L'età della pietra

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

L'espressione " L'età della pietra " si impiega per circoscrivere temporalmente il periodo in cui l'uomo iniziò a costruire armi ed utensili con diversi materiali. Gli storici suddividono l'età della pietra in 3 fasi principali, ovvero il Paleolitico, il Mesolitico e il Neolitico. Vediamo ora quali sono le caratteristiche di ogni singola era.

24

Paleolitico

Il Paleolitico si può considerare il primo periodo dell'età della pietr. Esso copre un arco temporale che inizia con il Pleistocene e termina 10.000 anni fa.
Il termine "Paleolitico" è la derivazione di due lessemi greci. Il termine "palaios" significa "antico" e "litos" si traduce con "pietra". Durante questo lungo periodo, l'uomo ha avuto modo di perfezionare la tecnica della scheggiatura della pietra. Grazie ad esse, si riusciva a ricavare armi e utensili di uso quotidiano.
L'uomo conosceva già il fuoco, tant'è che lo utilizzava come fonte di calore e difesa per il proprio territorio. Quanto alla ricerca di cibo, i nostri antenati misero a punto un'arma davvero efficace, ovvero l'arco. Scheggiando sassi e ossa di animali, si potevano ottenere anche delle frecce molto appuntite. Esse erano capaci di trafiggere la preda in modo piuttosto preciso.
Il Paleolitico, infine, si divide in 3 epoche. Si parla di Paleolitico inferiore, superiore e medio.

34

Mesolitico

Il secondo periodo relativo all'età della pietra è il Mesolitico, il quale copre un'era che va da 10.000 a 8.000 anni fa. Il termine significa "età della pietra di mezzo", dalla parola greca "mesos". Durante questo arco di tempo, il pianeta subì un sensibile riscaldamento del clima. Per questo motivo, si assistette ad un'evoluzione delle abitudini alimentari e del modo di vivere degli uomini. L'uomo coltivò la terra e allevò il bestiame, anziché spostarsi di continuo e dedicarsi unicamente alla caccia. Da nomade divenne stanziale restando fisso in un posto. Proprio nel Mesolitico si videro i primi insediamenti stabili, ovvero dei villaggi con abitazioni a forma circolare. Dopo le glaciazioni, si formarono vasti territori dove poter trovare una sistemazione stabile. Gli utensili prodotti con la pietra aumentarono notevolmente.

Continua la lettura
44

Età della pietra

L'ultimo periodo che rientra nella cosiddetta "età della pietra" va da 8.000 a 9.000 anni fa e prende il nome di Neolitico. La parola proviene ancora un volta dalla lingua greca, secondo cui il termine "neos" corrispondeva a "nuovo" e "litos" stava sempre per "pietra".
In questo periodo, l'uomo affinò ulteriormente le tecniche di lavorazione della pietra. Gli oggetti che riusciva a costruire erano sempre più funzionali per condurre una vita dignitosa. Si cominciò anche a lavorare l'argilla e a produrre vasi e scodelle da utilizzare per la conservazione e la cottura del cibo.
In questa fase, l'uomo realizzò grandiose lavorazioni di pelli e lana. Nacquero inoltre le prime palafitte, perché l'uomo capì l'importanza di vivere vicino ai corsi d'acqua. Infine, ebbero origine anche le proto-città.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Storia: l'età giolittiana in breve

Per descrivere l'età giolittiana in breve ci si deve riferire al periodo della storia Italiana che va dal 1901 al 1914. Nel 1901 il re Vittorio Emanuele III nominò presidente del Consiglio Giuseppe Zanardelli ed ad affiancarlo c'era, come ministro degli...
Superiori

Greco: la prima declinazione del sostantivo

La prima declinazione è quella dei nomi il cui tema termina con la vocale alfa breve o lunga. Essa comprende prevalentemente nomi femminili, ma anche qualche nome maschile. Ricorda che in attico alfa lungo si è generalmente trasformato in eta; tuttavia,...
Superiori

Petronio: vita e opere

Gaio Petronio è uno degli scrittori latini più conosciuto dell'età di Nerone. Fu inoltre autore di un frammento chiamato Satyricon. Sono purtroppo state pervenute poche notizie della sua vita. Fu amico dell'imperatore Nerone e probabilmente sotto la...
Superiori

Come calcolare il volume di un solido irregolare

Il volume è una grandezza fisica che indica lo spazio occupato da un corpo solido nell'ambiente. La disciplina che studia il calcolo del volume delle figure solide nello spazio è principalmente la geometria, ma anche la fisica si occupa regolarmente...
Superiori

Appunti di fisica: il lavoro

Questi sono appunti di fisica su lavoro. Una forza applicata a un corpo fa lavoro quando si verifica uno spostamento del suo punto di applicazione. Il concetto di lavoro è strettamente legato a quello di moto. Quindi un uomo fa lavoro quando solleva...
Superiori

Storia: l'imperialismo in Europa

Analizzeremo, qui di seguito, alcuni episodi verificatisi alla conclusione del secolo diciannovesimo ed all'inizio del secolo ventesimo, anni che hanno sicuramente tracciato delle grandi linee di demarcazione con il passato e che sono state caratterizzati...
Superiori

Appunti di storia sull'Inghilterra Vittoriana

Tra i periodi più affascinanti della storia moderna vi è l'epoca denominata "Victorian Age". Con il termine "Inghilterra Vittoriana" si intende il periodo storico e sociale che va dal 1838 al 1901, arco di tempo in cui la Gran Bretagna fu caratterizzata...
Superiori

Come calcolare l'errore relativo e assoluto

Tutte le misurazioni di grandezze fisiche, prevedono un margine di errori aleatori. Tali errori, possono essere facilmente ridotti tramite l'utilizzo di determinati strumenti statistici. Può infatti capitare che ripetendo più volte la misura di una...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.