La forma interrogativa in coreano

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Imparare le lingue è utile ed interessante perché tramite esse si conoscono numerose tradizioni del paese. La lingua coreana è una di quelle lingue particolari, leggermente complicata data la diversità, ma con un po' di impegno e costanza possiamo sicuramente impararla alla perfezione. Questa lingua è per grammatica e sintattica molto simile alla lingua giapponese enon è una lingua tonale che attribuisce ad una parola 4 o 5 significati diversi a seconda della pronuncia (tipo la lingua cinese). Come scrittura non ha caratteri complicati da memorizzare, non vi sono articoli e le parole non hanno genere nè numero. L'alfabeto “Hangeul” dei coreani è composto di 10 vocali e 14 consonanti, la cui combinazione porta formazione di gruppi sillabici. In questa guida, vedremo uno degli argomenti più ardui da imparare in coreano: la forma interrogativa.

27

Occorrente

  • Corsi con un madrelingua
  • Esercitazioni scritte
  • Tanta pazienza ed impegno
37

Analizziamo la struttura della frase

Innanzi tutto la prima cosa da sapere è che le parole hanno una diversa posizione rispetto alla lingua italiana. Il verbo, in coreano, si posiziona alla fine della frase come nella lingua cinese. Vediamo un esempio pratico per capire la struttura di una frase in coreano: sia essa affermativa o interrogativa. Prendiamo in esame la seguente frase: "la mamma compra la pizza" oppure "la mamma comprerà la pizza?" seguiamo lo schema "soggetto - verbo - oggetto" in lingua coreana invece sarà corretto dire: "La mamma la pizza compra" oppure "La mamma la pizza comprerà?" seguendo lo schema inverso: "soggetto - complemento oggetto - verbo". Se c'è la presenza di qualche complemento indiretto i suffissi dei nomi saranno posposti per esempio nella forma interrogativa della lingua italiana seguente: “la mamma andrà a fare la spesa con l’auto? ” in coreano diventerà: “la mamma l’auto con la spesa fare andrà? “.

47

Le preposizioni divengono "posposizioni" in lingua coreana

Le preposizioni cosiddette in lingua italiana, cioè precedenti il nome, in lingua coreana si definiscono "posposizioni" perché succedono il nome. La seguente appena descritta, è la regola che, se capirete propriamente, vi farà andare avanti più velocemente nell'imparare questa lingua. Se sono presenti complementi indiretti all'interno della frase (sia qualora fosse affermativa che interrogativa) porterà queste a strutturarsi secondo lo schema "soggetto-complemento indiretto - suffisso di accompagnamento del complemento indiretto - complemento oggetto - verbo". A questo punto bisogna specificare che la presenza del segno grafico del punto interrogativo in una frase interrogativa in lingua coreana, è alquanto recente. In alcuni casi esso è assente alla fine di una domanda.

Continua la lettura
57

Il punto interrogativo e la formalità

Nella lingua coreana la regola che vige nella struttura linguistica della frase assertiva è la stessa di quella interrogativa. La differenza tra l'una e l'altra è solo nella presenza o meno del punto interrogativo finale. Analizziamo ora una situazione. Quando un coreano rivolge una domanda ad una persona cui porta rispetto, referenza e che non appartiene alla sua cerchia familiare e che non è informale ed amichevole, mette al primo posto la parola "signore" (in coreano tutti i nomi sono neutri) cui segue il suffisso formale di rispetto "nim".

67

Quando si usa il punto interrogativo e come capire se c'è mentre ascoltiamo parlare

Una regola che semplifica questa regola è la seguente: il segno grafico del punto interrogativo "?" è assente quando è presente l'avverbio di luogo "dove", secondo i coreani, infatti, esso ha già funzione interrogativa e quindi si ritiene "inutile" aggiungere il punto interrogativo. La tonalità della voce è un particolare cui dovremo prestare attenzione: se la voce tenderà a scendere significa che non vi è interrogativo, alla stregua di una frase assertiva. Se la frase ha il punto interrogativo la voce salirà.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Allenati a scrivere e parlare ogni giorno il coreano, magari con un madrelingua; sarà molto d'aiuto

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Francese: la forma interrogativa

La forma interrogativa è importante in quanto ci dà la possibilità di conversare, chiedere informazioni, pareri e indicazioni. In francese, la costruzione della forma interrogativa si articola in ben tre modi per l'intero completamento è indispensabile...
Lingue

La forma interrogativa in spagnolo

Nella lingua italiana quando si utilizza la forma interrogativa è necessaria un'intonazione particolare della voce per far capire che si sta facendo una domanda. Nella lingua spagnola esistono delle caratteristiche diverse: l'impostazione della domanda,...
Lingue

La forma interrogativa in francese

Prendendo come riferimento il francese e l'italiano, sono presenti delle differenze anche nella realizzazione della forma interrogativa. Per questo motivo, bisogna avere un po' più di attenzione nel cercare di esprimersi in modo corretto.Nella presente...
Lingue

La forma interrogativa in svedese

Lo svedese è una lingua non diffusa nel mondo e che si parla solo in Scandinavia, tuttavia potrebbe essere necessario impararla, poiché specie per i giovani, ci sono tantissime opportunità di lavoro, visto che si tratta di un paese che vanta un'economia...
Lingue

La forma interrogativa in arabo

La scelta di studiare in modo approfondito una lingua straniera, oggi è più che mai un'esigenza. Le lingue orientali affascinano sempre di più, ed impazzano sul web numerosi tutorial e suggerimenti su come formulare frasi specifiche. Se state iniziando...
Lingue

La forma interrogativa in russo

La lingua è l'insieme di suoni, parole, locuzioni e costrutti logicamente collegati ed ordinati tra loro. Di questi ci serviamo per esprimerci e comunicare con gli altri. La lingua ha una doppia funzione. Risulta fondamentale nella vita di tutti i giorni....
Lingue

La forma interrogativa in inglese

Negli ultimi anni, conoscere e parlare bene lingue straniere è davvero molto importante. Soltanto in questo modo è possibile viaggiare tranquillamente all'estero e cercare lavoro quasi dovunque. Tra le numerose lingue esistenti, quella da conoscere...
Lingue

La forma interrogativa in greco

Come l'italiano, anche il greco, vanta di una grammatica che va studiata attentamente. In greco, infatti, sono tante le forme da conoscere per far sì che, tra le tante cose, possiate essere in grado di tradurre versioni greche. A scuola, soprattutto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.