La deriva dei continenti in breve

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La deriva dei continenti fu esposta durante la riunione dell'Associazione Geologica, tenutasi nel museo di Senckenberg a Francoforte, precisamente il 6 gennaio 1912. La teoria di carattere geologico di Wegener è correlata alla scienza della tettonica a placche attuale. Alla base della teoria di Wegener esisteva un supercontinente, denominato Pangea, che si divise in diverse porzioni, indicate ognuna con il termine "continente". L'intuizione di Wegener trovò conferma attraverso l'osservazione dei margini dell'Africa e del Sudamerica: infatti, unendoli, si poté osservare che coincidevano quasi perfettamente, come un puzzle. La teoria sulla deriva dei continenti non fu subito accolta positivamente, infatti bisognerà aspettare fino al 1967, per una sua completa accettazione. In questa guida, a tal proposito, vi sarà spiegato in breve la deriva dei continenti.

26

C'era un unico grande continente

Secondo Wegener, nel periodo Paleozoico, esisteva un unico continente, o meglio un supercontinente, chiamato Pangea, confinante con un superoceano, che lui definì Panthalassa. Il supercontinente iniziò a frantumarsi circa duecento milioni di anni fa e proprio la prima spaccatura della Pangea formò due supercontinenti, l'Eurasia (l'attuale Europa, Asia e Nordamerica) e la Gondwana (Sudamerica, Africa e Oceania). In seguito si verificarono ulteriori spaccature dei due supercontinenti. Queste zolle frantumate, con il passare del tempo, hanno raggiunto la configurazione attuale.

36

Il movimento relativo delle placche diede vita ai terremoti

Attualmente esistono sette placche (denominate zolle) corrispondenti ai sette continenti, più circa una decina di microplacche. Il "galleggiamento", ovvero il movimento relativo delle placche, darebbe vita ai terremoti e secondo Wegener questi movimenti, non sono causati solo da forze meccaniche, dovute al rilascio di calore proveniente dal centro della terra, ma ha delle responsabilità anche il clima. La teoria della deriva dei continenti di Wegener, suscitò molte perplessità, forse nate dalla poca chiarezza espositiva dello scienziato, incapace di divulgare chiaramente la sua intuizione.

Continua la lettura
46

La teoria ottenne una valenza scientifica

Successivamente, grazie allo sviluppo della tecnica sperimentale necessaria, la teoria ottenne una valenza scientifica. Infatti, la più grande dimostrazione di Wegener, sulla deriva dei continenti, consisteva nella simmetria tra costa africana e quella sudamericana, grazie al ritrovamento degli stessi fossili in entrambi i continenti. Questo portava a ipotizzare l'unione dei due continenti prima della scissione. Una prova ulteriore fu trovata tramite lo studio della conformazione degli antichi ghiacciai, osservando una congruenza tra quello esistito in Africa, India e Australia.

56

Guarda il video

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Una prova ulteriore fu trovata tramite lo studio della conformazione degli antichi ghiacciai, osservando una congruenza tra quello esistito in Africa, India e Australia.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Geografia: i continenti della terra

All'interno della presente guida andremo a occuparci di geografia. Nello specifico, come avrete bene compreso tramite la lettura del titolo stesso della nostra guida, ora andremo a spiegarvi "Geografia: i continenti della terra".Ma cosa intendiamo con...
Elementari e Medie

Come leggere una mappa geografica

La parola "geo" in greco antico significa "terra" ed il termine "grafia" altro non è che il modo di scrivere; pertanto la geografia, come tutti sappiamo, è la materia che studia e rappresenta il globo terrestre. È una scienza che rappresenta, tramite...
Superiori

Geografia: il Tropico del Cancro

Quando sui libri di scuola studiamo la geografia astronomica, oltre a conoscere planimetrie dei vari continenti sia dal punto di vista fisico che politico, ci sono anche ampie delucidazioni in merito ad alcune caratteristiche morfologiche del pianeta....
Superiori

Le montagne più alte del mondo

Nei passaggi successivi, vi illustrerò alcune delle montagne più alte e spettacolari del mondo. Fra le numerose materie che rientrano all'interno del percorso di studi scolastici, la geografia si può considerare quella maggiormente interessante da...
Superiori

Come impostare lo studio della tettonica delle placche

La tettonica delle placche rappresenta, in sostanza, ciò che ha permesso fino ad oggi la formazione della Terra, le sue trasformazioni, i suoi mutamenti nel corso dei secoli ed anche le trasformazioni future che la Terra subirà. La tettonica delle placche...
Elementari e Medie

Fiumi e laghi più importanti d'Africa

Dei cinque continenti, l'Africa è sicuramente quello che ha conservato di più la natura selvaggia che lo caratterizza; per questo motivo, attira milioni di turisti tutto l'anno. Questi visitatori possono ammirare le tantissime bellezze naturali che...
Elementari e Medie

I deserti più grandi del mondo

Se dovessero chiederci quale sia il deserto più grande del mondo, istintivamente la nostra mente correrebbe al famosissimo deserto del Sahara, situato nel Nord Africa, nell’immaginario collettivo il deserto per antonomasia. In realtà, nella lista...
Superiori

Scienze: la teoria della tettonica a zolle

Nel 1967 venne formulata la teoria della tettonica a zolle e perfezionata l'anno successivo a opera di D. P. Mckanzie, R. L. Parker e J. Morgan. Si suppone l'esistenza di otto placche principali e di altre secondarie (microplacche) che si muovono con...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.