L'addizione e la condensazione dei polimeri

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

In chimica esistono vari metodi in cui i monomeri si combinano per formare i polimeri. I polimeri sono molecole giganti formate quando le molecole più piccole, note come monomeri, si uniscono durante la reazione chimica nota come polimerizzazione.
Esistono due tipi di reazioni di polimerizzazione: addizione e condensazione. Nella guida a seguire saranno illustrati in maniera dettagliata l'addizione e la condensazione dei polimeri.

24

Addizione

I polimeri di addizione non sono biodegradabili e sono dunque difficili da riciclare rispetto ai polimeri di condensazione. La polimerizzazione aggiuntiva è un processo rapido e produce polimeri ad alto peso molecolare in contrasto con la polimerizzazione a condensazione. Le reazioni di addizione riguardano la riordinazione degli elettroni nei doppi legami all'interno di un monomero per formare singoli legami con altre molecole.
Diverse catene polimeriche possono interagire formando legami forti o deboli tra monomeri su diverse catene polimeriche. I polimeri hanno proprietà che dipendono dalle sostanze chimiche da cui sono composti e dalle condizioni in cui sono fatti.
La polimerizzazione addizionale comporta il collegamento di monomeri con doppi legami. Il doppio legame di un monomero si rompe e si collega al monomero adiacente.

34

Condensazione

In una reazione di condensazione, due molecole si combinano con la perdita di una molecola più piccola, solitamente dell'acqua, dell'alcol o di un acido. I monomeri in genere, presentano gruppi di idrogeno (H) e di idrossile (OH) collegati insieme. Quando si uniscono con un catalizzatore appropriato (un atomo o una molecola che accelera la reazione chimica senza essere consumato), perdono un atomo di idrogeno mentre l'altro perde un gruppo idrossile. I gruppi di idrogeno e di idrossile si combinano per formare l'acqua (H2O) e gli elettroni rimanenti formano un legame chimico covalente tra i monomeri.

Continua la lettura
44

Polimerizzazione a condensazione

La polimerizzazione a condensazione coinvolge i monomeri che reagiscono insieme e rilasciano una piccola molecola nel processo. La piccola molecola è comunemente dell'acqua o dell'acido cloridrico (HCl). Innumerevoli di questi polimeri si uniscono per formare la plastica solida. Forze deboli tengono insieme i polimeri e possono essere facilmente distrutti con l'applicazione del calore. La plastica può essere facilmente sciolta ad elevate temperature. Una plastica che si scioglie è conosciuta come termoplastica.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Maturità

Come si calcola il voto di maturità

Se siete dei maturandi del 2017, a questo punto dell’anno sarete sicuramente giunti alla fine del vostro percorso educativo. Ora è il momento di tirare le somme: quale sarà il punteggio finale dei vostri Esami di Stato? Per saperlo dovrete tenere...
Maturità

Come creare un circuito CR con filtro passa alto

Nel campo dell'elettronica, si definiscono "filtri" quei circuiti che sono in grado di processare un segnale modificandone l'ampiezza e la fase. Si può operare una prima macro-distinzione, fra i filtri, suddividendoli in "passivi" e "attivi". Mentre...
Maturità

Tesina di maturità: come impostare l'argomento

Certamente il momento dell'orale è una delle fasi più temute dell'esame di maturità. Gli studenti, infatti, si trovano a fronteggiare singolarmente l'intera commissione, compresi i membri esterni. Anche se non è obbligatorio, comunemente l'esame orale...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.