L'addizione e la condensazione dei polimeri

Tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

In chimica esistono vari metodi in cui i monomeri si combinano per formare i polimeri. I polimeri sono molecole giganti formate quando le molecole più piccole, note come monomeri, si uniscono durante la reazione chimica nota come polimerizzazione.
Esistono due tipi di reazioni di polimerizzazione: addizione e condensazione. Nella guida a seguire saranno illustrati in maniera dettagliata l'addizione e la condensazione dei polimeri.

24

Addizione

I polimeri di addizione non sono biodegradabili e sono dunque difficili da riciclare rispetto ai polimeri di condensazione. La polimerizzazione aggiuntiva è un processo rapido e produce polimeri ad alto peso molecolare in contrasto con la polimerizzazione a condensazione. Le reazioni di addizione riguardano la riordinazione degli elettroni nei doppi legami all'interno di un monomero per formare singoli legami con altre molecole.
Diverse catene polimeriche possono interagire formando legami forti o deboli tra monomeri su diverse catene polimeriche. I polimeri hanno proprietà che dipendono dalle sostanze chimiche da cui sono composti e dalle condizioni in cui sono fatti.
La polimerizzazione addizionale comporta il collegamento di monomeri con doppi legami. Il doppio legame di un monomero si rompe e si collega al monomero adiacente.

34

Condensazione

In una reazione di condensazione, due molecole si combinano con la perdita di una molecola più piccola, solitamente dell'acqua, dell'alcol o di un acido. I monomeri in genere, presentano gruppi di idrogeno (H) e di idrossile (OH) collegati insieme. Quando si uniscono con un catalizzatore appropriato (un atomo o una molecola che accelera la reazione chimica senza essere consumato), perdono un atomo di idrogeno mentre l'altro perde un gruppo idrossile. I gruppi di idrogeno e di idrossile si combinano per formare l'acqua (H2O) e gli elettroni rimanenti formano un legame chimico covalente tra i monomeri.

Continua la lettura
44

Polimerizzazione a condensazione

La polimerizzazione a condensazione coinvolge i monomeri che reagiscono insieme e rilasciano una piccola molecola nel processo. La piccola molecola è comunemente dell'acqua o dell'acido cloridrico (HCl). Innumerevoli di questi polimeri si uniscono per formare la plastica solida. Forze deboli tengono insieme i polimeri e possono essere facilmente distrutti con l'applicazione del calore. La plastica può essere facilmente sciolta ad elevate temperature. Una plastica che si scioglie è conosciuta come termoplastica.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Maturità

Come creare un circuito CR con filtro passa alto

Nel campo dell'elettronica, esiste una particolare tipologia di circuiti. Essi riescono a modificare un segnale e si definiscono "filtri". A questa categoria appartengono i circuiti passivie quelli attivi. I primi si compongono di resistori, induttori...
Maturità

Come si calcola il voto di maturità

Se siete dei maturandi del 2017, a questo punto dell’anno sarete sicuramente giunti alla fine del vostro percorso educativo. Ora è il momento di tirare le somme: quale sarà il punteggio finale dei vostri Esami di Stato? Per saperlo dovrete tenere...
Maturità

Come memorizzare velocemente la tesina

La stesura e la memorizzazione di una tesina sono compiti che ripetutamente si presenteranno ad ogni studente un po' in tutti i gradi scolastici fino all'università. La stesura di una tesina, oltre a testare e sviluppare le sue capacità di sintesi e...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.