...
Superiori

Storia dell'arte: Picasso e il Cubismo

Nei primi anni del 1900, Parigi è il maggior centro culturale e artistico dell'epoca, in cui confluiscono artisti di ogni nazionalità. Grazie a questo grande movimento di artisti che si confrontano quotidianamente su tipi di arte diversa, nasce una...
Superiori

Guida all'arte del Rinascimento

L'arte del Rinascimento prende vita a Firenze, all'inizio del XV secolo, per poi essere riconosciuta sia in Italia che in Europa. In quest'epoca l'uomo scoprì di essere dotato di una mente potente in grado di ragionare, strumento indispensabile per costruirsi...
Superiori

Breve guida sull'arte impressionista

L'arte impressionista nasce intorno agli Settanta del XIX secolo, in Francia. Si propone come un movimento artistico-pittorico, in cui si inizia a prediligere il colore più luminoso e il lavoro in spazi aperti e ampi. La volontà degli artisti di questo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.