L'equazione fondamentale dell'elettrostatica

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

L'elettrostatica è una branca dell'elettromagnetismo che si occupa dello studio delle cariche elettriche.
Esperimenti sull'elettrostatica furono fatti già nell'antica Grecia da Talete, ma esperimenti significativi furono condotti da Cavendish prima e, soprattutto, da Charles Augustin de Coulomb a cui si deve L'equazione fondamentale dell'elettrostatica, ovvero la Legge di Coulomb.

24

Un esperimento classico è quello dell'elettroscopio a foglie. Esso è costituito da un'asta metallica che ha ad un'estremità una sfera metallica, mentre all'altra estremità sono collegate 2 foglioline metalliche. L'asta e le due foglioline sono racchiuse all'interno di una sfera di vetro per evitare disturbi elettrici esterni. Toccando la sfera metallica con un corpo carico, l'asta si carica anch'essa e trasferisce parte di tale carica alle due foglioline, facendole divergere di un certo angolo. L'elettroscopio permette di verificare che, in un sistema isolato, la somma algebrica delle cariche elettriche si mantiene costante nel tempo. Infatti, mediante i processi fisici (strofinio, contatto), le cariche elettriche sono state semplicemente spostate da un corpo ad un altro, ma non sono mai state create delle nuove cariche elettriche.

34

È possibile fare a casa un semplice e simpatico esperimento per verificare l'esistenza di cariche elettriche. Basta prendere 2 bacchette di ambra e 2 bacchette di vetro. Ponendo le bacchette vicine le une alle altre non succederà nulla; se, successivamente, le bacchette vengono strofinate con un panno si potranno notare delle interazioni tra di esse. In particolare: avvicinando fra loro le 2 bacchette di ambra si noterà una leggera repulsione; la stessa repulsione si potrà notare avvicinando le 2 bacchette di vetro. Avvicinando una bacchetta di ambra ad una bacchetta di vetro, invece, si noterà una leggera attrazione.
Questo fenomeno, visto il diverso comportamento tra materiali dello stesso tipo e tra materiali diversi, dimostra l'esistenza di 2 tipi di cariche elettriche: positive e negative.
Per quanto visto si può affermare che cariche uguali si respingono tra loro, mentre cariche opposte si attraggono.

Continua la lettura
44

Si arriva così a stabilire l'equazione fondamentale dell'elettrostatica.
Se q1 e q2 sono 2 cariche poste a distanza r nel vuoto, la forza f (2 1) che q2 subisce da q1 è data da:

f (2 1) = k [(q1 * q2) / r²] * r (2 1)

Dove k è una costante di proporzionalità che dipende dalle unità di misura, r (2 1) è il vettore posizione di q2 rispetto a q1.

Ponendo ora k = 1 / (4πε), dove ε è detta costante dielettrica del vuoto, possiamo riscrivere l'equazione fondamentale dell'elettrostatica in questo modo:

f (2 1) = [1 / (4πε] * [(q1 * q2) / r²] * r (2 1)
.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come applicare la legge di Coulomb

In fisica, la forza di Coulomb, descritta dalla legge di Coulomb, è la forza esercitata dal campo elettrico su una carica elettrica. Si tratta della forza che agisce tra oggetti elettricamente carichi, ed è operativamente definita dal valore dell'interazione...
Superiori

Appunti di fisica sull'elettricità

L'elettricità e l' energia elettrica sono argomenti che vengono trattati nelle scuole durante le ore di fisica, ma spesso agli studenti questa materia non è del tutto chiara, perché ricevono troppe informazioni e in poco tempo. Per fare chiarezza...
Superiori

Come calcolare il momento di dipolo elettrico

Quando si studia l'elettromagnetismo, si scopre che tutto ciò che ci circonda è costituito da cariche elettriche, solitamente in equilibrio tra loro. Gli atomi, infatti, la parte più piccola della materia, sono formati da un nucleo fatto di cariche...
Superiori

Come Calcolare L'intensità Di Un Campo Elettrico

Nell'ambito della materia della fisica, il campo elettrico ha una sua precisa definizione. Si tratta di un campo che si genera in uno spazio tramite la presenza di una carica elettrica. Oppure di un campo magnetico mutabile nel tempo. Il campo elettrico,...
Superiori

I legami ad idrogeno dell'acqua

L'acqua è composta da due atomi di idrogeno ed uno di ossigeno (H2O). Tra queste molecole si creano una sorta di legame, creando un' attrazione elettrostatica fra cariche diverse (H-O) mentre le cariche elettrostatiche uguali si respingono (H-H). Queste...
Superiori

Chimica: il legame a idrogeno

La chimica è una scienza complessa ma fondamentale per conoscere come è fatto tutto ciò che circonda. La materia infatti è composta da atomi, ciascuno di essi elencato nella tavola periodica degli elementi, che si combinano a formare molecole tramite...
Elementari e Medie

Esperimenti di Geofisica da fare in classe

Nella guida che segue vi sarà spiegato come svolgere alcuni semplici Esperimenti di Geofisica in classe. Per poter comprendere al meglio tale materia, soprattutto nelle scuole, è molto importante associare alla teoria letta sui libri anche degli utili,...
Superiori

Appunti di fisica: la forza di Coulomb

Tutti i corpi della natura possono essere elettrizzati, con diversi mezzi, e assumere pertanto una carica elettrica positiva o negativa. Se due di tali corpi vengono messi uno in prossimità dell'altro, tra essi si eserciterà un'azione di tipo attrattivo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.