La cellula: i processi di mitosi e meiosi

Tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Il tema che tratteremo riguarda l'organizzazione della struttura e della funzione del corpo umano. Nella fattispecie, analizzeremo la cellula nei suoi processi di mitosi e di meiosi. Una caratteristica peculiare della cellula è quella di dividersi. La divisione avviene pertanto tramite questi due processi. La mitosi avviene in ambito somatico, sostituendo le cellule danneggiate o vecchie. Interviene anche nell'ingrandimento dello sviluppo dei tessuti. Invece la meiosi è caratteristica delle cellule della linea germinale. Produce infatti i gameti maschili e femminili che si fonderanno durante il concepimento, creando l'embrione. La mitosi è dunque quel processo di riproduzione tipico delle cellule eucariote. Il nome prende origine dal greco "mìtos", ovvero "filo", per l'aspetto filiforme dei cromosomi durante la metafase. Tramite la meiosi una cellula eucariotica, con corredo cromosomico diploide, crea quattro cellule con corredo cromosomico aploide.

25

Il processo di mitosi avviene attraverso la divisione della cellula madre in due cellule figlie, denominate "cloni". Si tratta infatti di cellule perfettamente identiche alla madre. Tutto il circuito cellulare si basa su una interfase, durante la quale la cellula madre cresce ed avviene l'aumento di tutti i suoi organelli. Delle particolari proteine cellulari controllano il DNA della cellula, per verificare eventuali danni o gravi mutazioni. Se l'interfase si supera positivamente, si procede con le fasi successive. Segue pertanto la fase G1, nella quale si sintetizzano proteine specifiche della cellula. Il passo fondamentale (anch'esso ben esaminato) avviene infine nella fase S, ossia la replicazione del DNA. Ogni cromosoma origina due cromatidi fratelli, uniti fra di loro nel punto del centromero. Invece la fase G2 precede la mitosi vera e propria. In questo step gli organuli della cellula polimerizzano, mentre si preparano alla divisione; il tutto con uno stretto controllo al DNA.

35

La mitosi vera e propria, si divide in 4 fasi: profase, metafase, anafase e telofase. Nella profase la cromatina del DNA si addensa tramite degli enzimi specifici. I due cromatidi identici si dispongono al centro della cellula ed ai poli opposti della stessa si creano i fusi mitotici. Si tratta di "nastri" di microtubuli che legano e direzionano i cromosomi. Durante la successiva metafase la membrana del nucleo (che contiene i cromosomi) si disgrega e i fusi mitotici partono da direzioni opposte per raggiungere i cromosomi. I microtubuli, derivanti da un fuso mitotico posto in uno dei lati della cellula, legano ogni cromatidio. Nell'anafase il risultato sarà che, grazie all'azione dei due fusi contrapposti, i due cromatidi fratelli di ciascun cromosoma si separano, andando a finire in direzioni opposte della cellula. Per cui, la cellula avrà su entrambi i lati una copia di ciascuno dei cromosomi (i cromatidi). Infine, nella telofase, i cromatidi si decondensano, gli organelli si organizzano definitivamente e avviene la citodieresi. Si tratta della strozzatura centrale della membrana plasmatica, che porta alla formazione delle due cellule figlie dalla cellula madre di partenza.

Continua la lettura
45

Con la meiosi, dalla cellula madre si originano quattro cellule figlie, ciascuna con un corredo cromosomico dimezzato rispetto alla cellula di partenza (aploide). Questo si verifica perché queste cellule saranno i gameti, deputati a fondersi con altri gameti per originare una cellula con un assetto cromosomico normale (diploide). La meiosi si divide in meiosi I e meiosi II, ovvero due divisioni, una successiva all'altra. Nella prima i cromosomi condensati e duplicati si portano nel piano equatoriale della cellula. In questo modo legano i microtubuli del fuso mitotico. Pertanto, quando il fuso li direzionerà ai lati opposti della cellula, ciascun lato avrà un numero dimezzato di cromosomi con due cromatidi. Per cui, avvenuta la citodieresi, ogni cellula avrà in numero la metà dei cromosomi omologhi. Ciascuna di queste cellule va poi incontro alla meiosi II. In questa fase non esiste alcuna precedente duplicazione del DNA. Ricordiamo infatti che i cromosomi delle cellule ottenute dalla meiosi I sono già doppioni, ovvero hanno entrambi i cromatidi. Per il resto, la meiosi II si svolge come una canonica divisione mitotica. Come risultato delle due divisioni, a partire dalla cellula madre si originano quattro cellule figlie con corredo cromosomico dimezzato, aploide anziché diploide. Ricordiamo anche che, durante la profase I, nella prima divisione meiotica, i cromosomi si portano sul piano equatoriale della cellula. Essi, prima di attaccare le fibre del fuso, scambiano materiale genetico con i propri omologhi nel processo detto di "crossing over". In questo modo, ciascun cromosoma omologo che andrà incontro alla meiosi porterà con sé caratteristiche sia di origine materna che paterna. http://online.scuola.zanichelli.it/igieneculturamedica/wp-content/uploads/Il%20nucleo%20e%20la%20sua%20riproduzione%20cellulare%20mitosi%20e%20meiosi.pdf

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Differenze tra cellula animale e vegetale

Quando si intraprende un percorso di studi in generale o per cultura personale, ci si può benissimo imbattere nello studio biologico delle cellule. La prima cosa da sapere circa questo argomento è che, senza dubbio, la cellula si presenza come un'unità...
Superiori

Appunti di biologia: gli organismi unicellulari

Un organismo si definisce unicellulare se possiede soltanto una cellula, multicellulare se è formato da più cellule. I gruppi principali unicellulari sono: gli archeobatteri, i protozoi, i batteri, le alghe unicellulari ed i funghi unicellulari. La...
Superiori

Chimica: i carboidrati

I carboidrati sono una classe di macromolecole nota anche con il nome di glucidi o glicidi. Sono composti di tipo organico quindi contengono carbonio, ossigeno ed idrogeno.I carboidrati hanno diverse funzioni: si osserva una funzione di riserva, come...
Superiori

Appunti di scienze

Attraverso l’articolo “appunti di scienza” cercherò di darvi delle buone informazioni connesse ad uno dei capitoli più importanti del programma di scienza indicato in tutte le scuole.Parlerò della principale unità funzionale degli esseri viventi,...
Superiori

Biologia: il citoscheletro

Il citoscheletro è una struttura tridimensionale dinamica (muscolare e scheletrica) che riempie il citoplasma e permette sia il movimento che la stabilità dell'organismo umano: le sue lunghe fibre (microfilamenti, microtubuli e filamenti intermedi)...
Superiori

Come realizzare un semplice schema sulla fotosintesi

Il processo fotosintetico è un insieme molto complesso di fenomeni naturali che avviene sulle piante: l'assorbimento di energia luminosa, la sua trasformazione in energia chimica e l'accumulo di questa nei prodotti finali della fotosintesi. Andiamo...
Superiori

Biologia: classificazione dei batteri

Entriamo nel mondo della biologia: quale è la classificazione dei batteri?. I batteri appartengono al regno dei Bacteria. Chiamati anche eubatteri, comprendono moltissimi micro organismi cellulari, i procarioti. Sono grandi appena qualche micrometro,...
Superiori

Biologia: sintesi sui mitocondri e cloroplasti

La biologia è una materia piuttosto complessa e difficile da comprendere, in quanto ci sono moltissime cose da sapere. Ma per poter apprendere argomenti più difficili è necessario partire da delle buone basi e studiare alcuni processi basilari. Ecco...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.