La filosofia di David Hume

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La filosofia è un argomento ostico ed infatti porta diverse problematiche agli studenti che devono studiarla. La guida in questione pone quella dello scozzese David Hume, nato ad Edimbrugo nel 1711 e morto nel 1776, esso fece parte dell'empirismo britannico, come anche Geroge Berkeley e John Locke. Lo scetticismo che emerge dalle riflessioni presenti nelle sue tante opere fa si da essere la sua caratteristica principale, in ciò è rinchiusa anche I dialoghi sulla religione naturale, quest'ultima fu pubblicata dopo che esso morì. Viene considerato inoltre un importante rappresentante dell'illuminismo scozzese, al pari di Adam Smith e Thomas Reid.

26

Il pensiero

Hume asseriva che le percezioni della mente umana si distinguono in idee ed impressioni e che la conoscenza è frutto esclusivamente dell'esperienza. Quest'ultime sono ciò di cui si fa esperienza, mentre le prime sono solo la copia o il ricordo, più o meno vivido, delle idee. Solo le impressioni sono dunque i dati originali del conoscere. Nel Trattato sulla natura che fu realizzato nel 1738, viene espresso tale concetto che così racchiude il pensiero filosofico nonostante ci siano state delle sistematizzazioni e delle rielaborazioni.

36

Il concetto


David Hume per quanto riguarda il concetto di causa sostiene che la relazione tra causa ed effetto non può viene mai conosciuta a priori sulla base del ragionamento. Essa deriva dall'abitudine a notare che si verificano costantemente determinate conseguenze a seguito di specifiche azioni o eventi. Infatti, per Hume non ci sono abbastanza elementi certi. Elementi per sostenere che, ad esempio, A causerà sempre B. L'uomo tende a pensarlo per la sua inclinazione. Cioè considerare la ripetizione di un evento come una regola universale. Tale posizione configura una radicale forma di scetticismo rispetto alle leggi della natura e a quelle scientifiche.

Continua la lettura
46

La critica


Una forte critica sull'esistenza di una morale universale fu espressa da Hume nelle Ricerche sui sviluppi della morale che pubblicò nel 1751, il filosofo scozzese sosteneva l'idea di un bene relativo, in luogo di un bene assoluto. Secondo lui gli uomini utilizzavano i sentimenti ed il trasporto emotivo per le considerazioni etiche, mentre dovrebbero ragionare ed avere una propria logica. In particolare per Hume, la morale si basa e si sviluppa attraverso la simpatia che l'individuo prova nei confronti di chi percepisce come suo simile. I valori universali raggiunti tramite la razionalità sono invero la generalizzazione di casi etici personali che si condividono per motivi sentimentali di solidarietà e riconoscimento nei problemi dell'altro.

56

Guarda il video

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Solo lo studio approfondito può farvi comprendere appieno la filosofia di David Hume. Per cui affrontate questo argomento con il piglio giusto.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

La filosofia di Kant in pillole

Immanuel Kant, uno dei maggiori filosofi di tutti i tempi, nacque a Konigsberg nel 1724 da famiglia povera. È stato uno dei maggiori esponenti della corrente illuministica tedesca e precursore della filosofia idealistica. Il perno della dottrina kantiana...
Superiori

Appunti di filosofia: il trascendente di Heidegger

Comprendere la filosofia non dovrebbe risultare un privilegio, ma un sacrosanto diritto. La maniera migliore per accedere ai meandri della filosofia consiste in due aspetti. Mettere da parte la credenza sbagliata su essa e lasciarsi catturare dalla bellezza...
Superiori

Feuerbach: filosofia ed opere

Ludwig Feuerbach nacque nel 1804 e morì nel 1872. Egli era un filosofo e fu uno dei massimi esponenti della sinistra hegeliana. Insieme a Marx, ed uno dei più importanti filosofi che agirono sull'analisi della religione e dei suoi effetti, in particolare...
Superiori

Come studiare la filosofia

La filosofia studia l'uomo, il pensiero, la concezione del mondo e il senso dell'esistenza umana e cerca di superare i limiti della conoscenza. Già a partire dal periodo inerente all'antica Grecia, diversi studiosi hanno cominciato a confrontarsi studiando...
Superiori

La filosofia di Talete di Mileto

Nel seguente articolo vi parlerò brevemente della filosofia di Talete di Mileto, ovvero il figlio di Essamias nato verso il 624 avanti Cristo e deceduto nel 546 avanti Cristo. Egli viene ritenuto come il primo dei sette sapienti della Grecia. Erodoto...
Superiori

Filosofia: destra e sinistra hegeliana

Le principali opere di Hegel furono sicuramente le seguenti: “Lo spirito del Cristianesimo e il suo destino”, “L’Enciclopedia delle Scienze filosofiche”, “I lineamenti della filosofia del diritto” e "La Fenomenologia dello Spirito". Hegel...
Superiori

Filosofia greca in pillole

Studiare la storia e la filosofia è il modo migliore per capire come il pensiero dell'essere umano sia cambiato ed evoluto in base agli eventi che ne hanno segnato i momenti più importanti, e le svolte epocali che ci hanno portato fino ad oggi. La filosofia...
Superiori

Filosofia: il pensiero di Locke

Il pensiero filosofico di Locke fu importantissimo nella storia della filosofia in quanto mosse su un ampio raggio di tematiche: inizialmente egli si pose in contrasto con la teoria delle idee innate del razionalismo cartesiano; con l’opera i “Due...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.