La forma plurale in inglese

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

L'inglese è la lingua più parlata al mondo. Ma siamo davvero capaci di parlarla?
La scuola dovrebbe preoccuparsi di consegnare a tutti gli strumenti basilari della lingua, ma non sempre si riesce a trasmettere tutto ciò che c'è da sapere.
Se volete conoscere le fondamenta di questa bellissima e importante lingua, ecco una delle regole più semplici e che vi risparmieranno un po' di brutte figure: la forma plurale inglese.

25

Aggiungere la -S

In linea del tutto generale e con le dovute eccezioni, il plurale delle parole in inglese si forma aggiungendo la -S alla fine di una data parola: 'apple' (mela) diventerà 'apples', 'book' (libro) - 'books', pen (penna) - 'pens' eccettera, questa regola ha validità generale.
La -S del plurale è pronunciata /s/ dopo i suoni p, k, f: 'chips' (patatine), 'snacks' (spuntini); /z/ in tutti gli altri casi: 'games' (giochi), 'cars' (automobili).
Ma in questa guida scoprirete che in determinati casi aggiungere l'aggiunta di -S non basta.
Ne esistono parecchi, ma con un po' di pratica diventeranno facilissimi e rimarranno nella nostra memoria.

35

Parole che terminano in -S, -SS, -CH, -SH, -X, -O, -Y, -FE, -F

Le parole che terminano con -S, -SS, -CH, -SH, -X formano il plurale aggiungendo alla radice, la particella -ES: 'class'(lezione) - 'classes', 'tax' (tassa) - 'taxes'.

I sostantivi che terminano per -O preceduta da vocale, le parole abbreviate che terminano per -O e le parole straniere che terminano per -O, formano il plurale aggiungendo la lettera -S: 'piano' (abbreviazione di 'pianoforte') - 'pianos', 'stereo' (impianto stereo) - 'stereos'.
In tutti gli altri casi le parole che finiscono in -O aggiungono ES: 'potato' (patata) diventa 'potatoes'.

I sostantivi che terminano per Y, preceduta da consonante, formano il plurale cambiando la -Y in -I e aggiungendo poi -ES: baby al plurale è babies.
Se invece Y è preceduta da vocale, prendono semplicemente la -S finale: 'play' (commedia) 'plays'.

Alcuni sostantivi che terminano per -F o -FE formano il plurale facendo cadere -F o -FE e aggiungendo poi alla parola VES: 'half' (metà) al plurale è 'halves'.

Continua la lettura
45

Plurali totalmente irregolari

Oltre a queste prime regole, esistono delle forme completamente irregolari.
Esistono ad esempio i sostantivi che possono cambiare la radice o assumere desinenze insolite. Riportiamo alcune tra le parole di uso più comune che mostrano diversi tipi di alterazione,
'man (uomo) - 'men', 'woman' (donna) - women; 'child' (bambino) - children; 'person'(persona) - people.
Infine parole derivanti da altre lingue quali greco, latino o francese, formano il plurale seguendo le tradizionali regole (o eccezioni) della lingua di provenienza: 'crisis' (crisi) - 'crises', 'phenomenon' (fenomeno) - 'phenomena', 'bureau' (ufficio) - 'bureaux'.
Avere un elenco completo è pressoché impossibile, ma ricordate che se non siete sicuri di come si formi un plurale, potete sempre affidarvi a un buon dizionario.

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Come formare il plurale ai sostantivi singolari nella lingua inglese

Tra le tantissime lingue esistenti al mondo, la lingua inglese rappresenta senza dubbio una tra le più conosciute e parlate. Si tratta infatti di una lingua non troppo complicata da imparare grazie alla sua struttura semplice e lineare. Essa viene adoperata...
Lingue

Inglese: forma passiva

Oggigiorno le lingue straniere sono davvero importantissime, e studiare una lingua è sempre più indispensabile sia per la cultura personale che per il lavoro. La lingua sicuramente più importante è l'inglese, che viene richiesto praticamente in qualsiasi...
Lingue

La forma interrogativa in inglese

Negli ultimi anni, conoscere e parlare bene lingue straniere è davvero molto importante. Soltanto in questo modo è possibile viaggiare tranquillamente all'estero e cercare lavoro quasi dovunque. Tra le numerose lingue esistenti, quella da conoscere...
Lingue

Come usare la forma passiva in inglese

Come per i verbi italiani la forma passiva di un verbo la si può avere solo in caso di verbi transitivi; es: "to build" v. T. In "My grandparents built this house 20 years ago" (forma attiva); "This house has been bulit by my grandparents 20 years ago"...
Lingue

Francese: la formazione del plurale

Il francese è una lingua molto dolce e caratteristica, ma spesso si sottovaluta un po' la difficoltà nell'assimilarla. Infatti si avverte questa sensazione per la facilità di pronuncia e per le innumerevoli parole che sono simili all'italiano. Tuttavia,...
Lingue

inglese: forma affermativa, interrogativa e negativa del verbo to be

L'inglese costituisce sicuramente la lingua più diffusa e conosciuta in tutto il mondo e al giorno d'oggi essa è davvero molto importante soprattutto se si ha intenzione di intraprendere una certa carriera lavorativa. Con l'inglese infatti è possibile...
Lingue

L’inglese britannico e l’inglese americano

L'inglese e l'americano sono due accezioni come sinonimi, inerenti a un codice linguistico univoco, con regole uguali sia a livello di pronuncia che a livello morfo-sintattico. In realtà sussistono numerose differenze tra l’inglese che viene parlato...
Lingue

Uso degli articoli in inglese

La grammatica inglese è l'insieme delle regole morfologiche e sintattiche che regolano la lingua. Questa ha diverse affinità con le grammatiche degli idiomi come il tedesco, l'olandese, il frisone, il fiammingo. Questo perché appartengono al gruppo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.