La filosofia di Nietzsche in pillole

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
18

Introduzione

Friedrich Wilhelm Nietzsche è considerato uno dei più grandi filosofi di tutti i tempi. Di origini tedesche, nasce nel 1844 e muore nel 1900 all'età di 56 anni. Il suo pensiero e le sue riflessioni rientrano nelle cosiddette "filosofie della vita" e rappresentano un punto di vista talmente complesso e originale che inizialmente faticarono non poco a trovare consensi. Solo in un secondo momento riuscirono ad avere una fortissima influenza sul pensiero filosofico e a raggiungere una fama immensa. In questa guida vi proponiamo il pensiero e la filosofia del pensatore in pillole.  

28

Occorrente

  • Per capire Nietzsche è necessario un bagaglio di cultura dalla filosofia classica fino a quella romantica.
38

La filosofia di Nietzsche muove i primi passi partendo dal fortunato incontro con "Il mondo come volontà e rappresentazione" di Shopenauer. Ispirandosi al testo, inizia a formulare le sue prime ipotesi, ma è nel 1872 che pubblica il suo primo libro. Si tratta dell'opera "La nascita della tragedia", che procurò un grande subbuglio in tutto il mondo universitario. Da decenni, infatti, filosofi e storiografi si dedicavano al tema, non sapendo spiegare da dove traesse origine la rappresentazione del popolo greco. Il mondo culturale ed universitario, fu così sorpreso di fronte ad un giovane che soli 28 anni pretendeva di spiegare cose ancora oscure, dopo anni di approfonditi studi.  

48

In realtà Nietzsche sottolineava come la tragedia doveva aver avuto origine dalla irrazionalità umana, dallo "spirito dionisiaco" (o slancio di vita), che si coniuga e, al tempo stesso, si contrappone allo "spirito apollineo", caratterizzato da una forte razionalità. È da questa lettura che il filosofo muove i suoi passi per criticare Socrate e la sua visione disumanizzata dell'uomo, proposto come un sottovalutato modello astratto. Seguendo questa linea, Nietzsche arrivò a denominare la filosofia socratica con l'appellativo "intellettualismo etico", per indicare la sua tendenza a negare la vera specificità della natura umana.

Continua la lettura
58

Dalla critica di Socrate, ma anche di Platone e Plotino, passò rapidamente alla critica del mondo europeo contemporaneo. Il mondo e la sua storia non sono, per Nietzsche, una parabola di grandezza. Al contrario rappresentano una spirale di brutture e decadenza, di cui è doveroso smascherare le enormi falsità. Per il filosofo tedesco il destino vero dell'uomo è in relazione con l'affermazione della sua libertà. L'uomo deve liberarsi dagli idoli, dai dogmi, dagli schemi e dai preconcetti imposti dalla civiltà, dalla cultura e dalla religione, e solo allora potrà essere realmente libero. Ciò è possibile solamente perseguendo la "volontà di potenza", cioè l'intenzione di elevarsi e raggiungere una condizione superiore, che il filosofo descrisse con il concetto di "oltreuomo" (o superuomo). Questo concetto, a lungo frainteso e collegato al nazismo, rappresenta per Nietzsche la consapevolezza dell'uomo di essere egli stesso l'unico in grado di dare significato e senso alla vita.  

68

Il concetto di oltreuomo si lega profondamente ad altri temi centrali nella filosofia di Nietzsche: i temi della "morte di Dio" e dell'eterno ritorno". Secondo il filosofo l'uomo, nel suo cammino storico, ha ricercato certezze teorizzando mondi ultraterreni e nascondendosi alla verità. La verità è, invece, l'inesistenza della vita ultraterrena e il riconoscimento del "non senso" della vita, la quale, per questo, deve essere vissuta con desiderio, passione e slancio emotivo. Dare un senso al mondo e alla vita giustifica infatti il bisogno dell'uomo di illudersi creando universi rassicuranti.

78

Tuttavia, come dice il filosofo Zarathustra nella prima parte del famosissimo libro "Così parlo Zarathustra", la vita è destinata a ripetersi. L'universo e il mondo secondo Nietzsche sono caratterizzati, come tutte le cose, da una ineluttabile circolarità. L'eterno ritorno riguarda ogni cosa dato che le combinazioni, gli eventi, la vita, sono guidati da cicli temporali che necessariamente tendono a ripetersi.  

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • La filosofia di Nietzsche è molto complessa, per quanto qui si sia cercato di riassumerla, per cui è consigliabile un maggiore approfondimento, magari proprio leggendo "Così parlò Zarathustra".

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Filosofia: Nietzsche

Friedrich Wilhelm Nietzsche è stato un filosofo, ma anche poeta, compositore e filologo, nonché saggista. Nietzsche ha avuto un’indiscutibile influenza sul pensiero letterario, filosofico e politico del suo secolo (‘900) e la sua filosofia è ancora...
Superiori

Filosofia: il pensiero di Heidegger

La guida che seguirà entrerà a trattare una materia davvero bellissima: la filosofia. Nello specifico, ci dedicheremo allo studio del pensiero di un filosofo cardine del pensiero protestante luterano: Martin Heidegger. Comincerei con una piccola biografia...
Superiori

Filosofia greca in pillole

Studiare la storia e la filosofia è il modo migliore per capire come il pensiero dell'essere umano sia cambiato ed evoluto in base agli eventi che ne hanno segnato i momenti più importanti, e le svolte epocali che ci hanno portato fino ad oggi. La filosofia...
Superiori

Differenze tra Modernismo e Postmodernismo

Parlare di modernismo e postmodernismo non è affatto semplice, anche perché spesso le differenze sono minime. Il postmodernismo è un termine coniato nel 900 e che viene utilizzato in diversi ambiti culturali e commerciali. Infatti qualcuno potrebbe...
Università e Master

Karl Marx e il capitalismo

Il filosofo Karl Marx, insieme ad alcuni dei massimi filosofi come Freud e Nietzsche, mise in discussione il concetto di verità dei filosofi precedenti e le loro argomentazioni. Karl Marx in particolare analizzò le verità economiche e il concetto di...
Superiori

Hegel e La Fenomenologia Dello Spirito in pillole

Hegel fa parte di quel gruppo di filosofi che hanno fatto la storia della filosofia. Uno dei più grandi filosofi del mondo. Ma andiamolo a conoscere più a fondo: la filosofia di Hegel si concentra in particolar modo sulla ricerca dell'assoluto. Nella...
Maturità

Mappe concettuali per la maturità: idee

Gli esami della maturità sono vicini e ci si appresta a preparare tutto il materiale per l'ultimo step dell'esame: la prova orale. Per arrivare pronti alla prova orale bisogna avere bene in mente tutti i concetti e gli argomenti studiati durante l'anno...
Superiori

La filosofia di Kant in pillole

Immanuel Kant, uno dei maggiori filosofi di tutti i tempi, nacque a Konigsberg nel 1724 da famiglia povera. È stato uno dei maggiori esponenti della corrente illuministica tedesca e precursore della filosofia idealistica. Il perno della dottrina kantiana...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.