La commedia latina: caratteristiche ed esponenti

Tramite: O2O 24/08/2017
Difficoltà: media
15
Introduzione

Per riuscire a comprendere la Commedia Latina è necessario essere a conoscenza delle sue origini. Questa guida si propone, successivamente ad un breve excursus retrospettivo, di esplicare caratteristiche ed esponenti della commedia latina. La commedia nasce in ambiente greco, nel VI secolo a. C. Circa, con la "Commedia Antica". Questa era utilizzata principalmente con scopo polemico e critico verso la politica e la società locale. In questo contesto ebbe una grande importanza Aristofane, uno dei suoi massimi portavoce.

25

L'ambiente ellenistico

La situazione comincia a mutare tra il IV e il III secolo a. C., quando la commedia viene ripensata e modificata. Nasce così, sempre in ambiente ellenistico, la "Commedia Nuova". Non più rappresentazioni politiche, quanto piuttosto, un reale interesse per i caratteri umani e la loro psicologia. Si distinse in questa nuova commedia, Menandro, uomo ateniese di cui si hanno poche testimonianze.

35

Gli interventi metateatrali

Elimina gli interventi metateatrali, in accordo con la sua esigenza di "realismo". Risponde a questo anche l'utilizzo di un linguaggio che evita il torpiloquio, per fare affidamento, invece, alla "medietas", un linguaggio sobrio e familiare. Si nota nelle commedie terenziane un interesse per la vita sociale e culturale e il frequente ricorso alla "contaminatio", pratica con la quale si era soliti utilizzare più modelli. Tra le opere più conosciute si annoverano l'Eunuchus, l'Andria, Phormio e l'Hécyra. Tra le novità plautine si evidenziano anche l'utilizzo del metateatro, attraverso il quale l'autore rivela al pubblico i retroscena della commedia, e l'utilizzo di un linguaggio variabile e a forte impatto musicale. Sono diverse le metafore e le figure retoriche in generale, tra le quali neologismi, nomi parlanti, grecismi. Plauto costituisce uno dei maggiori esponenti e sovvertitori della commedia latina, grazie anche alla rappresentazione di valori capovolti e innovativi. Tra le maggiori commedie non si può non citare l'Aulularia, la Casina, l'Asinaria, l'Epidicus, il Miles Gloriosus e i Captivi.

Continua la lettura
45

Il genere

Nel frattempo, il genere comincia a svilupparsi anche in ambito latino, nella seconda metà del III secolo a. C. Evidente è il legame che si insinua tra la commedia latina e quella ellenistica; sono numerose le analogie tra i due. Infatti, la commedia latina non solo si ispira a quella ellenistica ma ne recupera anche i contenuti, le ambientazioni e i nomi. Tale espediente risponde ad un preciso fine: l'utilizzo di collocazioni e nomi greci permettono la rappresentazione di contenuti che altrimenti non sarebbero mai stati rappresentati, per il loro contenuto licenzioso e amorale.

55
Consigli
Alcuni link che potrebbero esserti utili:
Potrebbe interessarti anche
Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

La Divina Commedia in breve

La "Divina Commedia" è un poema scritto da Dante Alighieri tra il 1304 e il 1321, anni in cui il poeta era costretto a vivere lontano dalla città di Firenze, dalla quale era stato esiliato per ragioni politiche. La "Commedia" è una delle opere più...
Superiori

Come studiare La Divina Commedia

La Divina Commedia è una delle opere più importanti scritta da Dante Alighieri intorno al 1300. Si tratta di un'opera conosciuta e studiata in tutto il mondo, ritenuta il più grande capolavoro di letteratura di tutti i tempi. Sicuramente studiare questo...
Superiori

Come spiegare e capire la Divina Commedia di Dante Alighieri

La Divina Commedia è un opera cardine della cultura e della letteratura italiana. Spesso, però, i ragazzi la percepiscono semplicemente come una tappa obbligata del percorso scolastico. Come aiutarli a capire? Ai loro occhi potrebbe risultare un componimento...
Superiori

Grammatica latina: il complemento di causa

Anche trattandosi di una lingua ormai estinta, la grammatica latina rappresenta una materia di studio in tanti Paesi del mondo (compresa l'Italia). Come la lingua italiana, anche il latino ha una notevole quantità di complementi, ognuno dei quali svolge...
Superiori

Grammatica latina: i pronomi e gli aggettivi possessivi

La grammatica latina prevede, così come quella italiana, una nutrita quantità di pronomi ed aggettivi, ognuno preposto ad una certa funzione. Gli aggettivi servono a qualificare un certo sostantivo, mentre i pronomi si utilizzano per sostituire un nome...
Superiori

Grammatica latina: il doppio accusativo

La lingua italiana ha molto a che fare, seppur etimoligicamente, con la lingua degli antichi latini. La grammatica latina è davvero molto interessante. Molte delle nostre parole e delle nostre frasi, derivano dal latino. Come sappiamo però, non è una...
Superiori

Come affrontare lo studio della grammatica latina

Il Latino rappresenta l'origine della maggior parte delle lingue europee. Fin dall'antichità era la lingua più usata per comunicare e ancora oggi viene studiata nei licei, per insegnare ai giovani a parlare correttamente la lingua italiana. Ma per apprenderla...
Superiori

Grammatica latina: la proposizione finale

Nello studio della grammatica latina, come in quella italiana, che da essa deriva, si debbono affrontare particolari aspetti della frase come le proposizioni. Esse possono essere di vario genere, ma qui ci concentreremo principalmente sulla proposizione...