La fonetica inglese

Tramite: O2O 01/06/2017
Difficoltà: difficile
16

Introduzione

La fonetica è un argomento tanto delicato quanto complesso; impossibile sarebbe quindi leggere delle parole inglesi utilizzando la fonetica italiana, in quanto nonostante la materia sia la medesima, si riferisce a due diversi alfabeti. Il rischio è dunque quello di italianizzare un termine; prendendo un esempio, la parola "fashion" che in inglese si legge "fæ??n", in italiano diventa "f???on"). Se volessimo riuscire a parlare con qualcuno in inglese dovremmo pronunciare le parole nel modo corretto per poter essere compresi, rispettando le regole della fonetica di una data lingua.
In questa semplice guida capiremo (facendo un confronto con quella italiana) la fonetica dell'alfabeto inglese.

26

Qualche differenza tra italiano ed inglese

Per molti l'inglese è una lingua più complessa dell'italiano, in realtà sono solo due idiomi differenti che utilizzano grammatiche strutturate diversamente ed appartenenti a ceppi di diversa natura. Così come in italiano, anche la lingua italiana utilizza diversi termini sotto punti di vista differenti ma riguardanti lo stesso oggetto. Un'ulteriore differenza da porre è quella delle desinenze per ciò che concerne la coniugazione dei verbi: in inglese avremo sempre lo stesso verbo, e per indicare la terza persona cambieremo la desinenza. Facendo un esempio in italiano il presente del verbo amare sarà io amo, tu ami, egli ama, noi amiamo, voi amate, essi amano; in inglese quasi tutte le persone sono uguali: I love, you love, he loves, she loves, it loves, we love, you love, they love, inoltre l'infinito di ogni tempo si forma aggiungendo la locuzione "to", in questo caso quindi sarà "to love".

36

La fonetica

Fatte le dovute premesse possiamo finalmente passare all'analisi della fonetica inglese correlata a quella italiana.
Come si può vedere nell'immagine allegata, persino la pronuncia delle lettere dell'alfabeto posseggono una pronuncia diversa; a cominciare dalla "a" che in inglese si legge "EI".

Continua la lettura
46

I suoni dell'inglese

Nella fonetica inglese esistono i cosiddetti suoni intermedi ovvero suoni che in italiano non esistono e che possono essere collocati come una via di mezzo tra due suoni fonetici. Come abbiamo visto dall'immagine precedente, "æ" è un suono intermedio tra "A" ed "E"; la stessa quindi corrisponde ad un "E" ma con un apertura labiale pari a quella della "A".

56

Lo spelling e le sue insidie

Lo spelling è una minore ma importante parte della fonetica; imparare a fare lo spelling di una parola, sarà l'inizio della comprensione della fonetica inglese.
Bisogna ricordare che la "E" finale in una parola è sempre muta tranne per i monosillabi come "blé" e "be"; le doppie "E" si leggono come una italiana "I", ma andrà prolungato il suono (da vedere parole come "street", sheep"). Le doppie "O" nella maggioranza dei casi, si leggono come "U" anch'essa prolungata.
Di volta in volta la "G", la "C" e la "J" possono cambiare pronuncia, per esempio se alla "c" segue "e", "i" e "y" allora il suono è come la "s", se è seguita dalla "a", dalla "o" o dalla "u" allora il suono diventa come quello della "k" (cioè quella della "c" ma più carico). Con tanta pazienza e buona volontà, imparare a parlare inglese con una perfetta pronuncia, sarà fattibile grazie anche agli innumerevoli canali offerti da internet.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

I 10 errori più frequenti in inglese

Quella inglese è una lingua che s'impara con facilità. Certo, servono applicazione, costanza e continuità nello studio e negli esercizi ma, tra tutte le lingue straniere, si può dire che l'inglese sia quella che ci è più amica. Infatti, essa non...
Lingue

L’inglese britannico e l’inglese americano

L'inglese e l'americano sono due accezioni come sinonimi, inerenti a un codice linguistico univoco, con regole uguali sia a livello di pronuncia che a livello morfo-sintattico. In realtà sussistono numerose differenze tra l’inglese che viene parlato...
Lingue

Come si scrivono i colori in inglese

Con il passare degli anni la lingua inglese sta assumendo un'importanza talmente elevata da richiedere la necessità per qualsiasi famiglia di dover insegnare subito, fin dai primi anni di scuola, ai bambini almeno i termini basilari. Sebbene i corsi...
Lingue

10 consigli per imparare l'inglese

L'inglese è una lingua che appartiene alle lingue germaniche insieme all'olandese, all'alto e basso tedesco, al fiammingo e al frisone. Gli Stati in cui si parla l'inglese come lingua ufficiale vengono chiamati anglofoni. Il dizionario mette in evidenza...
Lingue

Appunti di linguistica inglese

Mettiamo qua sotto a disposizione del lettore, un insieme di appunti di linguistica inglese. Il testo seguente è da intendersi con un aiuto allo studio della materie, che potrà essere utile sia a studenti alle prime armi, sia a chi frequenti percorsi...
Lingue

Come memorizzare nuovi vocaboli in inglese

Pur essendo la grammatica importante nello studio di una nuova lingua, la conoscenza dei vocaboli è fondamentale. Anche se qualcuno potrebbe non crederci per riuscire a parlare in inglese basta anche una conoscenza basilare della grammatica se ben supportata...
Lingue

Come imparare l'inglese ascoltando musica

Se stiamo cercando di imparare l'inglese, per riuscirci esistono vari metodi che potremo utilizzare per riuscire a parlare correttamente questa importante lingua. Uno dei metodi più semplici per imparare l'inglese è sicuramente quella di recarsi presso...
Lingue

Come capire meglio l'inglese

La comprensione della lingua inglese, per un italiano nato e cresciuto nelle più svariate parti d'Italia, non è mai una cosa semplice. Siamo sempre più abituati a sentire un inglese maccheronico, con una pronuncia sempre più sbagliata. Vediamo allora...