La classificazione dei beni economici

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Ogni strumento reputato idoneo al fine di soddisfare un bisogno viene denominato bene.
I beni si distinguono, a loro volta in beni liberi o gratuiti e beni economici. Afferiscono alla prima categoria tutti i beni disponibili, privi di prezzo e fruibili in natura in quantità illimitata. Si definisce bene economico qualsiasi strumento materiale o immateriale, ottenibile attraverso lo svolgimento di attività umana e disponibile in condizioni di scarsità, rispetto alla domanda, dotato di un prezzo positivo ed idoneo a soddisfare i bisogni umani. Un bene economico è capace di fornire utilità al suo possessore. La classificazione dei beni economici può essere attuata secondo logiche differenti. Vediamo qui di seguito la classificazione dei beni economici, nel dettaglio.

25

Beni economici materiali e servizi

I beni economici possono essere, innanzitutto, suddivisi in due tipologie principali: beni economici materiali e servizi. Risultano imputabili alla categoria dei beni economici materiali tutti i mezzi tangibili, dotati di volume e peso. Afferiscono, invece, all’ambito dei servizi i beni economici immateriali, intangibili, privi di peso e di volume.

35

Beni durevoli e non durevoli

Un'ulteriore classificazione è quella relativa ai beni durevoli e beni non durevoli Si definiscono durevoli (o a fecondità ripetuta) quei beni economici capaci di soddisfare più volte un bisogno. I beni non durevoli (o a fecondità semplice) si caratterizzano, invece, per un singolo utilizzo in quanto si esauriscono attraverso un solo atto di consumo o di produzione.

Continua la lettura
45

Beni intermedi e beni d’investimento

Tali categorie derivano dalla combinazione delle possibili classificazioni dei beni sopra indicate (beni di consumo e beni strumentali - beni durevoli e beni non durevoli). Si dicono beni intermedi i beni economici strumentali e non durevoli, utilizzabili solo una volta nel ciclo diproduzione. Beni economici strumentali a fecondità ripetuta, impiegabili per diversi cicli di produzione sono i c. D. Beni di investimento. Beni complementari e beni sostituti - I beni complementari sono quei beni che consentono di soddisfare un bisogno soltanto se consumati congiuntamente in quanto privi di utilità se considerati singolarmente. Sono denominati sostituti i beni economici, consumati alternativamente, poiché idonei a soddisfare un medesimo bisogno economico. Le caratteristiche fondamentali di un bene economico sono: scarsità rispetto alla domanda, capacità di generare utilità al suo possessore e reperibilità sul mercato attraverso lo scambio.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come calcolare il fabbisogno finanziario aziendale

Capita spesso, nelle interrogazioni, parlare del fabbisogno finanziario dell'azienda. Molte delle volte, questo concetto viene trascurato in molti programmi scolastici o non assimilato in maniera del tutto corretta dai ragazzi che, ahimè, dovrebbero...
Università e Master

Appunti di estimo

Il vocabolo “estimo” deriva dal latino "aestimare" che significa stimare e valutare. Identifica il procedimento atto a determinare il valore di beni immobili e della loro conseguente rendita. Nella formazione di un geometra rappresenta la dottrina...
Università e Master

Come calcolare l'elasticità della domanda rispetto al prezzo

Il prezzo è un elemento essenziale nella decisione di un acquisto. In generale, se il prezzo è basso (diminuisce), la domanda di quel bene o servizio da parte dei consumatori è alta (aumenta). Viceversa, se il prezzo è alto (aumenta), la domanda di...
Superiori

Appunti di economia aziendale: le curve di indifferenza

L'Economia Aziendale è un ramo dell'economia che studia tutto quello che è collegato alle gestioni aziendali, in tutte le fasi che le compongono: questo studio è fondamentale, poiché avviene sotto una prospettiva sia qualitativa che quantitativa.L'Economia...
Superiori

Appunti di diritto: l'impresa

L'impresa è un'organizzazione economica che ha come scopo principale la produzione, che è finalizzata sullo scambio di beni e/o servizi; pertanto, diritti ed obblighi sono legati tra loro allo stesso modo come se fosse una persona fisica. Un'impresa...
Università e Master

Appunti di diritto commerciale

Il diritto commerciale è il settore del diritto privato che studia l'attività di produzione e scambio di beni e servizi da parte degli imprenditori, ovvero soggetti che tale attività svolgono professionalmente ed in maniera organizzata. Quando si parla...
Superiori

Economia: beni e bisogni economici

L'etimologia del termine economia, che deriva dalla lingua greca, è formata dall'unione del termine οίκος (casa), e νομος (norma). L'economia, infatti, rappresenta la scienza che analizza lo studio economico degli equilibri collettivi ed individuali,...
Superiori

Appunti di ecomonia: la legge di Engel

La parola economia viene utilizzata per indicare la scienza che studia quelle attività collettive o individuali che portano all'appagamento di esigenze definite bisogni, mediante l'uso di beni chiamati mezzi. La branca studiata dall'economia è molto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.