Kant ed Hegel: confronto sulla logica

Tramite: O2O 16/09/2018
Difficoltà: media
16

Introduzione

La filosofia è solitamente tra le materie alle quali gli studenti si avvicinano e si interessano meno. Questo per via della sua complessità, dei suoi concetti incomprensibili e della grande quantità di materiale da studiare. Potrete però restare sorpresi di quanto sia accettabile e comprensibile la filosofia se solo vi concentraste nel capire e ragionare col vostro intelletto su di essa, facendoli vostri i concetti, costruendo una vostra opinione. Questo è quello che facevano i filosofi, studiavano i concetti e ragionavano su di essi dando un parere soggettivo o universale.
Due dei filosofi di maggiore rilevanza sono stati Kant ed Hegel, e oggi andremo a scoprire che cosa pensavano della logica e il loro confronto verso la metafisica.

26

Occorrente

  • Libro di filosofia
36

La logica per Kant

Per Kant la logica è la scienza della verità, del finito, dell'universale, è la realtà del pensiero, ed è trascendentale. Si divide in analitica trascendentale e dialettica trascendentale. Nel primo caso, viene presa in considerazione la conoscenza astratta, cioè l'intelletto. L'intelletto viene supportato da 12 categorie che ci permettono di sintetizzare le strutture mettendo insieme tutte le intuizioni sensibili (date dai sensi), cioè l'esperienza organizzata. Le 12 categorie sono delle leggi universali con cui si vanno a dare senso e successivamente sintetizzare tutte le esperienze che un individuo compie creando un ragionamento logico.
Nella dialettica trascendentale invece Kant parla del problema della metafisica, cioè la ragione. La ragione è considerata come il luogo dell'incondizionato, il desiderio dell'uomo di conoscere oltre quello che i suoi cinque sensi e il suo intelletto o la natura che lo circonda gli possono dare. L'individuo cerca di più, ma in campo metafisico non esiste l'esperienza, non si può infatti provare la conoscenza di Dio, dell'essenza o della sostanza. La metafisica quindi non permette nessun contatto con la sintesi, né con l'organizzazione, né con le strutture, e prima ancora di andarle a cercare, ci rendiamo conto che la sintesi non è possibile.

46

La logica per Hegel

Hegel parla della logica definendola come una cosiddetta "impalcatura" del mondo originario, ovvero la struttura della realtà divisa e suddivisa nei vari concetti. Il concetto per Hegel è il pensiero oggettivo, esprime quindi la totalità della realtà. La logica qui si suddivide in: logica dell'essere, dell'essenza e del concetto. Nella prima parte, Hegel mette al centro del discorso il puro essere, che era sostanzialmente indeterminato e quindi privo di contenuti. Essendo quindi privo di contenuti era paragonabile al suo contraltare: il nulla. Hegel però mostra che c'è un passaggio di movimento dal puro essere al nulla, questo movimento si chiama divenire.
La seconda parte parla dell'essenza, e quindi dell'essere determinato secondo qualità, quantità e misura. Qui siccome l'essere ha dei suoi parametri di misura, viene considerato isolato dagli enti senza guardare le sue relazioni con quello che gli sta intorno. La sua determinazione quindi ne dimostra la sua unicità e la differenza dagli altri esseri, scopre quindi la sua ragion sufficiente, ovvero l'essenza. Si passa quindi all'ultimo punto, la logica del concetto, che per Hegel era lo spirito vivente della realtà, l'idea.

Continua la lettura
56

La metafisica

Kant è considerato epistemologo e distruttore della metafisica, sostiene che questa sia necessaria e inevitabile, qualcosa per cui l'uomo ha una predisposizione naturale. E crede che non sia nient'altro che un campo di battaglia di inflitti e controversi, nel senso che non ha portato a nulla, a nessun sapere certo. Si chiede quindi, visto che un sapere scientifico è impossibile nella metafisica, come sia possibile l'esistenza della metafisica in generale. Kant critica quindi la metafisica tradizionale perché questa pensa che la ragione possa fare a meno dell'esperienza, mentre lui stesso crede fermamente che tutta la conoscenza derivi dall'esperienza. Crede che sia necessario che la metafisica subisca una riforma, ma pensa anche che quello non fosse il periodo giusto per il cambiamento, e quindi si ferma qui.
Per Hegel invece la metafisica è lo spirito che si occupa della sua pura essenza, la considera la manifestazione più alta dello spirito, ovvero del sapere umano. La metafisica è quindi l'essenza dell'umanità in quanto umanità. Per questo motivo, è necessario per lui che la metafisica risorga dalle ceneri, e quindi lotta per la fondazione di una scienza della logica che deve prendere il posto della vecchia metafisica. Hegel quindi per fondare una nuova metafisica fa tesoro delle critiche che fece Kant, parte da queste, ma gli si discosta perché molte delle ragioni di Kant erano fondate sulla metafisica tradizionale, e per lui questa non era più considerabile.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Leggete e rileggete i concetti fin quando non saprete di averli compresi e di poterci ragionare sopra.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Kant: la dialettica trascendentale

Kant è senza dubbio uno dei più importanti filosofi tedeschi, nonchè un esponente dell'illuminismo tedesco; inoltre è noto per essere il fondatore della filosofia idealistica. Nella terza parte della sua maggior opera, la Critica della ragion pura,...
Superiori

La filosofia di Kant in pillole

Immanuel Kant, uno dei maggiori filosofi di tutti i tempi, nacque a Konigsberg nel 1724 da famiglia povera. È stato uno dei maggiori esponenti della corrente illuministica tedesca e precursore della filosofia idealistica. Il perno della dottrina kantiana...
Superiori

Filosofia: il pensiero di Kant

Immanuel Kant nacque a Könisberg nella Prussia orientale il 22 aprile del 1724. È stato uno dei più importanti filosofi di tutti i tempi, esponente della corrente di pensiero dell'Illuminismo. È stato inoltre anche precursore dei principi basilari...
Superiori

Kant: Ragion Pura, Pratica e Critica del Giudizio

La filosofia è una disciplina che riflette sull'esistenza dell'uomo, sul suo "essere", sui suoi limiti di conoscenza. Sono moltissimi i filosofi che si interrogano su questi quesiti ed ognuno di loro formula un suo particolare pensiero. Generalmente...
Superiori

L'estetica trascendentale di Kant

Ci sarà sicuramente capitato, durante il nostro percorso scolastico di dover studiare alcuni particolari ed importantissimi filosofi, ma molto spesso il loro pensiero risulta molto complesso e per riuscire a comprendere il senso alla perfezione potrebbe...
Superiori

Kant: l'imperativo categorico

Le regole morali dell'azione vengono espresse da Kant nell'Imperativo categorico: esso corrisponde alla legge universale, oggettiva della Ragion Pratica, e conferisce un senso alla condotta morale.I principii pratici dell'Imperativo possono essere soggettivi...
Superiori

Breve confronto tra razionalismo ed empirismo

Esiste una netta differenza tra razionalismo ed empirismo. In realtà sono due correnti di pensiero l'una l'opposta dell'altra. Il razionalismo è basato sullo studio della ragione e l'empirismo è la credenza nella percezione dei sensi. In questa guida...
Superiori

Come risolvere un sistema di primo grado col metodo di confronto

La matematica è senza ombra di dubbio la materia che più preoccupa alunni e genitori, in quanto è la più ostica e di conseguenza anche la meno amata dagli studenti di qualsiasi età, a partire da quelli dalle scuole elementari fino ad arrivare agli...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.