L'accusativo latino: guida al suo utilizzo

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
17

Introduzione

La grammatica latina è abbastanza particolare e il suo studio può, a volte, risultare di difficile comprensione. Tra le prime cose che si imparano vi sono i casi e le declinazioni. Proprio dei cosiddetti "casi" fa parte l'accusativo, insieme a nominativo, genitivo, dativo, vocativo, ablativo e locativo. Ognuno di questi casi, eccetto il nominativo (che rappresenta il soggetto), corrisponde a uno dei complementi utilizzati nella lingua italiana, ovvero, in ordine, complemento di specificazione, di termine, di oggetto, di vocazione e di tempo. L'accusativo corrisponde nel dettaglio al complemento oggetto. Ecco una breve guida sull'utilizzo dell'accusativo latino.

27

Occorrente

  • Tempo e ore di studio per memorizzare le regole principali della formazione e dell'uso dell'accusativo.
37

Le declinazioni

La lingua latina raggruppa tutti i sostantivi in 5 declinazioni, che si differenziano tra loro per le desinenze finali che le caratterizzano. La prima regola generale che bisogna imparare in merito all'accusativo latino è quella secondo cui a prescindere dalla declinazione di cui si parla e del genere d'appartenenza del sostantivo in oggetto, l'accusativo si forma aggiungendo la desinenza "-m" alla parola.

47

I sostantivi

Il termine per eccellenza che viene utilizzato è "rosa, rosae" di cui il primo rappresenta il termine al singolare e il secondo al plurale. In base alla regola generale citata in precedenza, l'accusativo di questo termine sarà "rosam, rosas". È chiaro, quindi, come per la prima declinazione, in generale, si forma l'accusativo unendo alla parola la desinenza "-m" al singolare e quella "-s" al plurale. La seconda declinazione raccoglie al suo interno 3 diversi gruppi di sostantivi. Innanzitutto, vi sono i sostantivi in "us", come "lupus, lupi" che formano l'accusativo come nella regola generale, diventando, quindi, "lupum, lupos". I sostantivi in "-er" e "-ir", come "puer, pueri" diventano quindi "puerum, pueros". Per i sostantivi neutri, invece, si hanno delle variazioni. Infatti, l'accusativo, ad esempio, del termine neutro "bellum, bella" rimane "bellum, bella", ovvero identico, sia nella forma singolare che in quella plurale, al nominativo.

Continua la lettura
57

L'accusativo plurale

La terza declinazione è quella più vasta, e per questo motivo per la formazione e l'utilizzo dell'accusativo vanno seguite diverse tipologie di regole, in base proprio alla tipologia di sostantivo difronte cui ci si trova. Per i sostantivi imparisillabi l'accusativo plurale rimane identico al nominativo. Il sostantivo "rex, reges" all'accusativo sarà quindi "regem, reges". I termini neutri imparisillabi rimangono identici al nominativo, sia al singolare che al plurale.

67

Il nominativo

La quarta declinazione comprende i termini maschili e femminili in "-us" e i neutri in "-u". Con i verbi impersonali come "piget" (rincrescersi), "paenitet" (pentirsi), "taedet" (annoiarsi), "miseret" (aver compassione) colui che prova il sentimento espresso dal verbo regge l'accusativo, mentre la cosa regge sia il nominativo, che il genitivo, che l'infinito.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Scrivendo in latino (e anche durante la fase di pronuncia) bisogna porre attenzione agli accenti posti sulle varie vocali. In particolare una linea dritta sta per accento lungo, mentre uno curvo sta per un accento breve.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Come declinare un nome latino

Fino a diversi decenni fa lo studio della lingua latina era previsto all'interno dei programmi delle scuole medie. Con l'evoluzione dei percorsi scolastici, il latino è divenuto una materia specifica per determinati studi, come quelli di alcuni particolari...
Lingue

Come declinare gli aggettivi in tedesco

Ogni lingua che si decide di approfondire ha delle difficoltà e delle regole grammaticali, che possono essere davvero noiose e difficili da apprendere; sicuramente uno degli argomenti meno piacevoli della lingua tedesca risultano essere proprio le declinazioni...
Lingue

Tedesco: la declinazione dei sostantivi

Di seguito un po' di grammatica tedesca, veloce e di ripasso. Spero soprattutto che vi sia utile, e spero di essere stata il più chiara possibile. Ci tengo molto a dire che la grammatica tedesca è molto meno complicata di quello che si dice in giro....
Superiori

Come Declinare Correttamente Il Pronome Relativo Latino

Molto spesso quando affrontiamo determinati argomenti o determinate materia, sia in ambito scolastico che universitario, possiamo incontrare dei problemi che in un certo qual modo possono complicarci la vita. In realtà bisognerebbe colmare le proprie...
Superiori

Le 5 declinazioni latine

Il latino è una lingua flessiva, in cui le parti variabili del discorso sono soggette a mutamento nelle desinenze che indicano la funzione di ogni parola all’interno della frase. Se la radice di un vocabolo ne esprime il significato base, la desinenza...
Superiori

Grammatica latina: aggettivi sostantivati

La lingua italiana è diretta discendente della lingua latina, oggi ormai quasi completamente estinta. Semplicemente perché, nonostante il latino sia rimasta la lingua ufficiale del Vaticano, essa non viene più parlata dagli italiani anche se, comunque,...
Superiori

Come Tradurre L'Aggettivo Questo In Tedesco

La lingua tedesca si è sviluppata sotto l'influenza del latino e come esso, ha delle regole ferree sulla costruzione della frase e sulla grammatica. Spesso, chi ha studiato latino, riesce a capire meglio e subito le difficili regole della sua struttura....
Lingue

Lingua tedesca: i complementi

La lingua tedesca fa parte delle lingue indoeuropee e, oltre ad essere la lingua nazionale della Germania, viene utilizzata anche in altre nazioni del centro dell'Europa, come il Belgio, l'Austria, il Lussemburgo e la Svizzera. Ma anche nella nostra penisola...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.