L'apparato digerente in breve

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La digestione è il processo attraverso il quale le grosse e complesse molecole delle sostanze organiche assunte con l'alimentazione vengono trasformate in composti solubili più facili da assorbire per l'organismo. Vediamo dunque di spiegare L'apparato digerente in breve e le principali funzioni svolte da stomaco e intestino.

26

Nell'uomo l'apparato digerente è composto essenzialmente da un lungo tubo, il cosiddetto tubo digerente, che si estende dalla bocca fino all'ano. La prima parte del processo digestivo inizia così nella cavità orale, dove il cibo viene triturato dai denti tramite la masticazione e viene poi diluito dalla saliva secreta dalle ghiandole salivari. Grazie anche all'azione mescolatrice della lingua, il cibo masticato diventa una specie di palla che comunemente è definita bolo. Dalla bocca questo bolo viene spinto nell'esofago fino allo stomaco attraverso un processo di contrazione muscolare denominato peristalsi.

36

Lo stomaco non è altro che una sezione dilatata del tubo digerente, nella quale il cibo ingoiato resta per due o più ore. Una volta giunto nello stomaco, viene poi aggredito dai succhi gastrici prodotti dalle ghiandole gastriche presenti lungo le pareti di quest'organo. I succhi gastrici contengono acido cloridrico e pepsina, un enzima digestivo che serve a rompere i legami delle proteine per scomporle in polipeptidi più corti. A questo punto l'azione degli enzimi e le contrazioni muscolari dello stomaco riducono il cibo in chimo, composto semiliquido di ciò che resta del bolo.

Continua la lettura
46

Dallo stomaco questo chimo entra nell'intestino tenue, lungo 3-4 metri e composto da tre anse: duodeno, digiuno e ileo. L'ingresso del cibo nell'intestino è poi regolato da un anello muscolare, detto sfintere pilorico, il quale agisce come valvola che fa passare piccole quantità di chimo per volta. Quest'ultimo si trasformerà in un'emulsione acquosa detta chilo ed è in questo momento che la digestione può dirsi completata. Le sostanze organiche presenti nel cibo sono ormai pronte per essere assorbite.

56

La superficie interna dell'intestino tenue è rivestita di villi intestinali, estroflessioni della mucosa adibite all'assorbimento dei principi nutritivi che attraverso la vena porta epatica raggiungono il fegato. In questo stesso tratto di intestino poi viene riversata la bile prodotta dal fegato che serve per l'emulsione dei grassi mentre dal pancreas proviene il succo pancreatico che invece demolisce l'amido, i trigliceridi e le proteine.

66

All'estremità dell'intestino tenue abbiamo infine l'intestino crasso, dal quale è diviso tramite la valvola ileociecale. Lungo circa 2 metri, l'intestino crasso è più spesso e comincia con il cieco, un piccolo sacchetto situato più in basso a cui è adiacente l'appendice che però non ha funzioni nella digestione. Questa sezione di intestino si conclude con il colon ascendente, il colon traverso, il colon discendente, il colon sigmoideo ed il retto. Qui il cibo non digerito è in uno stato semisolido ed è pronto per essere espulso attraverso l'ano sotto forma di feci.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Come Dimostrare La Digestione Ai Bambini

Insegnare qualcosa ai bambini non è per nulla semplice, è necessario avere molta pazienza e soprattutto un metodo semplice ma allo stesso tempo abbastanza efficace, in modo da insegnargli le varie materie facendoli contemporaneamente divertire. La digestione...
Università e Master

Medicina: appunti di anatomia

L’anatomia dell’uomo è la scienza che tratta della forma, della struttura e dei rapporti che gli organi hanno tra di loro. La parola deriva dall’unione di due termini di origine greca, "anà" che significa in e "tomè" che significa taglio; essa...
Superiori

Appunti di anatomia: i muscoli

I muscoli sono organi formati per lo più da tessuto muscolare e tutti insieme compongono il cosiddetto apparato muscolare che, insieme allo scheletro, serve a sostenere e a far muovere il corpo umano. In realtà i muscoli sono anche 'effettori', cioè...
Elementari e Medie

La nutrizione delle piante e degli animali

In questa guida ci occuperemo della nutrizione delle piante e degli animali. La nutrizione è rappresentata da tutti quei processi di origine biologica e chimica che permettono agli organismi viventi di crescere, svilupparsi, sopravvivere e riprodursi...
Università e Master

Come superare l'esame di oftalmologia

Se frequenti gli ultimi anni della facoltà di Medicina e Chirurgia, sicuramente ti imbatterai presto nell'esame di Oftalmologia. Si tratta di un esame piuttosto specialistico rispetto agli altri di clinica in quanto l'occhio, a differenza degli altri...
Università e Master

Biochimica: l'ossidazione degli acidi grassi

All'interno della guida che seguirà andremo ad occuparci di chimica e, più specificatamente, entreremo nell'area riservata alla biochimica. Avrete già capito il tema di questa guida leggendovi il titolo, ma lo ripetiamo ugualmente: il tema sarà l'ossidazione...
Elementari e Medie

I principali animali frugivori

In zoologia con il termine "frugivoro", termine che deriva dal latino e letteralmente significa "divoratore di frutta", vengono catalogati appunto tutti gli animali che si nutrono principalmente di frutta o di semi. Genericamente, sono catalogati in questo...
Elementari e Medie

5 caratteristiche dell’Homo Habilis

L' Homo Habilis inizia a prendere la definizione di uomo proprio per delle determinante caratteristiche che lo contraddistinguono dai loro predecessori. Per chi affronta questa tipologia di studio deve sapere quali sono le varie differenze evolutive dell'uomo....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.