L'estetica trascendentale di Kant

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
15

Introduzione

Ci sarà sicuramente capitato, durante il nostro percorso scolastico di dover studiare alcuni particolari ed importantissimi filosofi, ma molto spesso il loro pensiero risulta molto complesso e per riuscire a comprendere il senso alla perfezione potrebbe essere utili un piccolo aiuto. Su internet potremo trovare tantissime guide che vengono redatte da filosofi esperti e che potrebbero illustrarci in maniera molto più semplificata i pensieri dei vari filosofi. In questo modo potremo riuscire a studiare molto più facilmente questi importanti filosofi, riuscendo a comprenderne appieno il senso del loro pensiero. Nei passi successivi, in particolare, vedremo tutto ciò che riguarda L'estetica trascendentale di Kant.

25

Occorrente

  • Leggere con attenzione la guida.
35

La sensibilità

Il tema della sensibilità, viene vista come "recettiva" poiché non genera i propri contenuti ma li ricava per intuizione dall'esperienza interna o dalla realtà esterna. La sensibilità non è solo percettiva, infatti analizzandola si determina che è anche attiva, dato che organizza e gestisce il materiale ricevuto tramite il tempo e lo spazio dalle sensazioni, che costituiscono le forme a priori della sensibilità. Tuttavia l'autore prima di tutto si chiede cosa siano esattamente il tempo e lo spazio. Lo spazio è la forma del senso esterno, cioè quella "rappresentazione a priori che sta a fondamento di tutte le intuizioni esterne" e che fa in modo da disporre le cose "l'una accanto all'altra".

45

Il tempo

Soltanto attraverso il senso interno ci giungono tutti i dati del senso esterno, pertanto l'autore afferma che "Il tempo si configura indirettamente come la forma del senso esterno", attraverso il quale percepiamo la realtà. Kant fa emergere la propria idea sia confutando la visione empiristica di Locke, che considera lo spazio ed il tempo come nozioni derivate dall'esperienza, che la visione oggettivistica di Newton, secondo il quale lo spazio ed il tempo erano dei contenitori vuoti, come se fossero delle entità a se stanti.

Continua la lettura
55

Conclusioni sull'estetica trascendentale

L'autore conclude affermando che il tempo e lo spazio non sono dei contenitori vuoti in cui si trovano gli oggetti che ricaviamo dalla realtà, poiché sarebbe difficile considerare e pensare una loro esistenza autonoma ma afferma che sono dei quadri mentali a priori entro cui connettiamo i dati fenomenici che percepiamo attraverso il reale e che vanno a stabilizzarsi nel nostro spazio-tempo, organizzandosi attraverso le categorie. A questo punto dopo aver letto tutti i passaggi precedenti, conosceremo alla perfezione l'estetica trascendentale di Kant.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Kant: Ragion Pura, Pratica e Critica del Giudizio

La filosofia è una disciplina che riflette sull'esistenza dell'uomo, sul suo "essere", sui suoi limiti di conoscenza. Sono moltissimi i filosofi che si interrogano su questi quesiti ed ognuno di loro formula un suo particolare pensiero. Generalmente...
Superiori

La filosofia di Kant in pillole

Immanuel Kant, uno dei maggiori filosofi di tutti i tempi, nacque a Konigsberg nel 1724 da famiglia povera. È stato uno dei maggiori esponenti della corrente illuministica tedesca e precursore della filosofia idealistica. Il perno della dottrina kantiana...
Superiori

La "Critica della Ragion Pratica" di Kant

Immanuel Kant è stato un filosofo tedesco durante l'epoca illuminista del tardo 18° secolo. Nacque il 22 aprile 1724 a Königsberg, ovvero quella che oggi è la città di Kaliningrad, in Russia. Ha pubblicato documenti scientifici dal 1755 al 1804,...
Superiori

Filosofia: la "Critica della Ragion Pura" di Kant

Immanuel Kant, tedesco di nascita, fu uno dei più importanti scrittori nella storia della filosofia. L'opera per la quale egli è più noto è indubbiamente la "Critica alla Ragion Pura" che fu una rivoluzione copernicana nel campo gnoseologico: secondo...
Superiori

Filosofia: il pensiero di Kant

Immanuel Kant nacque a Könisberg nella Prussia orientale il 22 aprile del 1724. È stato uno dei più importanti filosofi di tutti i tempi, esponente della corrente di pensiero dell'Illuminismo. È stato inoltre anche precursore dei principi basilari...
Superiori

L'estetica di Benedetto Croce

Benedetto Croce nacque a Pescasseroli nel 1866 e sin dall'adolescenza visse a Napoli, dove trovò la morte nel 1952. La propria attività intellettuale si svolse in diversi fronti (storico, filosofico, estetico, letterario, ecc.). Benedetto Croci fu influente...
Superiori

La "Critica del Giudizio" di Kant

Salve a tutti in questa guida vi parlerò della critica del giudizio di Immanuel Kant poeta e filososo illuminista tedesco del tardo 700. Una delle sue composizioni letterarie più importanti come "La Critica della Ragion Pura" e quella della Ragion Pratica...
Superiori

Kant: l'imperativo categorico

Le regole morali dell'azione vengono espresse da Kant nell'Imperativo categorico: esso corrisponde alla legge universale, oggettiva della Ragion Pratica, e conferisce un senso alla condotta morale.I principii pratici dell'Imperativo possono essere soggettivi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.