La deriva dei continenti in breve

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La deriva dei continenti fu esposta durante la riunione dell'Associazione Geologica, tenutasi nel museo di Senckenberg a Francoforte, precisamente il 6 gennaio 1912. La teoria di carattere geologico di Wegener è correlata alla scienza della tettonica a placche attuale. Alla base della teoria di Wegener esisteva un supercontinente, denominato Pangea, che si divise in diverse porzioni, indicate ognuna con il termine "continente". L'intuizione di Wegener trovò conferma attraverso l'osservazione dei margini dell'Africa e del Sudamerica: infatti, unendoli, si poté osservare che coincidevano quasi perfettamente, come un puzzle. La teoria sulla deriva dei continenti non fu subito accolta positivamente, infatti bisognerà aspettare fino al 1967, per una sua completa accettazione. In questa guida, a tal proposito, vi sarà spiegato in breve la deriva dei continenti.

26

C'era un unico grande continente

Secondo Wegener, nel periodo Paleozoico, esisteva un unico continente, o meglio un supercontinente, chiamato Pangea, confinante con un superoceano, che lui definì Panthalassa. Il supercontinente iniziò a frantumarsi circa duecento milioni di anni fa e proprio la prima spaccatura della Pangea formò due supercontinenti, l'Eurasia (l'attuale Europa, Asia e Nordamerica) e la Gondwana (Sudamerica, Africa e Oceania). In seguito si verificarono ulteriori spaccature dei due supercontinenti. Queste zolle frantumate, con il passare del tempo, hanno raggiunto la configurazione attuale.

36

Il movimento relativo delle placche diede vita ai terremoti

Attualmente esistono sette placche (denominate zolle) corrispondenti ai sette continenti, più circa una decina di microplacche. Il "galleggiamento", ovvero il movimento relativo delle placche, darebbe vita ai terremoti e secondo Wegener questi movimenti, non sono causati solo da forze meccaniche, dovute al rilascio di calore proveniente dal centro della terra, ma ha delle responsabilità anche il clima. La teoria della deriva dei continenti di Wegener, suscitò molte perplessità, forse nate dalla poca chiarezza espositiva dello scienziato, incapace di divulgare chiaramente la sua intuizione.

Continua la lettura
46

La teoria ottenne una valenza scientifica

Successivamente, grazie allo sviluppo della tecnica sperimentale necessaria, la teoria ottenne una valenza scientifica. Infatti, la più grande dimostrazione di Wegener, sulla deriva dei continenti, consisteva nella simmetria tra costa africana e quella sudamericana, grazie al ritrovamento degli stessi fossili in entrambi i continenti. Questo portava a ipotizzare l'unione dei due continenti prima della scissione. Una prova ulteriore fu trovata tramite lo studio della conformazione degli antichi ghiacciai, osservando una congruenza tra quello esistito in Africa, India e Australia.

56

Guarda il video

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Una prova ulteriore fu trovata tramite lo studio della conformazione degli antichi ghiacciai, osservando una congruenza tra quello esistito in Africa, India e Australia.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come fare un saggio breve

Il saggio breve è uno degli strumenti più utilizzati dagli insegnanti, soprattutto nei gradi più alti di istruzione. Si distingue dal tema in quanto chi lo scrive espone in maniera approfondita una tematica o un argomento aggiungendone il proprio punto...
Superiori

Antonio Canova: vita e opere in breve

Antonio Canova, grande scultore dell'arte Neoclassica, fu il promotore della bellezza ideale femminile. Il nuovo Fidia, trasse ispirazione dalle opere del grande artista, scultore ed architetto ateniese. La sua vita, ricca di enormi successi, si contraddistinse...
Superiori

Come scrivere un saggio breve in inglese

Chi a scuola non ha mai dovuto scrivere un saggio breve? Si tratta di una tipologia di scrittura argomentativa, utilizzata sia nella letteratura italiana che in quella inglese. In entrambe le circostanze, le regole di base per la composizione del saggio...
Superiori

Saggio breve: guida alla stesura

Ecco una bellissima ed anche molto interessante guida, attraverso il cui aiuto concreto, poter essere in grado d'imparare come eseguire un saggio breve, senza incorrere in errori e sbagli, che finirebbero con il compromettere l'intera stesura dello stesso....
Superiori

Come svolgere un saggio breve

Il saggio breve è un particolare scritto che può trattare diverse tematiche come ad esempio la politica, la scienza, la natura, la storia, la letteratura. Per scrivere un saggio breve dovremo necessariamente conoscere una serie di regole che caratterizzano...
Superiori

Come scrivere un riassunto breve

Scrivere un riassunto breve, dovrebbe rappresentare un impresa molto semplice da realizzare, ma spesso anche in età adulta non si è in grado di realizzarlo. Infatti se non si conoscono le basi e non si sa da dove iniziare, l'impresa potrebbe sembrare...
Superiori

Come comporre un saggio breve

Il saggio breve è un elaborato di carattere argomentativo che si svolge partendo da una documentazione fornita, chiamata "dossier". Molti sono gli studenti che devono affrontarne la stesura, durante il corso dell'anno, o all'esame di maturità. Ecco...
Superiori

"Le Odi" di Foscolo in breve

Molte volte soprattutto durante il periodo scolastico, ci troviamo a dover studiare i grandi poeti del passato e le loro opere. Spesso può risultare difficile capire il significato delle loro poesie per cui potremo cercare aiuto online, dove troveremo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.