Karl Marx e il capitalismo

tramite: O2O
Difficoltà: media
19

Introduzione

Il filosofo Karl Marx, insieme ad alcuni dei massimi filosofi come Freud e Nietzsche, mise in discussione il concetto di verità dei filosofi precedenti e le loro argomentazioni. Karl Marx in particolare analizzò le verità economiche e il concetto di capitalismo, ritenne al pari di Feuerbach che il punto di partenza per ogni indagine sia l'Uomo in quanto individuo, connubio perfetto tra materia e ragione. Vediamo i principi fondamentali che legano Karl Marx e il Capitalismo.

29

Gli studi

Nato nel 1818 a Treviri, in Germania, intraprese gli studi di filosofia girovagando per tutta la Germania. Si laureò a Jena nel 1841. Seguì con particolare attenzione le lezioni di Hegel, del quale criticò gli aspetti idealistici astratti, approvando però il processo dialettico hegeliano. Assieme ad Engels scrisse il "Manifesto del Partito Comunista", simbolo del definitivo passaggio al socialismo scientifico, per concretizzare pienamente un'idea in precedenza solo astratta.

39

Le scelte politiche

Nel 1864 a Londra fondò anche la "Prima Internazionale del Lavoro", organizzando per la prima volta la classe operaia per una abolizione definitiva del sistema di lavoro salariato. Scriverà "Il Capitale" per analizzare il modello di produzione capitalistico, offrendo spunti di riflessione alla classe dirigente politica. Precarie condizioni di salute, purtroppo, condussero Karl Marx alla morte nel marzo 1883 a Londra.

Continua la lettura
49

La dottrina

La dottrina marxista pone le basi sull'azione, sull'agire umano, su un uomo che è definito dalle condizioni di vita. Marx si occupa, pertanto, non di individui solitari ma di quelli realmente esistenti ed operanti all'interno del contesto sociale. L'osservazione filosofica non deve solo prendere come oggetto d'esame la realtà, ma allo stesso tempo essere in grado di trasformarla. L'azione che modella e trasforma il mondo deve realizzare la prassi rivoluzionaria.

59

Il concetto di alienazione

Il pensiero di Marx rielabora l'idea di alienazione di Feuerbach, ricercandone le cause. La sua dottrina indaga in profondità le caratteristiche del capitalismo, arrivando a sostenere che il sentimento religioso sia solamente un prodotto sociale, cioè una fuga dall'alienazione economica: l'uomo è sempre vittima del lavoro alienato, capace di annullare e addirittura eliminare l'individuo. In funzione del lavoro, l'uomo dimentica la sua umanità e dignità, essendo dipendente da questo.

69

Il lavoro che rende vittime del guadagno

Secondo il materialismo storico di Marx, la vita umana conduce al bisogno naturale di voler soddisfare i propri bisogni materiali. Parla in particolare di bisogni vitali come mangiare, bere e dormire, e bisogni secondari quali la famiglia, il lavoro e la proprietà privata. Questi ultimi conducono inesorabilmente al desidero del capitalismo. L'individuo lavora fino alla morte, diventando la vittima del guadagno.

79

Il lavoro come vincolo sociale

Marx deduce che il pretesto economico sta alla base di ogni attività umana, divenendo unico legame tra gli uomini. Questo origina classi sociali e provoca la lotta di classe, che genera il decorso storico. Ogni classe sociale aspira poi al comando ed al potere politico, in modo del tutto naturale. Dal tema politico a quello economico il passo è breve: il valore di un prodotto dovrebbe basarsi sul tempo impiegato a produrlo da parte del lavoratore. Ma questo non accade.

89

Il valore del lavoro

Nella realtà dei fatti il lavoratore viene ricompensato solo per le ore quantitative e non per l'impegno profuso. Questa situazione genera il plusvalore, cioè il valore aggiunto del prodotto che arricchisce il padrone, che diverrà in seguito il capitale padronale. Ciò non dipende o meno dall'onestà dell'imprenditore, ma è una vera e propria caratteristica peculiare del rapporto di produzione, del capitalismo.

99

Le ragioni dell'abolizione del capitalismo

Per questa ragione, il filosofo tedesco sostenne l'abolizione totale del capitalismo, poiché genera soltanto disparità sociale. Marx propone come alternativa il comunismo, secondo il quale il proletariato si organizza e diviene una classe solida, forte e soprattutto consapevole della propria potenzialità di rivoluzionare il mondo. Solo il comunismo, secondo Marx, ridona all'uomo la sua dignità, liberandolo dall'oppressione capitalista.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Karl Mannheim: pensiero e opere

Tra i sociologi e filosofi più importanti della storia, troviamo senza ombra di dubbio l'ungherese Karl Mannheim, che è stato uno dei massimi esponenti della cultura europea della prima metà del Novecento. Egli a Londra ottiene la docenza di sociologia...
Università e Master

Max Weber: il pensiero in pillole

Max Weber è stato un economista, filosofo e sociologo tedesco, nato ad Erfurt nel 1864 e morto a Monaco di Baviera il 14 giugno 1920.  Negli anni in cui opera la concezione di alcune discipline del sapere cambia completamente volto: psicologia, sociologia,...
Università e Master

Appunti di economia aziendale: la banca dei poveri

Nell'era del capitalismo finanziario la banca dei poveri ha diritto ad uno spazio solo tra gli "appunti" di economia aziendale. I Paesi occidentali sono in una carreggiata che vieta un'inversione di marcia di questo tipo. Siamo nei tempi in cui le banche...
Università e Master

Appunti di filologia classica

Probabilmente vi sarà capitato di sentire parlare della filologia classica. L'oggetto di tale materia è lo studio dei documenti che nei tempi antichi sono stati scritti in lingua greca o latina. L'obiettivo è arrivare ad una interpretazione davvero...
Università e Master

Appunti di economia politica

L'economia politica rappresenta quella scienza che si occupa di studiare il funzionamento dei sistemi economici. Già nell'antichità e nel Medioevo si sono sviluppate le prime riflessioni in merito a questo argomento. Tuttavia soltanto in epoca rinascimentale,...
Università e Master

Weber: pensiero sociologico

Max Weber, nato nel 1864, fu un giovane molto attivo nella sua epoca e si interessò molto di tutti i cambiamenti che animavano la società. Visse, infatti, nell'epoca delle grandi rivoluzioni e delle grandi svolte che hanno segnato la storia degli anni...
Università e Master

Tocqueville: pensiero sociologico

La figura del filosofo e politico francese Alexis de Tocqueville sembra essere tornata di moda da qualche settimana. Il motivo di tanta attenzione nei suoi riguardi è dovuto principalmente alla scelta del Partito Comunista Cinese di imporne la lettura...
Università e Master

Appunti di sociologia generale

La sociologia è una disciplina che studia l’individuo in relazione alla sua dimensione sociale. Il termine è stato coniato da August Comte durante una lezione di filosofia positivista nel 1830, durante la quale affrontò la questione della costruzione...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.