La funzione di revisione costituzionale del Parlamento

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

La Costituzione italiana è entrata in vigore il 1 gennaio 1948 e stabilisce un sistema di bicameralismo perfetto per il Parlamento italiano: il Senato della Repubblica e la Camera dei Deputati, che esercitano congiuntamente. La parte II della Costituzione, intitolata "Ordinamento della Repubblica", disciplina l'organizzazione e il funzionamento degli organi costituzionali, cioè degli strumenti attraverso cui lo Stato agisce manifestando concretamente la sua volontà. Negli Stati democratici le costituzioni hanno introdotto il principio della divisione dei poteri. Secondo tale principio i poteri devono essere affidati ad organi che agiscono in posizioni di parità e indipendenza, in modo che i poteri siano bilanciati e in equilibrio tra loro e possano controllarsi a vicenda. Ecco la funzione di revisione Costituzionale del Parlamento.

27

Funzionamento del parlamento

Il Parlamento approva le leggi che regolano il funzionamento dell'intera comunità nazionale, elegge il Presidente della Repubblica, influenza le decisioni del Governo che per operare deve godere della sua fiducia, ha addirittura il potere di modificare la Costituzione. Proprio per la preminenza del Parlamento la nostra è una Repubblica Parlamentare. Il nostro Parlamento si compone di due distinte Camere e più precisamente Camera dei Deputati e Senato della Repubblica. Nel nostro sistema le Camere si riuniscono separatamente, sotto la direzione di un proprio presidente.

37

Struttura del Parlamento

Per evitare che le due Camere fossero il doppione uno dell'altra, la Costituzione ha provveduto a differenziarle introducendo dei criteri: numero dei deputati e dei senatori elettivi: i deputati sono 630, i senatori elettivi sono 350; elettorato attivo, cioè la capacità di esprimere il voto: per partecipare alle elezioni della Camera è sufficiente il raggiungimento della maggiore età, mentre, per il Senato sono necessari i venticinque anni.

Continua la lettura
47

La revisione costtiuzionale

Oltre alla funzione legislativa, il Parlamento ha anche funzione di revisione costituzionale. Sono richieste della modifiche, e le Camere hanno tre mesi di tempo per decidere. In pratica, la delibera viene prima di tutto approvata dalla prima Camera e in seguito passa poi alla seconda. Nell'arco di tre mesi avverrà anche la seconda votazione.

57

Il processo di formazione

Il processo per la formazione della legge è stabilito nella Costituzione e nelle Regole della procedura parlamentare e comprende le seguenti fasi: la cosiddetta navette, che si verifica quando il testo di un disegno di legge è modificato e inviato a l'altra camera per l'approvazione di una versione identica; la promulgazione da parte del Presidente della Repubblica (che può inviare nuovamente la legge di due Camere di riesame e la pubblicazione della legge sulla Gazzetta Ufficiale (GU).

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

La funzione di inchiesta del Parlamento

La Costituzione della Repubblica affida al Parlamento italiano l'esercizio di quattro funzioni: quella legislativa, di controllo politico, di indirizzo politico e la funzione di inchiesta. Le quattro funzioni vengono svolte da entrambe le Camere, in...
Superiori

Referendum costituzionale: come funziona

Il termine referendum si identifica in quel mezzo democratico, con il quale i cittadini possono intervenire su questioni istituzionali o politiche, esprimendo la propria opinione in merito alla validità o meno del quesito proposto. In Italia, il primo...
Superiori

Funzioni giurisdizionali del Parlamento

Il Parlamento italiano è un organo collegiale e rappresentativo, costituito dalla Camera dei Deputati e dal Senato della Repubblica. Il popolo elegge ciascuno dei membri, che costituiscono il principale organo di vertice della Repubblica. Il suo obiettivo...
Superiori

Il Parlamento in seduta comune

Molti sono appassionati di politica e dei vari movimenti e leggi che vengono approvate o meno ogni giorno in Parlamento, ma c'è una stragrande maggioranza di persone che invece non sanno ancora come funziona tutto l'organismo. Il Parlamento della Repubblica...
Superiori

Rapporto fiduciario tra Parlamento e Governo

La fiducia parlamentare è un atto fondamentale affinché il Governo possa svolgere le sua attività e dia piena esecuzione al suo programma di indirizzo politico. Il rapporto di fiducia tra organo legislativo ed esecutivo è alla base delle forme di...
Superiori

Parlamento: come é composto

Il Parlamento della Repubblica Italiana è il principale organo rappresentativo e legislativo dello Stato. È diviso in due Camere: la Camera dei Deputati e il Senato della Repubblica. Il sistema parlamentare italiano è caratterizzato da quello che si...
Superiori

Autodichia: giustizia domestica del Parlamento

Il termine "autodichia" deriva dal greco ed è composto da due parole, "autos", che significa da solo, e "dike", ovvero giustizia. Ecco quindi che diventa intuitivo il significato del termine con il quale si intende la facoltà di dettare e controllare...
Superiori

Leggi costituzionali e organiche del nostro ordinamento

Se siamo degli studenti di giurisprudenza o semplicemente siamo appassionati di questa particolare disciplina, ma non abbiamo mai avuto modo di studiarla, non dovremo assolutamente preoccuparci. Sarà infatti sufficiente ricercare su internet alcune guide...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.