La filosofia di Auguste Comte

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Famoso come il padre del Positivismo, il francese di Montpellier Auguste Comte (19 Gennaio 1798 - 5 Settembre 1857) è stato un filosofo e sociologo dell'unità umana (nel senso che, secondo il suo parere, tutto il mondo dovrebbe arrivare ad un'unica tipologia di società). Nella seguente veloce e semplice guida esplicata nei passaggi successivi, vi spiegherò specificatamente quali sono i punti fondamentali della filosofia di Auguste Comte.

27

La biologia

Innanzitutto, Auguste Comte afferma che la sociologia rappresenta l'ultimo risultato di uno sviluppo di scienze (come la biologia, la fisica e la chimica). Le tappe principali del pensiero di questo filosofo e sociologo nato a Montpellier consistono in tre fasi essenziali e la prima è quella degli Opuscoli di filosofia sociale relativi ad una riflessione sulla società del suo tempo: precisamente, egli sostiene che la nascita graduale di una società scientifica ed industriale sta per prendere il sopravvento rispetto a quella teologica e militare.

37

Positivismo

La seconda tappa è quella del Corso di filosofia positiva, in cui approfondisce due tematiche: la legge dei tre stadi, secondo cui la conoscenza di ciascun soggetto comincia in forma teologica (in cui spiega i fenomeni come effetto di cause misteriose e religiose), poi passa per quella metafisica (dove si forniscono delle spiegazioni astratte su concetti e principi generali) e infine giunge a quella positiva (in cui si esaminano i dati, ricavandone la connessione fra i fenomeni naturali e le leggi); la legge della classificazione delle scienze. Con riferimento alla legge della classificazione delle scienze, Auguste Comte sostiene che il pensiero positivo si è affermato prima nelle discipline maggiormente semplici e, soltanto successivamente, nelle discipline più complesse: la più semplice diventò per prima scientifica, seguita poi da quelle più complesse, fino a giungere alla sociologia (matematica - astronomia - fisica - biologia - sociologia).

Continua la lettura
47

Politica

La terza fase riguarda il Sistema di politica positiva, in cui Auguste Comte cerca di giustificare l'idea dell'unità della storia umana. Ad egli si pongono tre necessità, ovvero che: l'uomo abbia in tutte le società una natura riconoscibile e definibile; ciascuna società possieda un ordine fondamentale; la natura umana e quella sociale siano tali che se ne possano dedurre le caratteristiche più essenziali del diventare storico.

57

Sociologia

Per Auguste Comte, la sociologia è suddivisa in statica (basata sul concetto d'ordine sociale, ovvero sul collegamento fra le svariate parti che costituiscono il corpo sociale) e dinamica (che si basa sullo studio del cambiamento sociale o progresso). Infine, questo filosofo e sociologo francese sostiene che una società sarà armoniosa soltanto quando le varie parti si accordano, creando un sentimento di comune appartenenza.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Positivismo: appunti

La corrente filosofica del Positivismo si diffonde nella seconda metà del XIX secolo a partire dalla Francia e diviene la cultura dominante fin quasi alla fine del secolo, quando si verificherà una reazione antipositivista ad opera del Decadentismo....
Università e Master

Appunti di sociologia generale

La sociologia è una disciplina che studia l’individuo in relazione alla sua dimensione sociale. Il termine è stato coniato da August Comte durante una lezione di filosofia positivista nel 1830, durante la quale affrontò la questione della costruzione...
Università e Master

Emile Durkheim e il Suicidio

Emile Durkheim, sociologo, antropologo e storico delle religioni, nacque a Epinal (Francia) nel 1858. Pur di origini ebraiche, provenendo da una una famiglia praticante, rifiutò di diventare rabbino, preferendo intraprendere la carriera accademica. A...
Superiori

Voltaire: vita e opere

François Marie Arout è il nome registrato all'anagrafe del filosofo simbolo ed esponente delle idee della cosiddetta "Età dei lumi", egli adottò lo pseudonimo largamente diffuso di Voltaire solo in un tempo successivo. Nacque il 21 novembre del 1694...
Superiori

Filosofia: il pensiero di Levi-Strauss

Claude Levi-Strauss era un noto antropologo, psicologo e filosofo. Nacque a Bruxelles da genitori francesi, trascorse l'infanzia e la prima giovinezza a Parigi, città in cui si laureò in filosofia nel 1931. Nella sua lunga vita effettuò numerosi viaggi...
Università e Master

Max Weber: il pensiero in pillole

Max Weber è stato un economista, filosofo e sociologo tedesco, nato ad Erfurt nel 1864 e morto a Monaco di Baviera il 14 giugno 1920.  Negli anni in cui opera la concezione di alcune discipline del sapere cambia completamente volto: psicologia, sociologia,...
Superiori

Filosofia: il pensiero di Aristotele

La filosofia è una materia piuttosto complessa ma allo stesso tempo interessante, che per essere compresa richiede un po' di tempo e molto studio. Durante i secoli molte sono le scuole che si sono susseguite e che hanno rappresentato una rivoluzione...
Università e Master

Weber: pensiero sociologico

Max Weber, nato nel 1864, fu un giovane molto attivo nella sua epoca e si interessò molto di tutti i cambiamenti che animavano la società. Visse, infatti, nell'epoca delle grandi rivoluzioni e delle grandi svolte che hanno segnato la storia degli anni...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.