La battaglia di Filippi

Tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Se nel tuo liceo tra le varie materie hai anche il latino, sicuramente avrai sentito parlare della battaglia di Filippi in quanto è un bravo su cui spesso i professori chiedono di fare le versioni. La battaglia di Filippi è parte della guerra civile romana avuta tra il 44 e il 31 a. C. Ed inizia quando le forze del secondo triumvirato con Marco Antonio, Cesare Ottaviano e Marco Emilio Lepido, si oppongono alle forze repubblicane di Marco Giunio Bruto e Gaio Cassio Longino (gli assassini di Gaio Giulio Cesare). Il campo di questa lotta è la città di Filippi, nella Macedonia, ed inizia nell'ottobre del 1942, articolandosi in due battaglie in cui si scontrarono circa 40 legioni con un totale di circa 160 mila uomini. Andiamo ora a vedere come si articolano le due battaglie e chi riesce ad uscirne vincitore.

25

Prima battaglia

La prima battaglia si scatena il 3 Ottobre: Bruto ha la meglio subentrando e distruggendo gli accampamenti di Ottaviano; nello stesso tempo Antonio vince su Cassio che compie un gesto estremo: non sapendo che il suo alleato Bruto avesse vinto e stravolto dalla sconfitta appena subita, decide di togliersi la vita.

35

Seconda battaglia

La seconda battaglia di Filippi comincia dopo 20 giorni dalla prima, il 23 Ottobre e vede le due legioni accanirsi violentemente le une contro le altre: sangue, feriti e morti sono i protagonisti indiscussi. La meglio la ebbe, però, Marco Antonio che riuscì a guidare i suoi con estrema forza riuscendo a vincere sull'esercito di Bruto che, seguendo l'esempio dell'amico, si suicidò.

Continua la lettura
45

Dopo la battaglia

Plutarco, che racconta la battaglia di Filippi in maniera dettagliata, scrive che Marco Antonio coprì il corpo senza vita di Bruto con un mantello color porpora in segno di stima e rispetto. Questo inaspettato gesto è dovuto al fatto che nonostante la rivalità in guerra, Marco Antonio e Bruto erano stati amici e Bruto fece di tutto per salvargli la vita quando ci fu la congiura di Giulio Cesare. I superstiti degli eserciti di Bruto e Cassio non furono soppressi ma inseriti negli eserciti del triumvirato; Antonio si stabilì a Filippi fondando una colonia insieme ai soldati che rimasero con lui; Ottaviano dovette tornare a Roma per cercare e trovare terre per i veterani di guerra come ricompensa per il loro servizio alla patria, poiché vi era una grave crisi economica e mancava il denaro. In altre parole i tre triumviri erano i padroni della repubblica: Lepido, il meno autorevole e rispettato, fu un po' emarginato e riuscì ad ottenere solo la carica di pontefice massimo; Marco Antonio ottenne l'Oriente (in cui incontrò l'amata Cleopatra) e Ottaviano ottene l'Occidente.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Storia: la Battaglia di Lepanto

La Battaglia di Lepanto fu uno scontro della storia navale decisivo tra cristiani ed Ottomani che pose fine alle mire espansionistiche di questi ultimi. Si svolse nell'ottobre del 1571 in Grecia nelle acque di Lepanto, durante la guerra di Cipro, e vide...
Superiori

Appunti di storia romana: Ottaviano Augusto

Il passaggio dalla Repubblica all'Impero, nella storia romana, si incarna nella figura cardine di Ottaviano Augusto, che seppe costruire il proprio potere in maniera lenta e graduale, senza strappi troppo evidenti rispetto alla precedente tradizione repubblicana....
Superiori

Le 5 battaglie più sanguinose della storia

La storia dell'umanità è bagnata dal sangue dei suoi caduti. Guerre, scaramucce e assedi riempiono i libri di storia e non sembrano destinate a scomparire nel breve periodo. Cercare di stilare una classifica delle 5 battaglie più sanguinose della storia...
Superiori

Appunti di Storia: la fine della prima guerra mondiale

In questa guida illustreremo gli Appunti di Storia inerenti la fine della prima guerra mondiale. La prima guerra mondiale finì nel 1918. I cambiamenti territoriali e politici impressi da questo primo conflitto segnarono in maniera determinante le nazioni...
Superiori

Le più grandi battaglie navali della storia

Il mare è stato teatro di molte contese e di molte battaglie. Quelle nazioni che nella storia sono riuscite ad avere il predominio di mari ed oceani si sono viste aprire grandi vie commerciali e di potere. Per questo motivo lungo tutto l'arco della storia...
Superiori

Breve analisi di "De Bello Gallico" di Giulio Cesare

Fra il 58 ed il 50 a. C. Giulio Cesare compose una delle sue opere più importanti: i "Commentarii De Bello Gallico". Otto libri, nei quali vengono narrati, secondo lo stile tipico dei "Commentari", gli eventi salienti di ogni battaglia durante la conquista...
Superiori

Storia: Federico Barbarossa

L'imperatore Federico I, detto Barbarossa, è stato uno dei più importanti sovrani della storia europea, durante il Medioevo. Vissuto nel XII secolo, è stato imperatore del Sacro Romano Impero. Fu autore di molte battaglie per la conquista dell'Italia...
Superiori

Appunti di letteratura: La Chanson de Roland

Appunti di letteratura: La Chanson de Roland, "Orlando" in italiano, è la più conosciuta e famosa canzone di gesta, o poema epico in volgare della letteratura medievale francese. Esso fu scritto tra la metà dell’XI-XII secolo in decasillabi e recitati...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.