La forma interrogativa in tedesco

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il tedesco, si sa è una lingua alquanto complicata per chi si cimenta per la prima volta ad impararne le diverse forme. In questa guida, vi saranno descritti dei passi per cercare di semplificare nel migliore dei modi, la forma interrogativa, per renderla più facile possibile da comprendere. Ecco dunque com'è strutturata nei dettagli la forma interrogativa nella lingua tedesca.

26

Per chiedere "Dove stai andando?" la frase sarà così composta: pronome "wohin" (dove, moto a luogo), verbo "gehst" (vai, 2° persona singolare del verbo gehen/andare) e soggetto "du" (tu) e così avrete l'intera frase: "wohin gehst du?". Tra i pronomi interrogativi più frequenti vi sono: "wer" (chi), "wo" (dove, stato in luogo) "wohin" (dove, moto a luogo), "woher" (da dove), "warum" (perché), "welche" (quale).

36

La risposta a questa forma interrogativa aperta spiegherà dove siete diretti, rispondendo quindi con un argomentazione circa il pronome "dove". Una plausibile risposta sarà quindi:
"ich gehe in die Schule" (io sto andando a scuola), dove al primo posto avrete "ich" (soggetto/io), al secondo posto della frase il verbo "gehe" (1° persona singolare del verbo gehen/andare) e infine il complemento riferito al vostro pronome "in die schule" (a scuola).

Continua la lettura
46

Bisogna innanzitutto dire che la forma interrogativa, è utilizzata per esprimere delle domande su determinate cose, persone, fatti o situazioni. In tedesco esistono due tipologie di forma interrogativa: la forma interrogativa aperta e la forma interrogativa chiusa. Per prima cosa, vi spiegheremo la frase interrogativa aperta tedesca. Con "frase interrogativa aperta" si intende quella frase interrogativa introdotta da pronomi interrogativi, che richiede una risposta esauriente ed articolata in merito all'argomento di riferimento denotato dal pronome.

56

La forma interrogativa chiusa, invece è quella che normalmente ha come risposta un "sì" (ja) o un "no" (nein), senza necessariamente avere delle argomentazioni. La costruzione della frase interrogativa chiusa, non avendo pronome, vuole il verbo al primo posto, al secondo posto il soggetto e in seguito i rimanenti complementi. Per chiedere ad un amico se ha fame, la forma interrogativa chiusa, sarà così costruita: verbo "hast" (2° persona singolare del verbo haben/avere), soggetto "du" (tu), e "hunger"(fame), quindi la frase completa che avrete sarà: "hast du hunger?". La risposta sarà un semplice "ja" (sì) oppure un più completo "ja, ich habe hunger".

66

Nel caso la frase sia costruita con verbi modali, la sequenza pronome-verbo-complementi rimane la stessa con la sola differenza che a chiudere la frase ci sarà il verbo retto dal modale che avrete al secondo posto:"Cosa vuoi mangiare oggi? (was willst du heute essen?) "Vorrei mangiare delle patatine fritte" (ich will Pommes Frittes essen). Per costruire la frase interrogativa dovrete quindi posizionare il pronome al primo posto della vostra frase mentre, al secondo posto posizionerete il verbo e a seguire tutti gli altri complementi della vostra frase.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Tedesco: frasi affermative e interrogative

Imparare le lingue è un bellissimo modo per passare il tempo ed accrescere la propria cultura. Infatti studiare una lingua significa anche avvicinarsi e comprendere meglio una determinata cultura, conoscere la storia e alcuni aneddoti di una particolare...
Lingue

Francese: la forma interrogativa

La forma interrogativa è importante in quanto ci dà la possibilità di conversare, chiedere informazioni, pareri e indicazioni. In francese, la costruzione della forma interrogativa si articola in ben tre modi per l'intero completamento è indispensabile...
Lingue

La forma interrogativa in francese

Prendendo come riferimento il francese e l'italiano, sono presenti delle differenze anche nella realizzazione della forma interrogativa. Per questo motivo, bisogna avere un po' più di attenzione nel cercare di esprimersi in modo corretto.Nella presente...
Lingue

La forma interrogativa in greco

Come l'italiano, anche il greco, vanta di una grammatica che va studiata attentamente. In greco, infatti, sono tante le forme da conoscere per far sì che, tra le tante cose, possiate essere in grado di tradurre versioni greche. A scuola, soprattutto...
Lingue

inglese: forma affermativa, interrogativa e negativa del verbo to be

L'inglese costituisce sicuramente la lingua più diffusa e conosciuta in tutto il mondo e al giorno d'oggi essa è davvero molto importante soprattutto se si ha intenzione di intraprendere una certa carriera lavorativa. Con l'inglese infatti è possibile...
Lingue

La forma interrogativa in coreano

Imparare le lingue è utile ed interessante perché tramite esse si conoscono numerose tradizioni del paese. La lingua coreana è una di quelle lingue particolari, leggermente complicata data la diversità, ma con un po' di impegno e costanza possiamo...
Lingue

Francese: i verbi riflessivi

Con pochi e semplici passaggi vi sarà spiegato come utilizzare i verbi verbi riflessivi nel linguaggio parlato in Francia. Il francese, facente parte delle lingue discendenti dal latino, appartiene anche al gruppo delle lingue indoeuropee; essa può...
Lingue

La forma interrogativa in portoghese

La lingua portoghese ha una storia interessante alle spalle che l'ha fatta divenire il sesto idioma più parlato al mondo e la seconda lingua neolatina più diffusa dopo lo spagnolo. Si parla nell'America del sud, special modo in Brasile dove è diventata...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.